ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùil nuovo lusso

Hermès lancia la prima borsa fatta di pelle derivata dai funghi

La maison è il primo grande marchio del lusso a scommettere sul successo dei materiali alternativi alla pelle. E per le start up del settore si aprono nuovi, interessanti scenari

di Chiara Beghelli

La Victoria bag di Hermès in Sylvania, un pellame derivato dai funghi e creato da MycoWorks (photo: Coppi Barbieri)

3' di lettura

Finora «fungo» poteva essere una tonalità di marrone di una borsa. Non è più solo così: di funghi, o meglio della pelle vegetale derivata dalla lavorazione dei loro miceli (una sorta di apparato vegetativo fatto di piccoli filamenti) ora esiste anche una borsa, e firmata da uno dei marchi simbolo del lusso.

Hermès ha appena comunicato che realizzerà una versione della sua Victoria bag, nata nel 1997 e del valore di circa 5mila euro, fatta del pellame vegetale Sylvania, creato a partire da un particolare trattamento dei miceli da MycoWorks, giovane azienda di Emeryville, California, che ha messo a punto la tecnologia Fine Mycelium.

Loading...

Sylvania è realizzata nella manifattura di MycoWorks, ma viene poi tinta e rifinita in Francia dai conciatori di Hermès, che ne aumentano la resistenza e la durevolezza, ed poi è lavorata dai maestri pellettieri della maison.

MycoWorks

Tre anni sono serviti per realizzare questo nuovo materiale e per inaugurare questa collaborazione, che è iniziata in realtà nel 2017, quando MycoWorks stava iniziando a muovere i suoi primi passi da start up dei materiali alternativi. La sua storia è in realtà legata alla sperimentazione artistica: bisogna tornare indietro fino agli anni 90, quando a San Francisco l’artista Philip Ross iniziò a studiare le proprietà dei funghi reishi e a usarli per farne sculture. In collaborazione con l’artista Sophia Wang (con una formazione in biologia cellulare) si iniziarono a capire le potenzialità anche commerciali di questo materiale, in primis per l’industria della moda e del lusso, si formò dunque un team di scienziati, ingegneri, biologi e nel 2013 nacque MycoWorks.

La svolta, però, arriva solo un anno fa, quando alla New York Fashion Week presentano Reishi, la prima pelle vegetale derivata dai funghi. È un successo, e a novembre 2020 MycoWorks riceve 45 milioni di dollari di finanziamenti di serie B (anche da Natalie Portman, attrice notoriamente vegana, e da John Legend). Nello stesso periodo, inaugura una nuova manifattura per produrre Reishi, materiale sempre più richiesto.

MycoWorks

Perché un marchio del lusso così iconico e solido e per certi versi tradizionale come Hermès (che ha chiuso peraltro il 2020 con appena un calo del 6% dei ricavi, a fronte di una media dell’industria del lusso del 20-30%) ha investito in questo progetto? «Hermès si è connesso alla nostra storia poiché Fine Mycelium ha le sue radici nell’arte e nell’artigianato - si legge nella nota dell’azienda che presenta la nuova borsa - e ha riconosciuto che il Fine Mycelium ha il potenziale di essere il materiale di più alta qualità al mondo del suo genere».

MycoWorks, per quanto molto sofisticata, non è che una delle start up che stanno mettendo a punto alternative alla pelle animale per un’industria della moda sempre più votata alla sostenibilità: la statunitense Bolt Threads, per esempio, ha brevettato Mylo, pellame ricavato dal micelio, e ha avuto il sostegno di un consorzio formato da Adidas, Stella McCartney, Lululemon e Kering, che finora è il più grande investimento del mondo della moda in un materiale alternativo alla pelle; c’è poi Muskin, invenzione di Grado Zero, azienda di Montelupo Fiorentino specializzata in materiali innovativi e sostenibili, ricavato dal fungo Phellinus ellipsoideus.

Adidas in Mylo

Sembra che la pelle di fungo profumi lievemente proprio di fungo, in effetti, un aroma che non è poi molto diverso da quello di una giacca di pelle vintage. Ma nel campo dei nuovi materiali sostenibili la dimensione del tempo più amata è quella del futuro. Un futuro che probabilmente, anche grazie alla mossa di Hermès, arriverà molto presto.

Riproduzione riservata ©

Consigli24: idee per lo shopping

Scopri tutte le offerte

Ogni volta che viene fatto un acquisto attraverso uno dei link, Il Sole 24 Ore riceve una commissione ma per l’utente non c’è alcuna variazione del prezzo finale e tutti i link all’acquisto sono accuratamente vagliati e rimandano a piattaforme sicure di acquisto online

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti