parla il ceo Zhengfei

Huawei fa la prima conta dei danni: con il bando Usa 30 miliardi di ricavi in meno in 2 anni

di Luca Salvioli


default onloading pic
Il ceo di Huawei Ren Zhengfei durante l’incontro nel quartier generale di Shenzen con i giornalisti (Foto AP)

1' di lettura

Per la prima volta Huawei fa una stima dei danni del bando americano: per i prossimi 2 anni costerà 30 miliardi di ricavi in meno all’azienda. Le vendite resteranno stagnanti a 100 miliardi di dollari nel 2019 e nel 2020 ha spiegato il ceo Ren Zhengfei. È la conseguenza dell’inserimento di Huawei della lista nera del commercio Usa, che ha costretto tutte le compagnie americane che vogliono vendere componenti a ottenere specifica approvazione del Dipartimento del commercio Usa. È poi stata decisa una sospensione di 90 giorni del bando, fino a metà agosto, per consentire gli aggiornamenti di Google sui telefoni in commercio, ma su quello che succederà dopo ancora c’è totale incertezza.

Per fare un confronto, nel 2018 la crescita dei ricavi di Huawei era stato del 19,5%, con la parte consumer volata del 45%. Quest’ultima è proprio la divisione che soffre ora per le restrizioni americane: l’azienda si prepara a un calo delle vendite globali dei suoi smartphone del 40% e dunque taglierà la produzione. Zhengfei ha detto che non si sarebbe mai aspettato una così forte determinazione degli Usa contro la sua azienda. «Penso che entrambe le parti soffriranno per la situazione e nessuno alla fine vincerà», ha detto Ren, parlando nel quartier generale di Shenzhen.

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...