INNOVAZIONE

Harman pensa a migliorare la sicurezza dei veicoli con nuove tecnologia ADAS

di Danilo Loda


2' di lettura

Herman, azienda interamente controllata da Samsung, ha scelto il CES 2019 per svelare alcune nuove tecnologie ADAS studiate per offrire agli automobilisti un grado di sicurezza più avanzato. Queste nuove tecnologie saranno a disposizione delle case automobilistiche che potranno integrarle sui nuovi veicoli connessi e con guida semi-autonoma.
La suite ADAS di Harman prende il nome di Surround View Sensor Intelligence ed offre la possibilità di monitorare, registrare e analizzare l'ambiente del veicolo, unendo i dati tra i sensori e il cloud, creando così un'esperienza di guida più sicura. La piattaforma Harman Augmented Reality viene utilizzata per visualizzare le informazioni in arrivo dai sistemi ADAS all'interno dei nuovi abitacoli digitali, contribuendo a creare la necessaria fiducia da parte dei conducenti nella tecnologia ADAS.
La suite comprende il sistema Camera Monitoring System che si basa sulle immagini in arrivo da tre telecamere e dai radar angolari. I sensori destro e sinistro, abbinati alla telecamera posteriore a lungo raggio (tipicamente posizionata proprio sopra la targa del veicolo) “guardano” dietro l'auto per monitorare i punti ciechi, avvisare il conducente in caso collisione posteriore ed aiutarlo nel cambio di corsia. I sensori radar ad angolo corto coprono l'intero pacchetto di visualizzazione a 360 gradi.
Forward Facing Camera è la videocamera frontale, elemento chiave per il rilevamento ambientale, che grazie ad algoritmi avanzati consente il rilevamento della corsia ed insieme al radar a lungo raggio di rilevare i veicoli che precedono per mantenere una distanza di sicurezza anche nel traffico più caotico
Cabin Monitoring System è un avanzato sistema studiato da Harman per veicoli con guida autonoma di livello 3, per facilitare il passaggio di consegne tra l'auto e il guidatore quando non sono soddisfatti i requisiti che consentono al veicolo di guidare in autonomia. Il sistema di monitoraggio della cabina utilizza sensori per catturare le più importanti caratteristiche biometriche di un conducente, tra cui lo sguardo, la posizione della testa e il diametro della pupilla. Il sistema può anche analizzare il contenuto uditivo e il ritmo cardiaco o respiratorio degli occupanti utilizzando algoritmi proprietari e brevettati per fornire ulteriori segnali biometrici come attività emozionale e carico cognitivo.
In collaborazione con Innoviz Technologies Harman ha studiato una soluzione Lidar in grado di aiutare le automobili autonome a “vedere” dove stanno andando e rilevare quindi gli oggetti che gli si parano davanti in modo molto più accurato.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti