ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùlusso

Hermès, ricavi in crescita del 4% nel terzo trimestre

Nel periodo il gruppo francese del lusso ha raggiunto vendite per 1,8 miliardi, portando il saldo dei primi nove mesi dell’anno a a4,288 miliardi (-14% rispetto al 2019)

di Monica D'Ascenzo

default onloading pic
(REUTERS)

Nel periodo il gruppo francese del lusso ha raggiunto vendite per 1,8 miliardi, portando il saldo dei primi nove mesi dell’anno a a4,288 miliardi (-14% rispetto al 2019)


2' di lettura

La trimestrale di Hermès conferma la buona estate vissuta dai marchi del lusso a livello internazionale. I risultati hanno sorpreso positivamente gli analisti. Nei primi nove mesi terminati a fine settembre 2020, i ricavi consolidati del gruppo sono stati pari a 4,288 miliardi di euro, in calo del 14% a cambi correnti e a cambi costanti, ma dopo un secondo trimestre segnato dall’emergenza sanitaria e dalla crisi economica, le vendite del terzo trimestre sono risultate in crescita del 4,2% a cambi correnti a 1,8 miliarid di euro, trainate dalla forte attività dei negozi del gruppo (+ 12% a cambi costanti tassi), dallo slancio positivo della ripresa in Asia e da un significativo miglioramento in tutte le altre aree geografiche.

«Nel 2020, stiamo assistendo all’affermazione di importanti impegni strategici che hanno a che fare con la responsabilità sociale e ambientale, la digitalizzazione delle abitudini e degli stili di vita, e da dinamiche di mercato positive in Asia. Tenendo conto di questi cambiamenti profondi e duraturi, oggi restiamo fiduciosi nonostante un futuro ancora incerto. La nostra buona performance ci consente di continuare a investire e creare posti di lavoro. Vorrei ringraziare tutti i team di Hermès che lavorano quotidianamente per far crescere il gruppo» commenta Axel Dumas, presidente esecutivo di Hermès.

Loading...

Il traino del mercato asiatico

A fine di settembre, le vendite nei negozi del gruppo erano diminuite dell’11% a tassi di cambio costanti, con un terzo trimestre in crescita invece del 12%. In rafforzamento, come per altri gruppi del lusso, l’accelerazione delle vendite online, con un forte aumento del traffico e dei tassi di conversione. Le attività di vendita all’ingrosso sono, invece, risultate in calo del 35% nei nove mesi, penalizzate principalmente dal travel retail.

I positivi segnali di ripresa subito dopo il lockdown, sono stati confermati nel tempo sul mercato asiatico. L’area, escluso il Giappone che ha segnato un +11% nel trimestre, ha proseguito la sua dinamica molto favorevole, trainata da un robusto terzo trimestre in crescita del 29% grazie alle vendite in Cina continentale, Corea, Australia e Thailandia. E’ migliorata, nel periodo, anche l’attività a Hong Kong e Singapore. Le vendite online, poi, sono risultate in forte crescita e beneficiano della nuova piattaforma digitale, implementata quest'anno a Hong Kong, Macao e Corea.

Continua a soffrire, l’America, che ha segnato nei primi nove mesi una flessione del -29%, ma è migliorata nel terzo trimestre con un -5,2%. L’Europa esclusa la Francia (-32,6% nei 9 mesi) risente ancora del calo dei flussi turistici, in parte compensato dalla clientela locale. La flessione da inizio hanno risulta essere del 26,5%, ma nel solo terzo trimestre cala a un -9,9%.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti