Studenti e ricercatori

Humanitas University: 12 e 13 febbraio il test di ingresso a medicina. Il 12 marzo quello per Medtec

di Redazione Scuola

4' di lettura

Si terrà il 12 e 13 febbraio 2021 il test di ammissione a Medicina e Chirurgia e il 12 marzo quello per Medtec, il corso di laurea in Medicina e Ingegneria Biomedica di Humanitas University in partnership con Politecnico di Milano.
«I numeri degli iscritti sono in crescita per entrambi i corsi, a conferma dell'interesse da parte di studenti e famiglie per la professione medica. Un risultato che riconosce gli sforzi fatti dall'ateneo e dal sistema universitario per garantire la continuità e la qualità della didattica nell'anno della pandemia», commenta Marco Montorsi, rettore Humanitas University.

I test verranno svolti in modalità home-based, ossia dal proprio domicilio. Il candidato potrà accedere al test solo al momento dell'inizio della prova. I candidati saranno monitorati a distanza tramite la webcam del proprio computer e un software di proctoring impedirà che il candidato possa consultare il web o i file del proprio Pc.

Loading...

A tutti i candidati è garantito l'accesso agli atti dopo l'effettuazione del test in modalità telematica.

Il test di ingresso per il Corso Internazionale di Medicina e Chirurgia
Gli iscritti al test di Medicina e Chirurgia per l'anno accademico 2021-22 sono già oltre 1.400, a fronte di 180 posti disponibili. Mentre gli iscritti italiani sono stabili rispetto all'anno precedente, sono soprattutto gli stranieri che fanno registrare un aumento del 40%. Si tratta di giovani provenienti da Germania, Francia, Svezia per i paesi europei, e da India, Turchia, Usa e Israele per i paesi extra Ue.

A livello nazionale, spicca il numero di candidati provenienti dalla Lombardia (37%), ma è significativo l'interesse da parte degli studenti di alcune regioni del Sud, quali Puglia (10%), Campania (8%) e Sicilia (7%). Queste ultime tre regioni sono anche quelle con il maggior numero di immatricolati negli ultimi tre anni (dopo la Lombardia) nell'ateneo di Humanitas: il 20% degli studenti di Medicina proviene infatti da Puglia, Campania e Sicilia.Il test d'ingresso Humat, ha l'obiettivo di identificare gli studenti di talento che, indipendentemente dal loro diverso background formativo, possiedono capacità attidudinali all'elaborazione scientifica, pensiero critico e capacità di analisi e comprensione di testi accademici.

Il test, della durata di 120 minuti, è composto da due sezioni (60 domande in totale):

• Scientific thinking, ossia pensiero scientifico

• Academic literacy/Critical Thinking, cioè comprensione di testi accademici/pensiero critico

E' possibile iscriversi al test fino al 3 febbraio 2021

Il test di ingresso per Medtec School
Sono oltre 200 i candidati ai 70 posti per Medtec a quasi due mesi dal test che si terrà il 12 marzo, stabili rispetto allo scorso anno. Tra questi, sono gli studenti extra europei a crescere di ben il 59% rispetto all'anno scorso, provenienti soprattutto da India e Usa.

A livello nazionale emerge lo stesso andamento riscontrato per gli iscritti al test di medicina, con Puglia (12%), Sicilia (10%) e Campania (7%) che si confermano le regioni del Sud da cui proviene la maggior parte dei candidati.

Il test, sviluppato da Humanitas University e Politecnico di Milano, è computer-based e a risposta multipla, interamente in lingua inglese della durata di 100 min. I quesiti prevedono domande di matematica, logica verbale, fisica, chimica, biologia e cultura tecnico-scientifica. Il test è volto a cogliere l'attitudine e la propensione dei candidati allo studio sia delle hard science, tipiche dell'ingegneria, che delle life science tipiche della medicina.

Le iscrizioni al test chiudono il 4 marzo.

Medtec School, in lingua inglese, è stato sviluppato insieme al Politecnico di Milano e offre un percorso di 6 anni creato in modo innovativo per formare medici in grado di comprendere a fondo e gestire consapevolmente le tecnologie avanzate che caratterizzano la professione medica: medicina di precisione, data science, intelligenza artificiale, biostatistica, nano-tecnologie, robot chirurgici, stampe in 3D e bioprotesi.

Un percorso in cui la medicina e l'ingegneria biomedica si integrano grazie anche a lezioni co-gestite da docenti di Humanitas University e del Politecnico, o a speciali laboratori in cui si sperimenta la reale contaminazione e applicazione dell'anima medica con quella ingegneristica.

Alla fine degli studi e dopo aver ottenuto la laurea in Medicina, è possibile richiedere al Politecnico di Milano una laurea triennale in Ingegneria Biomedica. Si potrà continuare poi entrando nelle Scuole di Specializzazione, nella ricerca o nell'industria.

L'impegno di Humanitas University per la sicurezza e la continuità didattica
L'anno appena trascorso ha visto Humanitas University in prima linea per garantire continuità e qualità nella formazione dei propri studenti nonostante la pandemia Covid-19. Le attività sono state riprogrammate in modalità blended con la volontà di favorire il confronto e la socializzazione, sempre con la massima attenzione alla sicurezza: lezioni frontali in streaming e on demand e potenziamento di attività a piccoli gruppi e laboratori esperienziali in presenza.

Una app con sistema di prenotazione consente il regolare l'accesso in biblioteca, nelle aule studio e in mensa, e tutti gli spazi sono stati riorganizzati per poter assicurare il rispetto del distanziamento sociale.

Con lo stesso scopo sono state costruite 6 nuove aule. Inoltre, sono stati messi gratuitamente a disposizione degli studenti test sierologici, tamponi e vaccini antinfluenzali.

Da settembre sono riprese le attività professionalizzanti, programmate attentamente al fine di consentire agli studenti di svolgere in modo sicuro e organizzato i tirocini, fondamentali durante il percorso di formazione dei futuri medici.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati