videogame

Harry Potter: Wizard Unite, il maghetto rinasce con la realtà aumentata

di Luca Tremolada


default onloading pic

2' di lettura

I “ragazzi” di Niantic sono quelli di Pokémon Go. WB Games è la divisione di gaming di Warner Bros. Insieme hanno lanciato Harry Potter Wizards Unite, un gioco per smartphone ambientato nell’universo del maghetto occhialuto. Il successo è piuttosto probabile. L’app sfrutta i sette anni di esperienza di Niantic nel campo della realtà aumentata per dare vita (e profondità) alla “cosmogonia” nata dalla celebre saga letteraria firmata dalla scrittrice britannica J.K. Rowling.

LEGGI ANCHE / Videogiochi, ecco l'uomo che ha dichiarato guerra alle console

Come funziona
Il gioco infatti è una versione rivista e più articolata di Pokémon Go.  Si va in giro con lo smartphone, si incontrano creature mostruose e ci tocca catturarle lanciando incantesimi. La Calamità è la nuova minaccia che si manifesta in varie forme nel mondo dei babbani. Compito di noi maghi è quello di intervenire recuperando artefatti, creature, personaggi e perfino memorie del passato. In sostanza quindi per lanciare un incantesimo basta tracciare con il dito una linea seguendo lo schema proposto, in modo previso e veloce. Questi sono i fondamentali perché pur utilizzando la struttura dei mostricciattoli da combattimento sono moltissime le attività che saremo chiamati a fare.

Harry Potter: Wizards Unite, ecco il trailer di lancio

Il gameplay
Rispetto a Pokémon Go è più intrigante la crescita del personaggio. Per catturare i Soqquadri che sono le creature magiche da cacciare serve energia magica che può essere presa nelle locande sparse in giro per il territorio. Servirà anche le serre per le pozioni magiche e le Fortezze che sono un po’ le palestre dei Pokémon. Dal seso livello in poi inoltre ci viene chiesto di specializzarci e scegliere la classe di appartenenza: Auror, Magizoologo o Insegnante. Il primo combatte meglio le Forze oscure, il secondo gli animali il terzo infligge danni aggiuntivi alle “curoisità”. Il consiglio è quello di farsi molti amici e se si ha la possibilità di girare il più possibile. Rientra a pieno titolo nella categoria «time killer». Per Pokémon Go (un giro d’affari superiore ai due miliardi da lancio nel 2016) il successo è stato globale. Harry Potter almeno come marchio sulla carta è ancora più potente.

    Brand connect

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...