ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùFinanza

Hsbc scivola a Londra dopo trimestre in forte calo, cambio a sorpresa del cfo

Il gruppo britannico ha visto una flessione dell’utile netto di competenza del 46% a 1,9 miliardi di dollari, dopo avere contabilizzato 2,4 miliardi di svalutazioni delle sue attività di banca al dettaglio in Francia

di Giuliana Licini

(REUTERS)

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Pesante scivolone di Hsbc alla Borsa di Londra, dove il mercato ha decisamente male accolto i conti trimestrali del colosso bancario. Ha colto di sorpresa anche la sostituzione del cfo. Il titolo è arrivato a perdere oltre otto punti, registrando la performance peggiore dell’indice FT-SE 100. Il gruppo britannico ha chiuso il terzo trimestre con una flessione dell’utile netto di competenza del 46% a 1,9 miliardi di dollari, dopo avere contabilizzato 2,4 miliardi di svalutazioni delle sue attività di banca al dettaglio in Francia, in via di cessione e dopo avere aumentato gli accantonamenti per crediti a rischio. I ricavi sono diminuiti del 3,2% a 11,6 miliardi di dollari, nonostante l’aumento del 30% del margine netto d’interesse a 8,58 miliardi, per effetto degli aumenti dei tassi decisi dalle banche centrali di numerosi Paesi. La flessione è legata principalmente alla prevista cessione di attività e a effetti valutari negativi per 1 miliardo di dollari.

Hsbc ha deciso di cedere il retail banking francese per perseguire la strategia che punta a focalizzare le attività del gruppo sull’Asia. La cessione, che riguarda 244 filiali e 3.900 dipendenti, con 24 miliardi di euro di asset è stata annunciata nel giugno 2021 per un euro simbolico e dovrebbe essere operativa nella seconda metà del 2023. L’acquirente è My Money Group, supportato dal fondo Cerberus. Il gruppo Hsbc ha proceduto nel trimestre anche ad accantonamenti per crediti a rischio per 1,1 miliardi di dollari (il doppio rispetto al secondo trimestre), di riflesso «alla maggiore incertezza economica, all’inflazione e all’aumento del tassi d’interesse e all’evoluzione della situazione nel settore immobiliare commerciale nella Cina continentale», ha spiegato la banca, che lo scorso anno nel terzo trimestre aveva invece rilasciato accantonamenti per 659 milioni di dollari. Sul fronte delle prospettive, Hsbc ha alzato a 32 miliardi di dollari la guidance per il margine netto di interesse dai precedenti 31 miliardi, «sulla base del consensus globale sui tassi ufficiali delle banche centrali». Nel 2023, tuttavia, le stime sono state ridimensionate ad almeno 36 miliardi da almeno 37 miliardi per riflettere l’impatto della svalutazione della sterlina rispetto al dollaro e per il maggiore costo di provvista.

Loading...

Hsbc ha anche annunciato a sorpresa la nomina di Georges Elhedery quale nuovo direttore finanziario al posto di Ewen Stevenson, che lascerà l’incarico alla fine dell’anno e Hsbc in aprile. Elhedery è attualmente con-direttore generale delle attività di mercato. «Abbiamo mantenuto uno stretto controllo dei costi, nonostante le tensioni inflattive e restiamo sulla buona strada per raggiungere i nostri obiettivi sui costi per il 2022 e il 2023», ha precisato il ceo Noel Quinn, sottolineando che la banca resta «concentrata nel realizzare i piani e nel raggiungere l’obiettivo di rendimenti pari ad almeno il 12% dal 2023 in avanti e, di conseguenza, di una maggiore remunerazione degli azionisti». Nessun accenno a un dividendo trimestrale. In precedenza Hsbc aveva indicato che riprenderà a versare cedole trimestrali nel 2023. Gli analisti di Jp Morgan hanno mantenuto l’opinione neutrale sul titolo, con un obiettivo di prezzo invariato a 590 pence. Stesso giudizio da parte di Jefferies, che conferma il target price a 574 pence.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti