ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLusso

Hermès, utile a 1,6 miliardi a fronte di ricavi per 5,5 miliardi (+29%)

Stati Uniti ed Europa hanno guidato la crescita con incrementi del 34%, mentre Asia (+15%) e Giappone (+20) sono andati più a rilento

di Monica D'Ascenzo

(REUTERS)

2' di lettura

Primo semestre in crescita per Hermès nel 2022. Il gruppo francese seguenei risultati i due colossi del lusso, Lvmh e Kering, che hanno diffuso i dati nei giorni scorsi e hanno evidenziato un miglioramento a livello sia di ricavi sia di redditività nei primi sei mesi di quest’anno. Per Hermes i ricavi consolidati sono stati pari a 5,475 miliardi di euro, in crescita del 29% a cambi correnti e del 23% a tassi di cambio costanti rispetto allo stesso periodo del 2021. Le aree geografiche che hanno registrato le crescite maggiori sono Stati Uniti (+34%) ed Europa esclusa la Francia (+34%), mentre l’Asia ha segnato un +15% e il Giappone un +20%. In Francia l’incremento è stato del 41%.

Il risultato operativo ricorrente è cresciuto del 34% e si è attestato a 2,304 miliardi di euro rispetto ai 1,722 miliardi di euro del primo semestre 2021. «Grazie all’effetto leva generato dal forte incremento delle vendite e agli eccezionali tassi di sell-through degli incassi, il margine operativo ricorrente ha raggiunto un massimo storico del 42% rispetto al 41% di fine giugno 2021» si legge nella nota del gruppo francese.L’utile netto consolidato (quota di gruppo) è risultato a 1,641 miliardi di euro (30% delle vendite) rispetto a 1,174 miliardi di euro del primo semestre 2021.

Loading...

«I risultati molto dinamici dei primi sei mesi dell’anno testimoniano la crescita nelle nostre 16 attività e la forte desiderabilità dei nostri oggetti, progettati da artigiani con un approccio sostenibile, senza compromettere qualità. In un contesto ancora instabile, andiamo avanti con fiducia, fedeli al nostro ruolo di azienda responsabile e impegnata nei confronti dei nostri dipendenti e dei nostri partner” commenta Axel Dumas, presidente esecutivo di Hermès.

Gli investimenti operativi hanno rappresentato 190 milioni di euro e il free cash flow rettificato ha raggiunto 1,421 miliardi di euro.Dopo la distribuzione del dividendo ordinario (837 milioni di euro) e l’inclusione degli acquisti di azioni proprie (115 milioni di euro per 103.368 azioni escluso il contratto di liquidità), la posizione finanziaria netta rideterminata è aumentata di 615 milioni di euro a 7.685 milioni di euro rispetto a 7.070 milioni di euro al 31 dicembre 2021.

«Per il 2022 - si legge nella nota - gli effetti del contesto dovuto al Covid sono ancora difficili da valutare. Il nostro modello artigianale altamente integrato e la rete distributiva equilibrata, così come la creatività delle collezioni e la fidelizzazione dei clienti ci permettono di guardare al futuro con fiducia. Nel medio termine, nonostante le incertezze economiche, geopolitiche e monetarie in tutto il mondo, il gruppo conferma un obiettivo ambizioso di crescita dei ricavi a tassi di cambio costanti. Grazie al suo modello di business unico, Hermès persegue la sua strategia di sviluppo a lungo termine basata sulla creatività, mantenendo il controllo sul know-how e sulla comunicazione singolare».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti