SMARTPHONE

Huawei-Samsung, sfida per il primato mondiale (e Apple arretra)

di Mario Cianflone


default onloading pic

2' di lettura

È ormai scontro aperto tra Cina e Corea per il dominio degli smartphone e in mezzo c'è Apple compressa tra Samsung e Huawei. Secondo gli ultimi dati di Gartner relativi al terzo trimestre del 2018, il chaebol coreano dell'elettronica resta leader del mercato mondiale con 73,360 milioni di device venduti nel terzo trimestre, ma il market share precipita dal 22,3% dell'analogo periodo di un anno prima al 18,9 per cento.

Al secondo posto della classifica c'è Huawei la cui quota di mercato balza dal 9,5 al 13,4% per un totale di 52,218 milioni di pezzi. Apple è invece relegata all'11,8% di market share con 45,746 milioni di iPhone venduti. La Mela non cresce, Samsung frena e brilla Huawei. E in quarta e quinta posizione altri due brand cinesi: Xiaomi, con 33,219 milioni e 8,5% in crescita dal 7% e Oppo che è al 7,9% con 30,563 milioni di smartphone.

FOCUS / CHI SONO I RIVALI CINESI CHE METTONO ALLE CORDE APPLE

Questi dati, e vedremo presto quelli definitivi dell'intero 2018, sono la radiografia di un mercato sinocentrico che vede i brand cinesi brillare. Perché? Perché hanno trovato la quadra tra design, qualità costruttiva e appeal anche a livello di strategie di marketing. Huawei non è più un produttore di smartphone di prezzo abbordabile ma è diventato un price &technology leader e si scontra con Samsung a cicli che non sono più annuali ma di circa 4 o 5 mesi alternando modelli flagship, device top premium e di fascia media.

In una lotta costante alla conquista di un mercato saturo e povero di idee e dove ormai è la componete fotografica ad essere quella più usata come leva di marketing con una battaglia a chi mette più fotocamere: prima due, poi tre e ora quattro. E magari due davanti per fare cifra tonda: sei sensori. Apple invece procede con calma, continua a fare prodotti di qualità ma in Cina, primo mercato mondiale, perde colpi anche perché l’iPhone X era troppo piccolo per i gusti dei cinesi e ora tenta il riscatto con i nuovi modelli dallo schermo più grande.

Finora Huawei ha vinto con due assi: P20 Pro e il più nuovo Mate 20Pro che hanno tolto ossigeno a Samsung S9 e Note 9. E stiamo parlando di device che al lancio viaggiavano sui mille euro e oltre. La coreana ha risposto in autunno lanciando l'A9, uno smartphone di fascia media primo al mondo con quattro fotocamere a un prezzo ben più basso (630) degli altri flagship.

Il prossimo palcoscenico dello scontro tra Huawei e Samsung sarà il mobile World Congress di Barcellona dove Samsung dovrebbe svelare la fascia S10 e Hauwei il P30.

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti