La REPRESSIONE DEL DISSENSO  

Hong Kong, Cina contro tutti: linea dura anche con Usa e Uk

Solo una promessa i 3 milioni di visti offerti dal governo britannico. Avanza negli Usa la proposta di legge che sanziona le banche

di An.Man.

default onloading pic
La marcia del primo luglio a Hong Kong costata 370 arresti

Solo una promessa i 3 milioni di visti offerti dal governo britannico. Avanza negli Usa la proposta di legge che sanziona le banche


3' di lettura

Un centro finanziario mondiale ma anche una città che quasi da sola si oppone al colosso cinese. Hong Kong ha risposto alla legge liberticida voluta da Pechino da poco entrata in vigore - formalmente una nuova legge di sicurezza nazionale contro secessione, terrorismo, sovversione, collusione con forze straniere. Legge che non rispetta gli accordi sull’autonomia della regione amministrativa speciale presi con la Gran Bretagna davanti alle Nazioni Unite ventitré anni fa, nel 1997, e in teoria validi 50 anni quindi fino al 2037.

In teoria, perché la Cina non sta rispettando gli accordi, sta violando “chiaramente e seriamente il trattato firmato tra il governo cinese e quello britannico nel 1984” ha denunciato il premier britannico Johnson. La legge non colpisce pesantemente soltanto la libertà di espressione - il governo di Hong Kong controllato da Pechino considera illegale lo slogan “Liberate Hong Kong, revolution of our times” perché separatista e sovversivo - ma preoccupa tutte quelle aziende che lavorano con la sicurezza del dati. Mira inoltre a rendere difficile la vita agli stranieri a Hong Kong e punisce tutti i settori produttivi che in qualche modo possono minacciare i segreti di stato. C’è molta paura anche tra le istituzioni finanziarie, riporta il Financial Times. La legge altera le regole della concorrenza perché rafforza le aziende già schierate con Pechino (la Camera di Commercio di Hong Kong ha affermato che la legge sulla sicurezza “riporta stabilità”) ma ci sono pure istituzioni straniere come il gruppo bancario inglese HSBC che si son già dette favorevoli alla famigerata legge.

La Cina ferma e arresta circa 370 persone il 1° luglio, giorno del 23esimo anniversario del passaggio dei territori da Londra a Pechino nell’impotenza se non indifferenza generale. La colpa degli arrestati, tra cui pare alcuni quindicenni, è stata violare la nuova legge cioè partecipare a una manifestazione non autorizzata. La reazione cinese contro ogni tipo di obiezione da parte di altre potenze è una pronta minaccia di contromisure.

La promessa britannica di un passaporto

Con un malcelato senso di colpa, il governo britannico ha offerto ai cittadini di Hong Kong una via di fuga promettendo 3 milioni di nuovi visti e la prospettiva di un passaporto britannico. Promessa su cui contano gli attivisti interpellati da Reuters che assicurano “ci saranno centinaia e centinaia di richieste”. Promessa a cui la Cina ha prontamente risposto con minacce “prenderemo analoghe misure contro la Gran Bretagna” ma promessa vana, ammette lo stesso ministro degli esteri britannico, Dominic Raab. Perché il Regno Unito - ha detto il capo della diplomazia del governo Johnson - non potrebbe fare nulla se il regime cinese decidesse di fermare i fuggitivi.

Certo questo costa la fine della “golden era”, quella particolare sintonia almeno formale fra il presidente cinese Xi e l’ex premier britannico Cameron, travolto dalla malagestione di Brexit, ma il presidente Xi oggi non si può permettere di coltivare sogni di gloria globale con la pandemia da coronavirus tutt’altro che debellata (il focolaio di Pechino sembra per ora più un danno di immagine che una emergenza sanitaria come quella vissuta a Wuhan), le critiche occidentali sull’iniziale poca trasparenza riguardo alle “polmoniti d’orgine sconosciuta”, e la piazza di Hong Kong tutt’altro che domata.

La cautela di Taiwan

Che tiri una brutta aria in Cina e nelle immediate vicinanze e che il regime guidato da Xi non abbia in questo momento alcuna esitazione a reprimere il dissenso è comprovato dall’avvertimento del governo di Taiwan ai suoi cittadini di evitare viaggi non necessari a Hong Kong, Macau e naturalmente in Cina perché nessuno come un piccolo nemico vicino conosce l’umore del gigante un po’ in affanno rispetto al passato. Chiu Chui-Cheng, vice capo del Mainland Affairs Council, agenzia governativa taiwanese che si occupa di mantenere e sviluppare i rapporti con la Cina, ha detto ai giornalisti che la nuova legge cinese sulla sicurezza è la “più vergognosa mai varata nella storia”. Taiwan ha un governo democraticamente eletto e sostiene i dissidenti di Hong Kong, l’avviso ai suoi cittadini è un modo chiaro per evitare più che probabili ritorsioni.

Le sanzioni americane alle banche

Caratteristica del regime a Pechino è contrattaccare subito. Raramente, soprattutto nelle relazioni politiche diplomatiche, il governo cinese ricorre a tattiche attendiste. Il 2 luglio la Cina fa sapere “deplora e si oppone con forza” alla proposta di legge approvata dalla Camera americana, che torna al Senato per gli aggiustamenti tecnici, e autorizza tra l'altro sanzioni contro le banche che fanno affari con i funzionari cinesi coinvolti nella legge sulla sicurezza nazionale ora in vigore a Hong Kong. “Sollecitiamo gli Stati Uniti a capire la realtà della situazione, fermando le interferenze negli affari di Hong Kong e le leggi negative, altrimenti prenderemo forti contromisure”, ha affermato il portavoce del ministero degli Esteri Zhao Lijian.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti