asia

Hong Kong: le proteste continuano ma le aste autunnali non deludono

Mostre “congelate”, sviluppi immobiliari dedicati all'arte e al retail di lusso, gli incanti segnano risultati positivi nonostante tutto

di Maria Adelaide Marchesoni


default onloading pic
Yoshitomo Nara (1959),Can't Wait ‘til the Night Comes,venduto per HK$ 92.875.000 / US$ 11.929.322. 23 Novembre Christie's 20th Century & Contemporary Art Evening Sale

4' di lettura

Questa settimana Art Basel apre a Miami (5-8 dicembre), ma gli operatori guardano con attenzione quello che succede in un'altra piazza molto importante per il mercato dell'arte, Hong Kong. L'attenzione è rivolta soprattutto all’appuntamento di marzo della fiera svizzera, anche se è difficile prevedere oggi come sarà la situazione in primavera ( Art Basel Hong Kong dal 19 al 21 marzo 2020).
Al momento non ci sono indicazioni in merito a un eventuale annullamento o delocalizzazione della fiera in sedi alternative a Singapore o a Taipei, e l'unica indiscrezione è che Art Basel sta offrendo sconti agli espositori presso alberghi e ristoranti locali, oltre a ridurre le tariffe per i servizi collegati alla fiera.

Sanyu (Chang Yu, 1895-1966),Five Nudes, painted in 1950s. (120 x 172 cm). Venduto per HK$ 303.985.000. 23 November 2019 Christie's - Hong Kong

Le gallerie
Nonostante, al momento, non ci siano dubbi sulla prossima edizione di Art Basel Hong Kong, alcune mostre d'arte in programma a novembre sono state posticipate a data da definire. Tra queste la galleria Lévy Gorvy , che ha aperto lo scorso marzo a Hong Kong la sua prima galleria in Asia al pianterreno del Saint George ‘s Building al Central, ha rinviato una mostra dell'artista cinese Tu Hongtao in programma lo scorso 22 novembre. Anche Hauser & Wirth ha deciso di rinviare la prima mostra in Asia dedicata ai primi lavori della fotografa americana Annie Leibovitz, entrata a far parte della galleria lo scorso giugno. Iwan Wirth, presidente della galleria, ha dichiarato alla stampa che è intenzione di continuare l'attività: <ma in questo momento siamo sensibili alla situazione della città> sottolineando la sicurezza dei visitatori, del team e degli artisti. Il mercante francese Emmanuel Perrotin , una delle prime gallerie straniere ad aprire uno spazio nel 2012 nel Central ha confermato che, come programmato nel 2018 quindi in tempi non sospetti e ribadendo il fatto che il trasloco non ha nulla a che fare con le proteste antigovernative, lascerà la sede attuale per trasferirsi nella penisola di Kowloon. La nuova galleria, la cui apertura è prevista per marzo 2020, si troverà nello stesso edificio dell'hotel Rosewood nel Victoria Dockside district di Hong Kong a Kowloon.

Il nuovo scenario
Victoria Dockside è un nuovo distretto culturale e commerciale sviluppato dal gigante immobiliare New World Development (quotato ad Hong Kong: 10,16 HK$ 2/12/19). Dalla visione del suo vice presidente esecutivo e collezionista miliardario Adrian Cheng Chi-kong la società intende riqualificare il sito sul lungomare di Tsim Sha Tsui, acquisito negli anni Settanta dal nonno, il defunto magnate miliardario Cheng Yu-tung, in un quartiere d'arte e design. Lo sviluppo immobiliare da 2,6 miliardi di dollari Usa, realizzato su 3 milioni di metri quadrati sul lungomare Tsim Sha Tsui di Hong Kong e inaugurato quest’anno, è un complesso che comprende spazi commerciali, alberghieri, residenziali e uffici.

Adrian Cheng ha fondato nel 2008 il marchio K11 come modello di business “l'arte incontra il commercio”. K11 ha già al suo attivo cinque centri d'arte - uno a Hong Kong, quattro nella Cina Continentale, nelle città cinesi Tianjin e Wuhan. La riqualificazione del lungomare di Kowloon comprende il K11 Musea , inaugurato nell'agosto 2019 l’edificio si estende su 10 piani con una superficie 111.000 metri quadrati. Definito un retail culturale di alto livello offre accanto ai brand più famosi, opere d'arte di qualità museale, sculture e mobili d'epoca.

Takashi Murakami (b. 1962); & Pharrell Williams (b. 1973), The Simple Things, executed in 2008-2009. Overall: 188 (H) x 110 x 101 cm). Venduto per HK$ 21.725.000 . HI LITE - 23 November 2019 Christie's - Hong Kong

Aste
Nonostante le manifestazioni, gli scontri violenti e le difficili elezioni, il mercato dell'arte ha retto bene e ha persino ottenuto ottimi risultati nei recenti appuntamenti d’asta. Dal 23 al 27 novembre, Christie's Hong Kong ha concluso la sua sessione autunnale. Tra il 23 e 24 novembre ha organizzato cinque incanti dedicati all'arte che complessivamente hanno realizzato un totale di 1.243.546.250 HK$/ 159.727.205 US $. In particolare, come indicato nel report di ArtTactic , il 23 novembre nelle due serate la casa d'asta ha realizzato un controvalore complessivo di 902,75 milioni di HK $, nell'intervallo di stima pre-vendita compreso tra 849.430.000 e 1.360.950.000 HK$. Ciò ha rappresentato un aumento del 154,4% da novembre 2018 e del 2,5% da novembre 2017.

Mai Trung Thu (1906-1980) , Nu (Nude), 1970. Ink and gouache on silk in the original frame by the artist. (47 x 70 cm) . Venduto per HK$ 3.965.000 . 24 November 2019 Christie's - Hong Kong

Dall'analisi di ArtTactic emerge che nove dei lotti offerti non hanno trovato un acquirente, il che ha portato ad un tasso di vendita dell'87,1%. Il prezzo medio battuto è aumentato del 66,8% a 14.799.810 HK$ rispetto agli 8.556.930 HK$ del novembre 2018. Christie's ha venduto 4 opere per oltre 50 milioni di HK$, con un totale di 509,0 milioni di HK$. Questi lotti hanno rappresentato l'80,1% del valore complessivo delle vendite serali di Christie's. I lotti con un prezzo di aggiudicazione compreso tra 2 milioni e 5 milioni di HK$ hanno costituito il 5,5% del valore di vendita, ma hanno rappresentato il 27,9% dei lotti venduti. I lotti venduti al di sotto di 1 milione di HK$ sono stati i più performanti, superando le stime del 48,4%.

Il top lot è stato «Five Nudes» di Sanyu's dipinto nel 1950, che ha raggiunto un nuovo record in asta per l'artista. L'opera è stata venduta per 266 milioni di HK$, nella fascia bassa della stima compresa tra 250 milioni e 550 milioni di HK $. Il secondo prezzo più alto è stato segnato dal dipinto di Kim Whan-ki «05-IV-71 #200 (Universe)» (1971), battuto per 88 milioni di HK$, superando di gran lunga la stima compresa tra 48 e 62 milioni di HK$.

Top 10 New Artist Records in Hong Kong nel primo semestre 2019
•San Yu – «Five Nudes» (1950) – 39 milioni di US $ (Christie's)
•Yoshitomo Nara – «Knife behind back» (2000) – 25 milioni di US $ (Sotheby's)
•Whan-Ki Kim – «05-IV-71 #200 (Universe)» (1971) – 13 milioni di US $ (Christie's)
•Liu Ye – «Smoke» (2001/02) – 6,7 milioni di US $ (Sotheby's)
•Huang Daozhonu – «Collection of poems» (17th c.) – 5,5 milioni di US $ (Christie's)
•Zheng Wuchang – «Landscapes» (1939) – 2,1 milioni di US $ (Sotheby's)
•Eddie Martinez – «High flying bird» (2014) – 2 milioni di US $ (Christie's)
•Li Chen – «Dragon riding Buddha» (2001) – 1,4 milioni di US $ (China Guardian)
•Fei Danxu –«Tour of Tao Guang temple» (1834) – 1,3 milioni di US $ (Christie's)

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...