IMMOBILIARE

Homepal lancia la campagna per crescere con il crowdfunding

Su Mamacrowd una raccolta di nuovi fondi (attiva dall’11 febbraio) che punta come primo obiettivo a 1 milione di euro: taglio minimo, 500 euro

di Laura Cavestri

default onloading pic
(Ralf Gosch - Fotolia)

3' di lettura

Homepal – uno dei principali operatori proptech in Italia – apre la possibilità di investire nel suo capitale, annunciando il lancio di una campagna di crowdfunding.
Attiva dall’11 febbraio all'’11 marzo su Mamacrowd – piattaforma italiana per investimenti di equity crowdfunding – la campagna punta a raccogliere 1 milione di euro come primo obiettivo e a coinvolgere la community, a partire dai clienti, con un piano di azionariato diffuso volto a finanziare la propria crescita utilizzando un modo nuovo e partecipativo.

«Homepal è nata per facilitare l’accesso all'acquisto e alla vendita del proprio immobile,utilizzando la tecnologia – commenta Monica Regazzi, co-founder e ceo di Homepal –. Oggi vogliamo coinvolgere nel nostro percorso di crescita sia la nostra community, che conta più di 350mila persone, sia tutte quelle persone che credono nella potenzialità della tecnologia nel settore immobiliare. Crediamo moltissimo nel crowdfunding che consente, anche con piccole somme, di far parte di un grandissimo progetto».

Loading...

Gli obiettivi

La campagna prevede un investimento che parte da un taglio minimo di 500 euro (fino a 500 mila euro) e beneficia, dal punto di vista fiscale, della detrazione Irpef del 50% (fino a 300 mila euro) per l’investimento nel capitale di aziende iscritte al registro delle imprese innovative quali Homepal.

La maturità che la società ha già raggiunto (5mila appuntamenti e 70 immobili venduti al mese, con oltre 2 milioni di fatturato) rilancia l’obiettivo di diventare la prima agenzia immobiliare in Italia. I fondi saranno utilizzati per assumere nuove risorse (in particolare i DigitalAgents®), potenziare il sito e il motore di valutazione online degli immobili, creare una nuova App e investire in pubblicità per migliorare la riconoscibilità del brand. Attraverso tutti questi progetti, Homepal punta ad arrivare a gestire fino a 500 transazioni immobiliari al mese. «Grazie alla tecnologia siamo riusciti a digitalizzare interamente il processo di compravendita immobiliare, portando nel settore trasparenza e una completa revisione dei prezzi a favore del cliente – commenta Fabio Marra, co-founder e cco di Homepal –. Permettiamo di vendere casa senza commissioni percentuali e comprarla pagando soltanto l’1,5%, con un risparmio di almeno il 50% rispetto alle agenzie tradizionali. Quest’ultimo difficile anno ci ha dimostrato che in Italia le persone sono pronte al digitale. È arrivato quindi il momento di premere sull’acceleratore».

Le previsioni di mercato

«Le nostre previsioni per il mercato immobiliare residenziale sono positive, con una stimadi 540 mila compravendite nel 2021 – aggiunge Andrea Lacalamita, co-founder e presidente di Homepal – soprattutto perché la casa è diventata il “nido rifugio” durantela pandemia da vivere molto di più. Sempre più persone sono alla ricerca di una nuova abitazione per soddisfare le nuove esigenze. Oggi circa 2 milioni di italiani ritengono molto probabile cambiare casa nei prossimi sei mesi, un numero molto ampio che noi vogliamo aiutare attraverso la semplicità e il risparmio garantiti da Homepal».
Il crowdfunding, ha aggiunto Lacalamita, «rappresenta per noi una tappa entusiasmante e oggi vogliamo dare la possibilità a chi crede nell’obiettivo di Homepal di contribuire al nostro progetto e di prendere parte, da protagonisti, alla rivoluzione del settore immobiliare».
Homepal sta contribuendo ad innovare il settore immobiliare grazie alla tecnologia e a soluzioni smart. Siamo lieti di accogliere questa realtà sulla nostra piattaforma» ha concluso Dario Giudici, ceo di Mamacrowd.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter RealEstate+

La newsletter premium dedicata al mondo del mercato immobiliare con inchieste esclusive, notizie, analisi ed approfondimenti

Abbonati