ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùPolitiche sanitarie

Healthcare Summit 2022, Schillaci: «Più risorse alla sanità. Ora rafforzare la rete territoriale»

Il ministro della Salute Orazio Schillaci ha aperto i lavori dell’undicesima edizione dell’Healthcare Summit organizzata da Il Sole 24 Ore

Il ministro della Salute Orazio Schillaci (Ansa)

2' di lettura

«Nonostante una situazione economica complicata dovuta alla post pandemia, alla guerra in Ucraina e alla crisi energetica, il Governo ha messo oggi sulla sanità 2,2 miliardi di euro in più rispetto a quanto previsto per il 2023. Questo è una chiara inversione di tendenza. Se andate a vedere la spesa sanitaria dal 2013 al 2019, purtroppo il fondo sanitario è sempre stato definanziato».

Così il ministro della Salute Orazio Schillaci, aprendo i lavori dell'undicesima edizione del Healthcare Summit de Il Sole 24 Ore. «Gli incrementi che ci sono stati nel 2020 e nel 2021 sono stati conseguenza della pandemia di cui tutti avremmo volentieri fatto a meno. Il nostro sforzo iniziale con una manovra che è stata licenziata in un mese, il mio e quello del ministero è stato di mettere la sanità al centro dell'attenzione».

Loading...
Health Care Summit 2022

Rafforzare la rete territoriale

«Se guardiamo alla sanità e alla missione sei, abbiamo investimenti che riguardano la rete di prossimità e la telemedicina che cubano insieme 7 miliardi di euro e hanno come finalità la riorganizzazione della rete territoriale», ha continuato il ministro.

Secondo Schillati si tratta di «un aspetto particolarmente importante perché la pandemia ha ampiamente dimostrato come la fragilità maggiore è dovuta alla medicina territoriale».

Una fragilità che va a creare un «sovraffollamento» dei pronto soccorso con quote elevate di accessi di persone che «potrebbero essere gestite nei territori».

Per il ministro, che ha sottolineato come i «costi sono aumentati», è necessario «trovare soluzioni per far funzionare le strutture territoriali e far si’ che i cittadini le vedano come strutture sicure. Stiamo lavorando da subito su questo dossier perché non basta solo edificare, ma le case di comunità devono entrare in un sistema di medicina territoriale e bisogna armonizzare queste strutture: penso alle reti delle farmacie».

Covid sorvegliato speciale

Sul fronte della pandemia, il ministro ha spiegato: «Guardiamo con attenzione al Covid: non è più come tre anni fa, ma invitiamo le persone più fragili a vaccinarsi».

L’intervento all’Healthcare Summit organizzato da Il Sole 24 Ore ha dato l’occasione di tornare anche sulle problematiche del personale sanitario.

«II personale sanitario merita rispetto. Il mio impegno è di rivalutare il trattamento economico di chi opera nel servizio sanitario nazionale. È il primo provvedimento che speriamo possa essere anticipato al 2023. Sicuramente c'è l'impegno con le Regioni di destinare appena possibile un maggiore finanziamento per retribuire tutti gli operatori sanitari per far si’ che il sistema sanitario nazionale possa ritornare a essere attrattivo».

Gli extracosti e il ruolo delle regioni

Secondo il ministro della Salute Orazio Schillaci sul tema degli extracosti per il sistema sanitario serve un accordo con le Regioni. «C'è il ministero della Salute - ha chiarito - ma ci sono anche le Regioni e ci deve essere una collaborazione virtuosa tra il ministero, il Governo e le Regioni».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti