5G

Hu Kun (Zte): «Il 6G non è lontano, pronti a sperimentarlo anche in Italia»

Il manager cinese sottolinea la necessità, in tema di situazione internazionale, di maggiore collaborazione, anche in ambito di supply chain.

di Simona Rossitto

Hu Kun, presidente Western Europe e ceo di Zte Italia

5' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - Il 6G, che comporterà una connettività illimitata e quasi istantanea, «non è così lontano da noi», sarà uno dei fondamenti della società, cambierà il sistema delle imprese e gli anni '30 «potrebbero essere ricordati come l'inizio dell'era della robotica mobile personale». A tracciare le linee prospettiche del mondo che ci attende è Hu Kun, presidente di Zte Western Europe e Ceo Zte Italia, in occasione del Mobile Congress di Barcellona che si aprirà il 28 febbraio. All'evento il vendor cinese ha scelto il tema "Inspire digital world", come annuncia Hu Kun nell'intervista a DigitEconomy.24 (report del Sole 24 Ore e della Luiss Business School) e coglierà l'occasione «per mostrare come Zte aiuterà gli operatori a trasformarsi rapidamente in fornitori di servizi digitali nell'era 5G».

Guardando allo scenario globale, Zte ribadisce la necessità di una maggiore collaborazione, anche sul fronte della supply chain. Per quanto riguarda gli investimenti in Italia, nonostante il rallentamento portato dalla pandemia, il gruppo è impegnato a raggiungere gli obiettivi previsti di un miliardo di investimenti in un quinquennio.

Loading...

C'è molta attesa per il prossimo Mobile World Congress che si apre a Barcellona il 28 febbraio, dopo le edizioni sottotono in piena era Covid. Cosa possiamo aspettarci in termini di nuove applicazioni e orizzonti per il 5G?

Il nostro tema MWC2022 è "Inspire the digital world". Comprende cinque argomenti: "Miglioramento della rete", "Oltre la connettività", "Sviluppo sostenibile", "Futuro digitale" e "Vita digitale". Coglieremo questa occasione per mostrare come Zte aiuterà gli operatori a trasformarsi rapidamente in fornitori di servizi digitali nell'era del 5G. Ad esempio, nella sezione Network Enhancement, si possono trovare i nostri prodotti di sistema innovativi. Come il sito radio più semplice con la maggiore capacità del settore, un sito tipico che prima necessitava di 15 Rru (Remote radio unit), ora ne richiede solo 2. Il tema "Oltre la connettività" spiega come gli operatori possano sfruttare appieno i vantaggi dell'edge computing per espandere le capacità del servizio e contribuire al successo aziendale. Inoltre, oggi tutto il mondo parla di "carbon neutrality". Il "verde" non è solo un problema morale, è diventato la regola e persino la legge per lo sviluppo futuro. Nella sezione "Sviluppo Sostenibile" presenteremo un pacchetto di strumenti per costruire una rete verde e sicura. Ad esempio, la nostra soluzione PowerPilot può ridurre il consumo energetico medio attuale del 25 per cento. Nell'area "Digital Future", ci concentreremo sugli scenari applicativi e le richieste del mercato per guidare la continua evoluzione della rete. Inclusa la distribuzione del segnale 5G e della rete ottica ovunque, che è ciò che stiamo facendo ora. La funzionalità, le prestazioni e l'efficienza delle reti saranno ulteriormente ottimizzate. Allo stesso tempo, gettiamo lo sguardo sul 6G. "Digital Life" è un invito a provare i nostri nuovissimi smartphone e altri gadget per la casa.

Si parla sempre più di cybersecurity, applicata anche alle reti 5G. Ci saranno nuove soluzioni e proposte su questo fronte a Barcellona?

I nostri laboratori di sicurezza informatica fungono da centro di trasparenza e piattaforma di cooperazione, per fornire funzioni come la revisione del codice sorgente, la revisione dei documenti, i test di penetrazione e il trasferimento delle conoscenze. In Italia abbiamo avviato un centro di cybersecurity a Roma. Oltre a rispettare rigorosamente le leggi e i regolamenti locali sulla sicurezza informatica, aggiungiamo un'ulteriore garanzia di sicurezza del software testando ogni versione prima di installarla nelle reti dei clienti.

Sembra ancora un'utopia, almeno in ottica italiana, ma che cosa possiamo aspettarci in vista dell'avanzamento del 6G e quali nuove applicazioni?

In effetti, il 6G non è così utopico, non è fantascienza. Penso che il 6G non sia così lontano da noi. Gli anni 2030 potrebbero essere ricordati come l'inizio dell'era dell'ampio uso della robotica mobile personale. Ci saranno applicazioni impegnative come la telepresenza olografica, la comunicazione immersiva, ecc. Nel prossimo decennio si aprirà una nuova era in cui miliardi di cose, esseri umani e veicoli connessi, robot e droni genereranno Zettabyte di informazioni digitali. Lo Zettabytes è un'unità che comprende 1.000 miliardi di miliardi di byte. Per affrontare queste sfide abbiamo, quindi, bisogno di costruire una rete mobile 6G. E Il 6G sarà probabilmente un ecosistema autonomo di intelligenza artificiale. Si evolverà progressivamente dall'essere umano-centrico a essere sia umano sia macchina-centrico. Il 6G porterà una connettività wireless completa quasi istantanea e illimitata. Emergerà anche un nuovo panorama per le imprese, come risultato della convergenza che il 6G consentirà nei settori della connettività, della robotica, del cloud e del commercio sicuro e affidabile. Ciò rimodellerà radicalmente il modo in cui operano le imprese. In breve, il 6G sarà uno dei fondamenti delle società umane del futuro. Abbiamo fondato lo Zte Innovation and Research Center in Italia all'inizio del 2018. Ha verificato molti prodotti, funzionalità e casi d'uso 5G avanzati anche prima della commercializzazione su larga scala. Abbiamo un ampio collegamento con operatori, imprese, università ed enti locali per spingere insieme sull'innovazione. Sono sicuro che applicheremo la stessa prassi per il 6G. Quando arriverà la finestra temporale adatta, Zte sarà di nuovo in prima fila in Italia per prepararsi abbastanza bene per l'era del 6G.

La pandemia, le tensioni geopolitiche stanno giocando un ruolo importante anche in tema di investimenti. Zte ha sempre sottolineato la necessità di una collaborazione sul 5G. A che punto siamo?

Sebbene la pandemia abbia portato molte sfide e abbia rallentato gli investimenti in tecnologie futuristiche, nel 2021 l'industria e la società non solo hanno compreso il valore della connettività delle telecomunicazioni, ma ora stanno esaminando tecnologie trasformative come il 5G insieme all'edge computing, IoT, AI e Big data per stimolare la ripresa economica. Parlando dei diversi mercati, Zte espanderà il business in quelli di alto valore, rafforzerà le partnership con gli operatori chiave e si concentrerà sulle reti più importanti per garantire una crescita costante. Il nostro mercato strategico per il prossimo anno è rappresentato dall'Asia, dall'Europa e dall'Africa. Vogliamo aiutare gli operatori su scala globale ad aggiornare e modernizzare le loro reti Lte e ad entrare nell'era del 5G. Quanto agli operatori che stanno già investendo nel 5G, noi vogliamo lavorare con loro, per aiutare a costruire reti 5G stand alone, al fine di monetizzare le applicazioni 5G. Vorrei inoltre sottolineare l'importanza di una collaborazione globale, noi siamo molto focalizzati sulla globalizzazione, occorre più integrazione anche sul fronte delle catene di fornitura. E' importante lavorare con i nostri fornitori globali per creare un ecosistema globale delle catene di fornitura. Da vari punti di prospettiva, insomma, la collaborazione globale è la chiave.

Avete annunciato nel 2020 un miliardo di investimenti in un quinquennio in Italia. A che punto siete, avete subito rallentamenti per la pandemia?

Dal 2016 al 2020, nei primi cinque anni, abbiamo investito in Italia 500 milioni di euro. Inoltre, il nostro primo traguardo ci ha fatto capire meglio l'Italia, il mercato italiano, il contesto regolatorio, l'industria italiana. Poi, abbiamo definito il secondo target di un miliardo di investimenti. La pandemia ha impattato ogni industria, e dobbiamo riconoscerlo. Ma noi siamo molto fiduciosi che continueremo a investire e siamo fortemente impegnati nel raggiungimento della seconda pietra miliare (ovvero 1 miliardo di investimenti tra il 2021 e il 2025, ndr) che abbiamo annunciato.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti