Attualità

Coronavirus oggi: primo caso variante inglese negli Usa, è in Colorado. Biden punta a 100 milioni di vaccini in primi 100 giorni. Record di 53.135 nuovi contagi nel Regno Unito

● Cuba avrà un suo vaccino entro sei mesi
● Fauci: picco Usa fuori controllo, ritardo con vaccini
● Camera Usa approva richiesta Trump alzare a 2mila dollari l’assegno per gli americani
● «I casi di Wuhan dieci volte di più di quelli ufficiali»
● La Newsletter con il punto sulla pandemia
● Le notizie di ieri: scoperta una variante «italiana»

default onloading pic
Fila per il tampone a Pechino
  • Salta pranzo Congresso per insediamento Biden

    Joe Biden e Kamala Harris dovranno rinunciare al tradizionale pranzo del giorno dell'insediamento ospitato dal Congresso. L'evento è stato cancellato a causa del Covid. Pur non essendo uno degli appuntamenti più seguiti nel giorno dell'insediamento di un presidente, il pranzo ha un importante valore simbolico perché invia un messaggio bipartisan durante il trasferimento di potere da un presidente a un altro. L'evento era stato inizialmente ridimensionato per rispondere alle disposizioni per il contenimento del Covid ma nelle ultime ore è stato cancellato dalla Joint Congressional Committee per le cerimonie dell'inaugurazione.

  • Primo caso variante Gb negli Usa, è in Colorado

    La cosiddetta 'variante inglese' del Covid è stata rintracciata negli Stati Uniti. Il primo caso è stato rinvenuto in Colorado. Si tratterebbe, secondo quanto riportato dai media americani, di un uomo sui 20 anni

  • Brasile, 58.718 nuovi contagi e 1.111 vittime

    Nelle ultime 24 ore in Brasile sono stati registrati 58.718 nuovi contagi e 1.111 vittime, secondo i dati forniti dal locale ministero della Salute.

  • Biden, userò legge di guerra per la produzione di vaccini

    La mascherina non è un gesto politico ma un atto patriottico. Lo afferma il presidente eletto Joe Biden, sottolineando che userà il Defense Production Act per accelerare la produzione di vaccini contro il Covid. Il Defense Production Act è la legge che risale alla guerra in Corea e che consente al presidente di rafforzare la produzione delle aziende private per beni strategici.

  • Germania, limitazioni anche dopo il 10 gennaio

    Dal 10 gennaio, e cioè allo scadere del lockdown duro, i tedeschi saranno sottoposti «senza dubbio» al prolungamento di alcune misure anticovid. Lo ha affermato il ministro della Salute Jens Spahn alla tv pubblica ARD, secondo un'anticipazione. In che misura ci saranno ancora delle limitazioni, sarà deciso al vertice del 5 gennaio fra stato e regioni.

  • Biden, le cose andranno peggio prima di migliorare. «Punto a 100 milioni di vaccinati in 100 giorni»

    «Vedo un ritorno alla normalità il prossimo anno. Ma le prossime settimane e i prossimi mesi saranno difficili». Lo afferma il presidente eletto Usa Joe Biden, mettendo in guardia sul fatti che la pandemia «andrà peggio prima di migliorare». Il presidente eletto ha anche detto che i piani dell'amministrazione Trump sul vaccino contro il Covid sono «indietro. Avevano detto che entro la fine dell'anno sarebbero state vaccinate 20 milioni di persone. A oggi, quando mancano pochi giorni alla fine dell'anno solo alcuni milioni sono stati vaccinati». Biden pone come obiettivo 100 milioni di vaccini nei suoi primi 100 giorni alla Casa Bianca.

    Il presidente eletto statunitense Joe Biden. (REUTERS/Jonathan Ernst)

  • Usa: 1.783 vittime e 176.974 nuovi contagi nelle 24 ore

    I Cdc statunitensi (Centers for Disease Control and Prevention) hanno riportato 1.783 nuove vittime per Covid-19 negli Usa. Il totale raggiunge quindi i 334.029. I casi riscontrati nel medesimo periodo sono stati 176.974, per un totale dall’inizio della pandemia di 19.232.843.

  • New York supera 25mila morti. De Blasio, nel 2021 rinascita

    New York supera la soglia dei 25.000 morti per Covid. Il dipartimento sanitario della città ha riportato 25.008 decessi dall'inizio della pandemia, di cui 20.214 morti accertate per il coronavirus e 4.794 probabili decessi per Covid. Un dato che il sindaco di New York definisce “scioccante”. Ma, aggiunge “stiamo voltando pagina. Il prossimo anno sarà quello della ripresa, della rinascita”.

    Il sindaco di New York Bill De Blasio ha celebrato il Natale distribuendo pasti alla comunità durante l’evento del National Action Network . David Dee Delgado/Getty Images/AFP

  • Focolaio in casa di riposo del Barese, 48 positivi

    Salgono a 48 i contagi nella casa di riposo “Padre G. Semeria” di Gioia del Colle (Bari). Lo rende noto il Comune, spiegando che, rispetto all'ultimo monitoraggio di dieci giorni fa, quando era scoppiato il focolaio con 16 contagi, “dagli esiti degli ultimi tamponi effettuati sono risultati positivi 33 anziani, di cui 3 sono ricoverati, sui 41 ospitati, 13 dipendenti sui 32 che compongono l'intero personale operante nella struttura e due componenti della comunità religiosa”.

  • Parere Cts, scuola deve riaprire. Su impianti sci valutazione a gennaio

    Sulla questione del ritorno in classe, un ulteriore punto di riferimento è rappresentato da un importante documento europeo, secondo cui la scuola deve riaprire. E' quanto emerge in sintesi - a quanto si apprende - dalla riunione del Comitato Tecnico Scientifico che si è svolta oggi. Dalla stessa riunione è emerso che sulla questione dell'eventuale riapertura degli impianti sciistici, la discussione riprenderà nella prima decade di gennaio, alla luce dei dati epidemiologici dello stesso mese.

    PER APPROFONDIRE: La scuola si prepara al rientro il 7 gennaio

  • Cts, auspicabile rinvio elezioni regionali Calabria

    Le prossime elezioni regionali in Calabria non dovrebbero svolgersi nella data prevista. E' auspicabile un rinvio, visto che - data la situazione epidemiologica - non sarebbe opportuno affrontare la campagna elettorale. E' quanto emerge in sintesi - a quanto si apprende - da una riunione del Comitato Tecnico Scientifico che si è svolta oggi.

  • Ministro della Salute francese: escluso un nuovo lockdown

    «Escludiamo un nuovo lockdown, sia a livello nazionale, sia a livello regionale»: lo ha detto in diretta tv al telegiornale di France 2 il ministro della Salute francese, Olivier Véran. Véran ha parlato di una «concertazione» in vista di un anticipo dell'inizio del coprifuoco - dalle 20 alle 18 - nelle regioni più a rischio. Quanto alle regioni interessate dall'inasprimento del coprifuoco, Véran ha parlato di «distribuzione ineguale» della diffusione del virus sul territorio, con 4 regioni che sono al di là della soglia epidemica di allerta: il Grand Est, la regione di Strasburgo già particolarmente colpita nella prima ondata, la Franche-Comté, l'Auvergne Rhone-Alpes (regione di Lione) e le Alpi Marittime, nel sud vicino alla frontiera con l'Italia.

  • Von der Leyen, Ue acquisterà ulteriori 100 milioni di dosi del vaccino Pfizer

    L'Unione Europea ha deciso di acquistare altri 100 milioni di dosi del vaccino Pfizer-BioNTech. A spiegarlo è stata la presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen, in un tweet. I 27 paesi dell'Unione europea, ha spiegato, avranno quindi «300 milioni di dosi di questo vaccino, che è stato valutato come sicuro ed efficace».

    La presidente della Commissione Ue, Ursula von der Leyen. (ANSA/FRANCISCO SECO / POOL)

  • Francia, oltre 11.000 nuovi casi

    Sono stati 11.395 i nuovi casi di Covid-19 in Francia nelle ultime 24 ore, secondo i dati di Santé Publique France. Le vittime negli ospedali sono state 384, alle quali vanno sommate le 585 degli ospizi negli ultimi 4 giorni. Il totale dei morti dall'inizio della pandemia supera quota 64.000, a 64.078.

  • Irlanda, record di nuovi contagi, al vaglio nuove restrizioni

    L'Irlanda ha riportato oggi il maggior incremento di nuovi casi di Covid-19 in un solo giorno, con 1.546 infezioni. Il precedente record era di sabato scorso: 1.296.
    Il governo si riunirà mercoledì per considerare ulteriori restrizioni per cercare di controllare un'impennata iniziata dopo che le misure di sanità pubblica erano state allentate all'inizio di dicembre, quando l'Irlanda aveva il tasso di infezione più basso dell'Unione europea.

  • Cile, dal 31 dicembre quarantena per chi entra nel Paese

    A seguito della conferma del primo caso di variante inglese del coronavirus in Cile, a partire dal 31 dicembre tutti i cileni e gli stranieri residenti o non residenti che vogliono entrare nel Paese sudamericano dovranno passare un periodo di quarantena di dieci giorni. Lo ha annunciato oggi la sottosegretaria alla Salute, Paula Daza, secondo quanto riportato dal sito del quotidiano La Tercera. Daza ha spiegato che la quarantena potrà essere revocata se la persona in isolamento si sottoporrà a un test Pcr il settimo giorno, e il risultato sarà negativo. Il 22 dicembre, il Cile ha sospeso per due settimane i voli diretti con il Regno Unito e ha vietato l'ingresso di stranieri non residenti che hanno visitato il Paese europeo nelle due settimane precedenti, come conseguenza della scoperta della nuova variante inglese del coronavirus. Ai cileni o gli stranieri residenti che hanno visitato il Regno Unito in quell'intervallo di tempo, è stato permesso di entrare nel Paese sudamericano, con l'obbligo di una quarantena di 14 giorni.

  • Marche, ancora 11 morti in 24 ore, finora sono 1.557

    Nelle ultime 24ore 11 deceduti per Covid-19 nelle Marche: finora il bilancio regionale è di 1.557. Lo comunica il Servizio Sanità della Regione. Le vittime sono sei uomini e cinque donne tra i 65 e gli 88 anni, tutti alle prese anche con patologie pregresse. Quattro vittime provenivano dalla provincia di Ancona: un 65enne di Castelfidardo, un 67enne di Ancona, una 86enne di Genga e una 88enne di Senigallia. Tre deceduti risiedevano in provincia di Pesaro Urbino: una 76enne di Sant'Angelo in Vado, un 81enne di Pesaro e una 84enne di Terre Roveresche. Due vittime erano del Maceratese: un 84enne di Petriolo e una 86enne di Visso. Infine sono morti un 72enne di Porto San Giorgio (Fermo) e un 75enne di San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno).

  • Screening docenti e test studenti medie in Piemonte

    Si fonda su quattro pilastri il progetto 'Scuola sicura' messo a punto dalla Regione Piemonte per il ritorno in classe degli studenti dopo le festività. Lo annuncia il presidente Alberto Cirio, che domani lo illustrerà alla stampa. I quattro pilastri sono «screening preventivo per tutti gli insegnanti e il personale Ata, test di monitoraggio per gli studenti delle seconde e terze medie, progetti territoriali personalizzati e percorsi dedicati per la scuola nei Sisp», spiega Cirio.

  • Isolata a Pisa variante virus, «cresce molto in fretta»

    «Alla fine della scorsa settimana abbiamo isolato su una giovane donna proveniente dall'Inghilterra una variante del virus che una volta messa a contatto con le cellule abbiamo visto che cresceva molto rapidamente, con una rapidità cento volte superiore a tutte le altre. Ma non sappiamo ancora se si tratta o meno della cosiddetta variante inglese». È quanto riferisce il professor Mauro Pistello, virologo dell'Azienda ospedaliero universitaria pisana. «Dal punto di vista geografico - ha aggiunto - potrebbe trattarsi di quella variante perché questa giovane donna, italiana, proviene da un'area dell'Inghilterra meridionale dove è stata individuata. Nei prossimi giorni grazie alle analisi di laboratorio ne sapremo di più».

  • Arcuri, già vaccinati oltre 8mila italiani

    Nelle 21 regioni e province autonome dove la struttura del Commissario Straordinario per l'emergenza Covid ha inviato domenica 27 dicembre i vaccini consegnati all'Italia dalla Pfizer sono stati già vaccinati 8.361 italiani, pari all'86% delle 9.750 dosi distribuite. Lo comunica lo staff del Commissario per l'Emergenza Covid, Domenico Arcuri.

    Coronavirus, staff Arcuri: finora vaccinati 8.361 italiani
  • Errori metodologici a causa allungamento tempi vaccino AstraZeneca

    Ci sono stati errori metodologici nella prima sperimentazione del candidato vaccino di AstraZeneca/Oxford all'origine della dichiarazione dell'Agenzia Europea del Farmaco (EMA) per cui è «improbabile» il via libera entro gennaio (leggi sotto, ndr). È quanto emerge anche, ma non solo, dall'analisi del nuovo protocollo relativo allo studio di fase III pubblicato sul sito internazionale clinicaltrials.gov in cui vengono resi pubblici tutti i dati sulle sperimentazioni cliniche. Per il farmacologo Carlo Centemeri, della Giovanni Lorenzini Medical Foundation MI-NY, «sicurezza e tollerabilità del vaccino di AstraZeneca/Oxford restano fuori discussione»

  • Asl piemontese taglia lo stipendio a medico negazionista

    Una sanzione disciplinare per aver diffuso sul web teorie negazioniste sulla pandemia. È quanto ha deciso l'Asl To4 nei confronti di Giuseppe Delicati, medico di famiglia con studio a Borgaro, nel Torinese. In un video il medico sollevava forti dubbi sull'esistenza della pandemia e sull'efficacia del vaccino antinfluenzale, citando fonti non meglio specificate del Pentagono. Dopo l'inchiesta della procura di Ivrea per procurato allarme e la segnalazione all'ordine dei medici, l'Asl ha disposto la sanzione disciplinare che consiste nella riduzione dello stipendio «nella misura del 20% per 5 mesi cinque» a partire dal 31 dicembre.

  • Cuba avrà un suo vaccino entro sei mesi

    Cuba prevede di avviare una massiccia campagna di vaccinazione contro il Covid-19 nella prima metà del 2021, con il proprio vaccino, ha detto un alto funzionario del settore sanitario. L'isola avrà la capacità di «vaccinare la popolazione contro il virus Sars-CoV-2 durante la prima metà del 2021», ha assicurato Vicente Vérez Bencomo, direttore del Finlay Institute (Ifv) specializzato in ricerca e produzione di vaccini. Verez Bencomo, citato oggi dal quotidiano di stato Granma, si è così espresso durante una visita del presidente cubano Miguel Diaz-Canel all'istituto dove vengono sviluppati due vaccini candidati contro il Covid-19: Soberana01 e Soberna02. «01 completerà la fase 1 delle sperimentazioni cliniche e 02 inizierà la fase 2», ha detto Vérez Bencomo. Allo stesso tempo, sono in corso negoziati per implementare le sperimentazioni di fase 3 di questo vaccino candidato in altri paesi, a causa della bassa prevalenza di Covid-19 nella popolazione cubana, ha affermato ancora. Altri due candidati vaccini contro il Covid-19, battezzati Mambisa e Abdala, sono in fase di sviluppo a Cuba dal Centro di ingegneria genetica e biotecnologica. Cuba, che conta 11,2 milioni di abitanti, è riuscita finora a tenere sotto controllo la diffusione dell'epidemia, con 11.434 casi denunciati e 143 morti, secondo gli ultimi dati ufficiali di domenica.

    Personale medico cubano all’aeroporto Tocumen di Panama, dove è giunto per dare una mano ai locali contro la pandemia. (Photo by Aeropuerto Tocumen / AFP)

  • Da Enpam altri 25 milioni per medici e dentisti

    Entro il 31 dicembre, tutti i medici e gli odontoiatri che avevano percepito il Bonus Enpam/Enpam Plus per Covid-19, riceveranno sul proprio conto corrente la ritenuta d'acconto che l'Ente previdenziale dei camici bianchi aveva dovuto trattenere. «La buona notizia - spiega l'Ente di previdenza - arriva dopo l'abolizione della tassa sulla solidarietà, grazie a una modifica al Dl Ristori». «Sui bonus lo Stato ha rinunciato ad incamerare imposte – ha commentato Alberto Oliveti, presidente della Fondazione Enpam -. Abbiamo quindi subito disposto un ulteriore bonifico ai nostri iscritti, corrispondente proprio alle ritenute d'acconto che eravamo stati costretti a fare». Sono 56.998 i camici bianchi che nelle prossime ore riceveranno l'integrazione per un totale di poco più di 25 milioni. L'importo medio per ogni singolo iscritto beneficiario sarà di circa 438 euro.

  • Record di 53.135 nuovi contagi nel Regno Unito

    Il governo del Regno Unito ha comunicato il numero dei nuovi contagiati nelle ultime 24 ore: sono 53.135, la cifra più alta fin da quando si è iniziato a registrare i dati quotidianamente. Il record precedente era dello scorso lunedì: 41.385. Cifra più alta di sempre anche per quanto riguarda il numero delle vittime quotidiane: 414. Dall’inizo della pandemia i decessi sono stati 71.567.

  • In Piemonte 921 positivi, in calo i ricoveri

    Sono 921 i nuovi casi di persone risultate positive al Covid-19, il 5,5% dei 16.660 tamponi eseguiti. Gli asintomatici sono 462, pari al 50,2%. L'Unità di crisi regionale ha registrato anche 56 decessi, di cui quattro nella giornata di oggi. In calo i ricoverati: i posti occupati in terapia intensiva scendono sotto quota duecento e sono in tutto 196, nove in meno rispetto a ieri; negli altri reparti i ricoverati sono 3.029, 13 in meno di ieri. Scendono sotto quota 30mila le persone in isolamento domiciliare, che sono 29.021. Dall'inizio della pandemia, in Piemonte sono stati registrati 198.905 positivi, 7.860 morti e 158.799 guariti, di cui 2.331 nelle ultime 24 ore.

  • Lazio, completate 955 dosi vaccino previste per V-day

    «Con le Asl di Latina, Frosinone e la provincia di Roma, nonché le aziende ospedaliere romane si è conclusa la tre giorni del V-day. Sono state completate tutte le 955 somministrazioni previste, senza alcuna reazione avversa». Così l'assessore regionale alla SAnità, Alessio D'Amato, nel bollettino di oggi. «Tutto si è svolto regolarmente e c'è una grande adesione e coinvolgimento degli operatori sanitari con punte del 90% - aggiunge -. Chi è stato in prima linea e ha visto la morte in faccia trova lunare la discussione sull'utilità del vaccino». L'Ares 118 d'intesa con l'assessorato alla sanita' ha deciso di dedicare la nuova sala della centrale operativa di Roma del numero verde 800.118.800 a tutti gli operatori del soccorso del 118 caduti nella pandemia Covid-19.

  • De Micheli, tutto deve essere pronto per 75% in classe il 7/1

    «Tutti i modelli organizzativi» nella scuola e nel trasporto «devono essere pronti perché le scuole secondarie aprano in presenza al 75% dal 7 gennaio». Lo ha detto la ministra dei trasporti Paola De Micheli a Raiuno aggiungendo che questo è «l'obiettivo fissato con le ministre Azzolina e Lamorgese». Nel frattempo - ha spiegato - «il ministro Speranza ha fatto un'ordinanza di natura sanitaria, che non ha a che vedere con i modelli organizzativi, e ha deciso per ragioni sanitarie che dal 7 al 15 la presenza sarà al 50% e non ancora al 75%». Quanto ai trasporti la presenza resterà al 50%.75% a scuola, 50% su bus è obiettivo” ha detto.

  • Israele toglie quarantena obbligatoria in hotel

    Israele ha deciso di revocare la contestata norma che impone a chiunque (israeliano e non) entri nel paese di fare la quarantena nei cosiddetti 'hotel-covid', anche avendo a disposizione casa propria. Lo ha fatto sapere il ministro della sanità Yuli Edelstein su twitter. La misura - entrata in vigore la scorsa settimana a fronte della scoperta della variante inglese del covid e all'aumento dei casi - aveva suscitato da subito perplessità e contrarietà.

    Nei giorni scorsi inoltre in molti hotel le persone sottoposte alla norma hanno inscenato numerose proteste, in alcuni casi sfociate in tafferugli con le forze dell'ordine, per le condizioni di alloggio e di trattamento. Edelstein ha spiegato che da ora in poi i viaggiatori dovranno sottoporsi subito al test ed entrare in quarantena al proprio domicilio. In caso di secondo test negativo, al nono giorno di isolamento, si potrà porre fine alla quarantena. Intanto alcuni media hanno riferito che Israele potrebbe riaprire ai turisti a partire da aprile 2021 anche se con alcune restrizioni: provenienza da paesi a basso rischio di infezione, test obbligatorio, stipula di un'assicurazione speciale e comunicazione di ogni luogo da visitare

  • Turchia, 15.805 nuovi casi

    La Turchia ha registrato 15.805 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, inclusi i casi asintomatici. Lo comunica il ministero della Salute locale.

  • Necessario un certificato vaccinale per fare attività sportiva

    “Credo sia inevitabile che, per quanto riguarda lo sport dilettantistico amatoriale, ci debba essere un certificato vaccinale. Dagli allenamenti in palestra agli incontri amatoriali, istituire una sorta di patentino è di buon senso: è necessario avere un certificato vaccinale per fare attività sportiva. Per quanto riguarda gli spettatori agli eventi, mi auguro sia la forza delle cose ad imporsi”. Così il presidente della Commissione Sport della Conferenza delle Regioni, Tiziana Gibelli.

  • Cisl: priorità vaccini a prof impegnati in maturità

    “Nel piano delle vaccinazioni bisogna da dare priorità innanzitutto ai docenti che devono fare gli esami di Stato, per garantire che l'esame di maturità sia in presenza. Bisogna programmarlo da subito”. A dirlo è Maddalena Gissi che guida la Cisl Scuola. “Abbiamo visto con dispiacere che tra gli esami di Stato dello scorso anno e quelli di quest'anno c'è un investimento di 9milioni e mezzo in meno per le sanificazioni e la gestione dell'esame in presenza. E' un depotenziamento: ha avuto ragione la chiusura del borsellino del Mef sulle ragioni della scuola nonostante si dica che la scuola è una priorità”, conclude.

  • Von der Leyen: comprate altre 100 milioni di dosi di vaccini Pfizer

    “Abbiamo deciso di prendere altre 100 milioni di dosi aggiuntive del vaccino BioNTech/Pfizer, già in uso per vaccinare gli europei. Avremo quindi 300 milioni di dosi di questo vaccino, che è stato valutato sicuro ed efficace. Altri vaccini seguiranno!”: lo scrive su twitter la presidente della Commissione Ue Ursula von der Leyen.

    Annie Lynch, 79 anni, di Dublino, è la prima persona a ricevere somministrazione del vaccino Pfizer BioNTech in Irlanda, dove è cominciata oggi la campagna vaccinale (Epa)

  • Vaccino, ministri: valutare obbligatorietà

    Il Governo potrebbe rendere obbligatorio il vaccino, ma questo solo al termine di una campagna di informazione che chiarisca ai cittadini tutti i dubbi e in base ai risultati di questa campagna. Lo ha detto la ministra dei Trasporti Paola De Micheli a “Oggi è un altro giorno” su Raiuno ribadendo che “il vaccino è sicuro”. “Questa è la fase più importante e delicata - ha detto - al Governo spetta la responsabilità di una grande campagna di informazione. Poi abbiamo il dovere di fare delle scelte collettive da prendere e le prenderemo alla luce di come andrà questa campagna di informazione. Alla fine non escludo la obbligatorietà”.

    Va bene la campagna di consegna del vaccino con tanti fotografi, adesso va fatta la campagna di vaccinazione e a partire dalle categorie più esposte c'è bisogno, se necessario, anche di introdurre l'obbligo. Non si può avere un approccio superficiale e arrogante, in un Paese che ha 71mila morti”. Lo ha detto la ministra di Iv Teresa Bellanova a L'Aria che tira, su La7.

  • Fauci: picco Usa fuori controllo, ritardo con vaccini

    “Siamo di fronte a un picco dei casi diventato fuori controllo sotto diversi aspetti”: così il virologo Anthony Fauci intervistato dalla Cnn ha descritto l'evolversi della pandemia negli Usa. Fauci ha anche confermato come gli Usa siano in ritardo sulla tabella di marcia per la distribuzione dei vaccini.

    Il dottor Anthony Fauci, direttore del National Institute of Allergy and Infectious Diseases, si vaccina al National Institutes of Health di Bethesda, Maryland, Usa (Epa)

  • Federmep: crollo 80% di matrimoni e eventi privati in Italia a causa del Covid

    Un crollo del fatturato di oltre l'80% in Italia per matrimoni ed eventi privati, che sale al 100% per il destination wedding. Sul territorio nazionale gli operatori coinvolti sono 50mila, con un fatturato globale di circa 60 miliardi (di cui 20 mld per il wedding). Dalla Toscana - regione regina del settore con un fatturato di oltre 160 milioni annui - è partito l'appello alle istituzioni di Federmep, la federazione che rappresenta le imprese e i liberi professionisti della filiera. “Solo nella nostra regione - ha affermato in una conferenza stampa il vicepresidente della Federazione Pasquale Mazzei - contiamo oltre 7mila operatori economici, travolti dalla crisi causata dal Covid che ha portato alla cancellazione della stagione dei matrimoni, da maggio a settembre, e di quella degli eventi privati tipici del periodo pre natalizio. Eppure finora la nostra filiera è stata in gran parte dimenticata nei provvedimenti presi dal Governo. Chiediamo forme di sostegno necessarie per resistere e non disperdere un patrimonio di competenze, esperienze e passione: tutti concetti che ribadiamo nella videolettera aperta che abbiamo inviato al presidente del Consiglio Conte alla vigilia di Natale”. La wedding planner Sara Barni ha ricordato che questo tipo di eventi “richiedE una lunga fase preparatoria. Questo significa che per noi la riapertura non sarà ripartenza e per un ritorno alla normalità dovremo aspettare almeno il 2022”.

  • Mori (Consulta Bioetica): discutiamo meglio su chi ha diritto di essere vaccinato per primo

    “Va bene offrire il vaccino anti-Covid agli operatori sanitari per primi, ma su altre categorie ho delle perplessità. Per esempio sugli anziani di 80-90 anni, perchè bisogna anche pensare che i 50-60enni hanno una maggiore attesa di vita, e lo dico da anziano io stesso e senza nessuna intenzione di discriminazione. Mi sembra che si dovrebbe discutere meglio su chi ha diritto per primo ad essere vaccinato”. Lo ha detto all'Ansa il presidente della Consulta di Bioetica Maurizio Mori, che ha aggiunto: “È chiaro che tra coloro che saranno vaccinati dopo ci saranno dei morti per Covid”.

    “Renderei obbligatorio il vaccino anti-Covid solo quando sarà chiarito che la persona vaccinata non è più contagiosa per gli altri, ossia che il vaccino garantisca sia il vaccinato che chi ancora non ha avuto la dose”, ha aggiunto Mori. “In questa fase bisogna essere duttili, insistere sull'obbligo finirebbe per provocare solo delle alzate di scudi. Questo è un momento in cui serve maggiore chiarezza, far capire alla gente che se il vaccino è sicuro, farlo è nell'interesse sia dell'individuo che della collettività”.

  • La campagna vaccinale in Friuli Venezia Giulia parte il 31/12

    “I vaccini non arriveranno oggi in Friuli Venezia Giulia, come previsto, ma domani”. La campagna vaccinale “parte il 31 dicembre”. Lo ha detto il vicegovernatore del Fvg con delega alla salute, Riccardo Riccardi, all'emittente locale Telequattro. “Questo ritardo pone tutta una serie di azioni e verifiche che stiamo facendo - ha proseguito - prima di tutto il ribaltamento di un giorno delle prenotazioni”. Ma “non è il momento di fare polemiche in quanto siamo nelle condizioni in cui le cose cambiano da un'ora all'altra”. Al momento, ha concluso, “il numero delle prenotazioni è importante, il sistema sta funzionando”.

  • Biden denuncia ritardi in distribuzione vaccini

    Joe Biden lancia un monito all'amministrazione Trump per i ritardi sul fronte della distribuzione dei vaccini e annuncia il suo piano per vaccinare rapidamente piu' persone possibile. Biden sottolinea anche come la situazione sul fronte dei contagi e dei decessi negli Usa e' prevista “tragicamente” in peggioramento nelle prossime settimane. Il richiamo del presidente eletto in un intervento delle prossime ore di cui Axios anticipa i contenuti. Le previsioni erano di 20 milioni di americani vaccinati entro la fine dell'anno.

    Il presidente eletto Joe Biden a Wilmington, Delaware, Usa (Reuters)

  • Ema: improbabile ok a vaccino AstraZeneca a gennaio

    È improbabile che arrivi a gennaio il via libera al vaccino anti-Covid sviluppato da AstraZeneca e dall'Università di Oxford. A dirlo è il vicedirettore esecutivo dell'Ema (Agenzia europea del farmaco), Npel Wathion, in un'intervista al giornale belga Het Nieuwsblad. “Non è stata ancora presentata la domanda”, ha aggiunto, spiegando che l'Autorità al momento ha ricevuto solo alcune informazioni sul vaccino, “insufficienti anche a dare un via libera condizionato alla commercializzazione”. “Servono ulteriori dati e informazioni - ha detto Wathion - sulla qualità del vaccino e, dopo di ciò, l'azienda deve presentare richiesta formale di approvazione”. Questo rende “improbabile” un via libera il prossimo mese.

    (Afp)

  • Vaccino: D'Avack (Comitato bioetica),cautela su obbligo

    “Sarei abbastanza cauto rispetto all'ipotesi di obbligatorietà per il vaccino anti-Covid: ritengo che eticamente obbligare ad un trattamento sanitario debba rappresentare assolutamente un'eccezione”. Lo afferma all'Ansa il presidente del Comitato nazionale di bioetica (Cnb) Lorenzo D'Avack, sottolineando come, “in questa prima fase, è fondamentale incentivare la propaganda a favore delle vaccinazione. L'obbligo dovrebbe essere considerato come una extrema ratio”.

    “Ritengo che solo in casi estremi si dovrebbe prevedere un obbligo per il vaccino anti-Covid, posizione che rispecchia anche il parere del Comitato nazionale di bioetica Cnb dello scorso dicembre: un eventuale obbligo, inoltre, dovrebbe coinvolgere prioritariamente solo alcune categorie, come i medici e gli insegnanti”, ha aggiunto, rilevando come sia in questa prima fase fondamentale puntare su “un principio di solidarietà”.

  • Ieri 77 mila controlli, 8 denunce e 732 sanzioni

    Sono stati 77.198 i controlli delle forze dell'ordine effettuati ieri per verificare il rispetto delle normative anti-covid. In totale sono state denunciate 8 persone e sanzionate 732. Sono state, invece, 12.774 le attività controllate, con 47 sanzioni e 13 chiusure. Lo rende noto il Viminale.

  • Argentina: al via campagna vaccinale anti-Covid con Sputnik V russo

    L'Argentina ha iniziato la sua campagna di vaccinazione contro il coronavirus con il vaccino russo Sputnik V, diventando il primo Paese latinoamericano a utilizzarlo. La campagna si svolge simultaneamente su tutto il territorio nazionale, con l'obiettivo principale - come primo passo - della vaccinazione volontaria del personale sanitario. “L'idea è di iniziare la vaccinazione con le persone più a rischio”, ha spiegato il ministro della Salute Gines Gonzalez Garcia, parlando della “più grande campagna di vaccinazione dell'Argentina”. Il via si è avuto all'ospedale Posadas di Buenos Aires e Flavia Loiacono, infermiera medica, è stata la prima persona a ricevere il vaccino russo nel Paese. L'Argentina è il quarto paese dell'America Latina a lanciare la sua campagna di vaccinazione contro il coronavirus, dopo Messico, Costa Rica e Cile, che hanno tutti scelto il vaccino tedesco-americano di Pfizer e BioNTech. Lo Sputnik V prevede l'applicazione di una seconda dose 21 giorni dopo la prima. Una prima spedizione di 300mila dosi è arrivata in Argentina dalla Russia il 24 dicembre scorso, nell'ambito di un accordo che prevede 19,7 milioni di dosi aggiuntive da consegnare tra gennaio e febbraio, con la possibilità di acquistarne altri cinque milioni.

    Personale medico pronto a somministrare il vaccino Sputnik V al Centenario Hospital di Rosario, in Argentina (Afp)

  • Variante Gran Bretagna: 3 casi in Pakistan

    Il Pakistan ha confermato i suoi primi casi della nuova variante di coronavirus recentemente rilevata nel Regno Unito. Il dipartimento della sanità della provincia del sud del Sindh ha dichiarato che 6 persone su 12 rimpatriate da Londra sono risultate positive e “3 hanno mostrato la nuova variante del virus Covid”. Islamabad il 21 dicembre ha vietato l'ingresso dei passeggeri dal Regno Unito al Pakistan, che ieri è stato prorogato di un'altra settimana. Dal 26 febbraio il Pakistan ha registrato 475.085 casi di coronavirus e 9.992 morti.

  • Pregliasco, 8 sanitari su 10 del Trivulzio si vaccineranno

    Le adesioni fra i sanitari del Pio Albergo Trivulzio alla campagna vaccinale anti-covid “supererebbero già l'80 per cento, dato che però potrà essere confermato solo a distanza di almeno 14 giorni dalla somministrazione della vaccinazione antinfluenzale da poco erogata al personale dell'azienda, il lasso temporale minimo richiesto fra un vaccino e l'altro”. Lo afferma, tramite una nota, il virologo e supervisore scientifico della struttura per anziani Fabrizio Pregliasco. Dall'istituto milanese per la terza età si stima “anche sulla base dell'adesione alla campagna anti-influenzale avviata a metà dicembre, una adesione tra il personale superiore al 70%”. Nella nota si legge che “inizia oggi la raccolta delle adesioni attraverso una scheda disponibile nell'intranet aziendale e una mail dedicata; e una grande campagna informativa-formativa, attraverso un webinar che si sta progettando con gli interventi della prof.ssa Claudia Balotta (infettivologa a capo del team che ha isolato il coronavirus Sars-COV-2 e nel 2003 quello della SARS), del prof. Fabrizio Pregliasco (virologo dell'Università Statale) e del Professore Marco D'Orso (docente di medicina del lavoro della Bicocca)”. E ancora dal Pio Albergo Trivulzio comunicano che “i primi anziani che hanno potuto cogliere questa opportunità sono stati selezionati fra gli ultra ottantenni in buone condizioni di salute sempre risultati negativi ai test di screening che hanno potuto dare autonomamente il consenso. Il 17 gennaio saranno sempre loro a ricevere la seconda dose del vaccino che consentirà, dopo una settimana, di considerarli immuni al virus”.

    Vaccinazioni al Pio Albergo Trivulzio di Milano

  • Usa, ieri oltre 168.000 nuovi casi e 1.700 morti, record di ricoverati

    Ieri, gli Stati Uniti hanno registrato oltre 168.000 nuovi casi di coronavirus, secondo i dati della Johns Hopkins University, in aumento da domenica ma in netto calo rispetto agli oltre 226.000 di sabato. I dati durante i periodi festivi sono però soggetti ad anomalie; inoltre, meno persone si sottopongono al test nel weekend. I casi totali registrati negli Stati Uniti dall'inizio della pandemia sono ora oltre 19,310 milioni. Ieri, i morti sono stati oltre 1.700, per un totale di circa 335.000. I ricoverati, ieri, erano oltre 121.000, secondo il Covid Tracking Project, un record; i ricoverati in terapia intensiva erano 22.592, altro record. Intanto, negli Stati Uniti è iniziata la fase finale della sperimentazione del vaccino di Novavax, il quinto a entrare nella fase decisiva dei test.

  • Arcuri, 469.950 dosi di vaccino Pfizer in arrivo questa sera

    “La Pfizer ha appena comunicato agli Uffici del Commissario straordinario per l'emergenza Covid un diverso calendario per la consegna dei vaccini in Italia, previsti per questa settimana dal contratto sottoscritto con l'Unione Europea. Le 469.950 dosi di vaccino arriveranno sul territorio italiano nella tarda serata di oggi”. Lo comunica l'ufficio stampa del commissario Domenico Arcuri. “L'azienda procederà poi direttamente alla consegna - spiega la nota - a partire da domani mattina, nei siti di somministrazione individuati dal Commissario in accordo con le Regioni. Le consegne, comunica ancora l'azienda, proseguiranno anche nelle giornata del 31 dicembre”.

    Germania acquista "in proprio" 30mln di dosi Biontech
  • Zingaretti, minacce no Vax a prima vaccinata, vergogna

    “Claudia è la prima vaccinata in Italia contro il Covid. È stata travolta da messaggi e attacchi no vax, al punto di dover chiudere i suoi social”. Lo scrive su Facebook il segretario del Pd Nicola Zingaretti. “Il suo sorriso ci ha raccontato una storia di forza e speranza. Una professionista che ha combattuto il Covid, come tante e tanti giovani che si sono improvvisamente trovati in prima linea, il 27 dicembre è stata la prima vaccinata del Lazio e d'Italia. Chi l'ha costretta a eliminare i suoi social e la sta minacciando dovrebbe vergognarsi. Siamo con te Claudia e con tutto il personale sanitario che ha lottato in questi mesi! Un grande abbraccio”, conclude il leader Dem.

  • Positivi Seferovic e Ferreira del Benfica

    L'attaccante svizzero Haris Seferovic e il difensore portoghese Joao Ferreira del Benfica di Lisbona sono risultati positivi al Covid-19, ha annunciato il club. Il nazionale svizzero e la speranza portoghese sono risultati positivi “durante gli ultimi test di screening Covid-19 effettuati”, si legge nel comunicato pubblicato sul sito. Dall'inizio della scorsa settimana, cinque giocatori della rosa del Benfica sono risultati positivi al Covid-19, tra cui il centrocampista portoghese e della nazionale Pizzi, che non ha potuto giocare mercoledì contro il Porto nella Supercoppa portoghese, vinta dalla squadra del nord del Paese (2-0). Anche il direttore generale del club di Lisbona, Tiago Pinto, è stato contagiato dal virus la scorsa settimana.

  • 14 ragazzi a una festa di compleanno, tutti multati

    Stavano partecipando a una festa di compleanno in una struttura ricettiva di Marsciano, in provincia di Perugia, 14 giovani, di età compresa tra i 18 e i 24 anni, che sono stati scoperti dai carabinieri e sanzionati per assembramento e mancato utilizzo delle mascherine. Al titolare della struttura, anch'egli sanzionato per le stesse violazioni alle disposizioni sanitarie, è stata anche contestato il mancato rispetto delle disposizioni relative alle attività di ristorazione, con proposta al prefetto di chiusura dell'esercizio. Nel corso dei controlli, quattro dei giovani presenti sono stati trovati in possesso complessivamente di circa 200 grammi di hascisc e sono stati segnalati alla prefettura.

  • Legale Rsa, personale non vaccinato è inidoneo

    Il personale delle Rsa che non dovesse sottoporsi al vaccino contro il Covid dovrebbe essere trasferito dal datore di lavoro a mansioni “che siano prudentemente distanziate dagli ospiti e tali da non generare contatti rischi di contaminazione”. Se questo non fosse possibile “i lavoratori sarebbero da considerare inidonei alle mansioni di assistenza agli anziani”. È il parere dell'avvocato Maria Grazia Cavallo, legale di riferimento di alcune Rsa piemontesi per le questioni Covid.

  • Confturismo, Covid costa a turismo e indotto 100 miliardi

    “Da marzo a dicembre mancheranno all'appello 78 milioni di arrivi e 240 milioni di presenze tra italiani in vacanza Italia e stranieri. Ma a questi bisogna sommare anche tutta la parte dell'outgoing perché registriamo anche 36 milioni in meno di italiani che non andati all'estero (e avrebbero comunque lasciato un pizzico della loro spesa in Italia). Possiamo dire che questa crisi del Covid per il sistema turismo e per i più immediati settori collegati costa 100 miliardi di valore della produzione in meno (nel 2019 valeva 190 miliardi)”. Lo dice all'ANSA Alberto Corti, responsabile Confturismo Confcommercio.

    Food delivery a Mosca

  • Arcuri, vaccino arriva stasera, Pfizer ha cambiato calendario

    “Le 469.950 dosi di vaccino arriveranno sul territorio italiano nella tarda serata di oggi. L'azienda procederà poi direttamente alla consegna, a partire da domani mattina, nei siti di somministrazione individuati dal Commissario in accordo con le Regioni”. Lo comunica la struttura del Commissario per l'Emergenza Covid, Domenico Arcuri, specificando che “Pfizer ha appena comunicato agli Uffici del Commissario un diverso calendario per la consegna dei vaccini in Italia, previsti per questa settimana dal contratto sottoscritto con l'Unione Europea”. Le consegne proseguiranno anche nelle giornata del 31 dicembre.

    L’arrivo del vaccino Pfizer/BioNtech in Grecia

  • Vaticano: vaccini Covid essenziali, fornirli in modo equo

    Un documento della Commissione Vaticana Covid-19 e della Pontificia Accademia per la Vita affronta problematiche e priorità emergenti nelle tappe del processo del vaccino, dalla ricerca e lo sviluppo ai brevetti e lo sfruttamento commerciale, passando per approvazione, distribuzione e l'amministrazione. Ribadisce l'essenziale ruolo dei vaccini per sconfiggere la pandemia, non solo per la salute personale individuale, ma per proteggere la salute di tutti. La Task-force vaticana e la Pav ricordano ai leader mondiali che i vaccini devono essere forniti a tutti in modo giusto ed equo, dando priorità a coloro che ne hanno più bisogno.

  • In Veneto vaccini in ritardo per il maltempo

    “Le 38mila dosi di vaccini Covid attese in Veneto per oggi sono in ritardo a causa del maltempo”. Lo ha detto l'assessore veneto alla Salute Manuela Lanzarin durante il consueto incontro con la stampa sulla pandemia. “Presumibilmente i vaccini arriveranno in giornata - ha aggiunto - e il processo vaccinale riprenderà domani secondo le modalità previste”.

    Nella regione nelle ultime 24 ore si sono registrati 2.655 contagiati in più, dato che porta la cifra complessiva dei positivi al Covid da inizio pandemia a 246.098. I morti sono 191 in più, dato che fa raggiungere un totale di 6.298 deceduti. La Regione fa sapere che questo dato così elevato sconta il non caricamento di deceduto nei giorni scorsi. Nelle ultime ore è sceso di 9 unità il numero dei ricoverati (2.998) mentre, di contro, sono stati occupati 10 posti in più in terapia intensiva (397 il totale).

    Viaggiare nel 2021: spunta l'ipotesi del passaporto sanitario


  • Test Usa, su smartphone attestato della vaccinazione

    L'attestato di avvenuta vaccinazione anti-Covid sarà sullo smartphone e si potrà così esibire a richiesta. L'idea è della contea di Los Angeles - area molto colpita dal coronavirus - che ha stretto una partnership con la startup Healthvana per digitalizzare i dati sul vaccino e inserirli nell'Apple Wallet, il portafoglio digitale di Apple, e nell'omologo di Google, in modo da poterli mostrare in aeroporto o all'ingresso di un evento.

    Come riferisce Bloomberg, la novità prenderà il via questa settimana, e servirà inizialmente a ricordare la seconda dose di vaccino alle persone a cui è stata somministrata la prima dose. Ma il sistema potrà essere usato anche “per provare che si è vaccinati alle compagnie aeree, alle scuole e a chiunque lo richiede”, ha detto il Ceo di Healthvana, Ramin Bastani. Nata nel 2014 a Los Angeles, Healthvana ha una piattaforma software che fornisce ai pazienti i risultati dei test per Hiv e altre malattie sessualmente trasmissibili. Nel corso del 2020 la società ha iniziato a lavorare con la contea di Los Angeles per comunicare ai pazienti risultati dei test per il Covid-19.

  • In arrivo in Vaticano 10mila dosi di vaccino

    Mentre in Italia la vaccinazione anti-Covid è già partita con la grande vaccinazione simbolica di due giorni fa e con il Vaccine Day destinato in particolare ad operatori della prima linea nell'emergenza sanitaria, in Vaticano bisognerà attendere ancora qualche giorno prima che il piano di vaccinazione, definito già da tre settimane, entri in vigore. Il Vaticano si muove per le forniture, come avvenuto anche per il vaccino antinfluenzale, in modo indipendente dall'Italia. Secondo quanto si apprende, sarebbero 10mila le dosi di vaccino acquistate al momento dal Vaticano dalla Pzifer e destinate in primis a dipendenti e familiari iscritti al Fas, il Fondo sanitario. Entro il 21 dicembre, secondo le disposizioni del sostituto per gli Affari generali mons. Edgar Pena Parra e del segretario generale del Governatorato, mons. Fernando Vergez Alzaga, i dipendenti vaticani devono aver già segnalato la loro adesione o meno al piano vaccinale.

    La finestra del Papa in piazza San Pietro, Vaticano (Afp)

    L'interrogativo da sciogliere rimane intorno alla quantità di dosi che il Papa deciderà di destinare a poveri e ultimi della città. In questo senso infatti, la rete caritativa attivata dell'Elemosiniere, il cardinale Konrad Krajewski (anche lui contagiato ma ora in ripresa al Gemelli) che utilizza anche il braccio esperto della Comunità di Sant'Egidio, le forze di Medicina solidale e il supporto dell' Ifo San Gallicano, hanno già fornito diverse migliaia di tamponi e vaccini anti-influenzali ai senzatetto. Gli stessi tamponi, del resto, che si effettuano nel tendone sotto al Colonnato, danno l'accesso ai ricoveri per il freddo come avviene nella chiesa di San Calisto, aperta da Sant'Egidio ai clochard, tutti negativi al tampone.

  • Lopalco (Assessore Puglia): servirà struttura più robusta per vaccini

    “Questa prima fase non mi preoccupa, quello che mi preoccupa è quando arriveranno milioni di dosi” di vaccino anti-Covid: “In quel momento dovremo avere una struttura decisamente più robusta” per somministrarle. Lo ha detto l'assessore alla Sanità della Regione Puglia, Pierluigi Lopalco, durante la trasmissione “L'Aria che tira” su La7, parlando della quantità di personale sanitario impegnato nelle vaccinazioni anti-Covid.

  • Firenze dedica 525 cipressi e olivi alle vittime del Covid

    Un 'bosco' di 525 cipressi e ulivi in ricordo delle vittime di Covid a Firenze. È il luogo della memoria voluto dal Comune per esprimere la vicinanza della città alle famiglie di coloro che non sono riusciti a vincere la lotta contro il virus. I primi 210 alberi, donati dalla società Silva, sono stati messi a dimora nel parco Don Forconi, dove oggi il sindaco Dario Nardella e l'assessore all'ambiente Cecilia Del Re hanno verificato il completamento della prima fase di piantagione nel corso di un sopralluogo. A ricordo è stata apposta anche una targa commemorativa 'In memoria delle vittime della pandemia a Firenze 31.12.2020'.

    Sulla targa è stato inserito un Qr Code che rimanda al significato del bosco, con associato il brano della violoncellista Naomi Berrill 'Ogni cosa' nell'ambito del progetto Hand Made Music. “Abbiamo voluto creare un luogo perenne di ricordo delle vittime di Covid a Firenze - ha detto il sindaco Nardella -. Un segno di vicinanza alle famiglie che hanno perso i propri familiari a causa del virus e di memoria per le future generazioni”. Del Re ha sottolineato che il bosco “è un modo per non dimenticare e dare un luogo fisico al ricordo”.

  • Renzi (IV): su vaccino serve trasparenza, pubblicare ogni giorno i dati

    “Con la pandemia l'Europa ha sconfitto i sovranisti. E la scienza ha sconfitto i NoVax. Siamo tutti ad attendere che arrivi il vaccino per tornare a vivere”. Lo scrive Matteo Renzi nella sua newsletter Enews. “Trovo che sia molto giusto, come ha proposto la nostra Lella Paita - e ieri anche il professor Burioni è tornato sull'argomento - che ogni giorno il Governo indichi nei dati quotidiani non solo il numero dei tamponi, delle terapie intensive, dei positivi, dei decessi ma anche il numero dei vaccini fatti. Occorre infatti uno sforzo di trasparenza. La Germania ieri alle 16 ha superato quota ventimila vaccinati. E quotidianamente aggiorna i dati. Piccola proposta: facciamo anche noi lo stesso?”.

  • Salvini (Lega): ok al vaccino ma senza obbligo, ognuno scelga

    “Io i miei figli lo ho sempre vaccinati, ma è giusto che ognuno possa scegliere”. Lo ha detto il leader della Lega, Matteo Salvini. “Sono favorevole alla vaccinazione ma sono contro l'obbligo”. Circa i medici no vax, ha aggiunto: “È giusto che i medici spieghino, informino ma le costrizioni non mi piacciono. I medici hanno giurato di volere salvare la loro vita e quella dei pazienti, fanno un lavoro difficile e straordinario e vanno rispettati ma le liste di proscrizione no”.

    In Spagna un registro di chi rifiuterà di vaccinarsi per il Covid


  • Istat: crollo delle presenze di turisti stranieri, presenze giù per le città d’arte

    Profondo rosso nei principali dati diffusi dall'Istat sul Movimento turistico in Italia nei primi tre trimestri del 2020: calano del 68,6% le presenze di turisti stranieri (erano 190 milioni nel 2019). Molto danneggiate le grandi città d'arte che registrano un crollo del 73,2% delle presenze mentre nel 2019 erano state circa un quinto delle presenze totali. Diminuiscono drasticamente i viaggi degli italiani per motivi di lavoro (-59%) e, in misura minore ma comunque ampia, quelli per vacanze (-23%).

  • A Malta invio dei vaccini in ritardo per problemi alla catena del freddo

    Dovrebbe arrivare entro la giornata di oggi il secondo stock di vaccini della Pfizer-BioNTech atteso a Malta per ieri. La spedizione, secondo quanto reso noto in un comunicato della casa farmaceutica riportato dai media maltesi, è stata ritardata “per un problema al controllo della temperatura nella procedura di carico e spedizione” del lotto. Il problema per Malta è lo stesso che si è verificato per altri Paesi europei. Le prime 10mila dosi erano arrivate regolarmente sabato scorso e domenica Malta ha puntualmente cominciato con le prime vaccinazioni, a cominciare dalla infermiera Rachel Grech che è stata la prima ad essere inoculata. Malta ha acquistato complessivamente 1,6 milioni di dosi dei vaccini Pfizer-BioNTech, Moderna e AstraZeneca.

  • In Germania già vaccinate 42mila persone

    In Germania fino ad oggi (alle 8 del mattino) sono state vaccinate contro il Covid 41.964 persone: lo riporta Ntv, citando il Robert Koch Institut. Le vaccinazioni sono partite ufficialmente domenica 27, ma i primi anziani sono stati vaccinati già sabato 26 dicembre.

    Il geniale spot tedesco anti Covid: ora c'è anche il sequel


  • In Usa oltre 2 milioni di dosi inoculate, 4,6 mln nel mondo

    Gli Usa hanno già superato i 2 milioni di vaccinazioni contro il Sars-Cov-2, ma il programma è in ritardo rispetto alla tabella di marcia, che prevedeva 20 milioni di immunizzati entro fine anno. Lo affermano, riporta la Cnn, gli ultimi dati diffusi dai Cdc. La cifra fornita dall'ente statunitense, aggiornata a ieri mattina. Parla di 2,1 milioni di dosi somministrate, con oltre 11 milioni distribuite nei diversi stati. A rallentare le operazioni c'è stata la richiesta dell'Fda di ulteriori controlli di qualità su ogni spedizione di vaccini.

    “Entro fine anno distribuiremo tutte le dosi disponibili - afferma Gustave Perna, capo dell'operazione Warp Speed, il programma governativo per le vaccinazioni -. La parte finale delle 20 milioni previste sarà spedita entro la prima settimana di gennaio”. Secondo il sito 'our world in data' la momento sono 4,6 milioni le dosi di vaccino inoculate nel mondo, di cui appunto quasi metà negli Usa. Il paese che ha fatto più vaccini in rapporto agli abitanti è Israele, che ha somministrato 5,7 dosi ogni 100 abitanti, seguito da Bahrein (3,2) e Gran Bretagna (1,2).

  • In Israele record di vaccinati ma anche nuovi contagi

    Israele ha raggiunto la quota di 500mila persone a cui è stata inoculata la prima dose del vaccino anti covid. Lo ha reso noto il ministero della sanità. Ad oggi quindi il numero delle persone immunizzate ha superato quello dei colpiti dal virus da inizio pandemia, circa 410mila. Ieri solo sono state effettuate oltre 100mila vaccinazioni, un record. La campagna prosegue ora con l'immunizzazione del personale scolastico. Nelle ultime 24 ore tuttavia il paese - che si trova da domenica scorsa in un nuovo lockdown, il terzo - ha registrato un picco di 5.449 nuove infezioni: il più alto da 3 mesi. Il tasso di positività è balzato - a fronte di 97.829 test - al 5.6 per cento.

    Un medico militare israeliano si accinge a somministrare il vaccino anti Covid Pfizer-BioNTech nella base militare Tzrifin presso la cittadina di Rishon Lezion (Foto Afp/Guez)

  • Aifa: da ogni flaconcino Pfizer 6 dosi di vaccino e non 5

    Da ogni flaconcino di vaccino anti-Covid di Pfizer-Biontech è possibile ottenere 6 dosi e non 5: a precisarlo è l'Agenzia italiana del farmaco (Aifa) sul suo sito. La dose di vaccino per ogni persona è di 0,3 millimetri, che deve essere estratta in condizioni asettiche e utilizzando siringhe di precisione adeguate, da un flaconcino di vaccino che contiene 2,25 millimetri, dopo la diluizione prevista con soluzione di cloruro di sodio allo 0,9 per cento. In questo modo, spiega la Sifo (Società italiana di farmacia ospedaliera), “con mille fiale potranno essere trattate 6.000 persone invece che 5.000”.

  • Franceschini (Beni culturali): in 2020 11 mld a cultura e turismo

    Oltre 11 miliardi di euro. È il valore delle misure varate dal ministero di Beni culturali e turismo per contrastare gli effetti ella pandemia nei settori del turismo e della cultura. Lo sottolinea il ministro Franceschini che oggi pubblica sul sito del Mibact un dettagliato consuntivo degli interventi predisposti nel 2020. “Un impegno - dice - che ha interessato tutti i settori di competenza partendo dalle categorie più colpite, per non lasciare fuori nessuno”. Il documento, riassunto in una serie di slide pubblicate online sul sito del ministero, ripercorre per ogni settore e nel dettaglio tutte le misure prese, per gli istituti, le imprese, i lavoratori, dal turismo al cinema, dai musei ai siti archeologici, dall'editoria alla musica, la tutela del patrimonio, le fiere, i congressi, la promozione del sistema paese.

    “Agli oltre sessanta provvedimenti del Mibact dal valore di 11 miliardi di euro - fa notare il ministro - si sommano le misure di carattere generale: dalla cassa integrazione ordinaria e speciale ai fondi integrativi salariali, dai contributi a fondo perduto corrisposti dall'Agenzia delle entrate in base ai codici Ateco settoriali, ai Tax credit speciali per le spese Covid, fino alle misure del Dl Liquidità a supporto e garanzia delle imprese. Un'attività che ha impegnato notevoli risorse umane e finanziarie e che proseguirà fino a quando questi due settori strategici non avranno superato la crisi”.

    Il ministro dei Beni e delle attività culturali e del turismo Dario Franceschini durante il collegamento da casa a causa dell'emergenza Coronavirus per le premiazioni David di Donatello del cinema italiano del 2020 (foto Italy Photo Press)

  • In Cina confermati 27 casi di contagio

    Altri 27 casi confermati di Covid-19 sono stati segnalati ieri in Cina continentale, comprese 15 infezioni trasmesse a livello locale e 12 provenienti dall'estero, oltre a 8 nuovi asintomatici. Lo rende noto il bollettino odierno della Commissione Sanitaria Nazionale cinese. Tra i nuovi casi d'infezione trasmessa a livello locale, 8 sono stati riportati nella provincia nordorientale del Liaoning e 7 nella capitale Pechino. Nessun ulteriore caso sospetto né altri decessi correlati al nuovo coronavirus sono stati registrati nelle ultime 24 ore in Cina continentale. Altri 18 pazienti positivi sono stati dimessi ieri da vari ospedali cinesi dopo essersi ripresi.

  • Magrini (Aifa): durante la pandemia cattivo uso e sovrautilizzo di antibiotici

    Durante la pandemia Covid, “c'è stato sovrautilizzo di antibiotici e un chiaro cattivo uso per far fronte a un'epidemia che ci ha preso di sorpresa”. Così il Dg dell'Agenzia Italiana del Farmaco (Aifa), Nicola Magrini, durante la presentazione del Rapporto Nazionale Osmed 2019 sull'Uso degli antibiotici in Italia. “A livello europeo la posizione italiana - ha detto - è nella fascia dei Paesi peggiori per quanto riguarda la resistenza a livello ospedaliero e nelle terapie intensive, e abbiamo un utilizzo medio alto di questi farmaci. Negli ultimi anni abbiamo visto un modesto calo, ma l'uso va profondamente rivisto”.

  • Meloni (FdI): Governo non dice nulla su giornalista cinese?

    “Zhang Zhan, avvocato e blogger cinese, detenuta da maggio, è stata condannata a 4 anni di carcere. La sua colpa è aver documentato con video diffusi sul web l'inizio della pandemia da Coronavirus a Wuhan nei giorni in cui il regime cinese nascondeva quello che stava succedendo. La Cina comunista, che oggi minimizza le proprie responsabilità sulla diffusione Covid e che afferma di aver totalmente sconfitto la pandemia, mette in galera chi ha avuto il coraggio di raccontare la verità. Il governo italiano non ha proprio nulla da dire su questa ennesimo sopruso compiuto da Pechino? Il suo servilismo nei confronti della Cina gli impedisce perfino di chiedere la liberazione della coraggiosa Zhang Zhan?”. Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d'Italia Giorgia Meloni.

  • Variante inglese del Covid in Germania già da novembre

    La variante inglese del Covid sarebbe in Germania almeno da novembre. È quello che ha scritto l'Hannoversche Allgemeine Zeitung, che cita il ministero della salute del Land della Bassa Sassonia. La mutazione è stata scoperta in un paziente contagiato a novembre: una persona molto anziana e con malattie pregresse, che non è sopravvissuta alla malattia. Il risultato delle analisi è stato confermato dal laboratorio dello Charité di Berlino.

  • Dl Calabria: al Senato il governo pone fiducia

    Il ministro Federico D'Incà ha posto a nome del governo la fiducia su decreto legge con le norme che dettano le funzioni del Commissario alla sanità della Calabria squassata dalla pandemia. In aula sono iniziate subito le dichiarazioni di voto sulla fiducia.

  • Pavia, solo 20% operatori Rsa disponibile al vaccino

    Solo due operatori su dieci nelle 85 rsa di Pavia è disposto a farsi vaccinare contro il Covid, un dato basso che preoccupa e non poco l'Ats. “Bisogna cogliere a pieno l'importanza di questo vaccino e gli operatori delle case di riposo non possono sfuggire a questo” ha detto alla Provincia pavese la direttrice generale di Ats Mara Azzi.”Non è pensabile - ha aggiunto -che solo il 20% degli operatori delle rsa voglia tutelarsi contro il virus. Quando si è a contatto giorno e notte con persone anziane e fragili ci sono i presupposti per pensare che nei loro confronti pesi un vero e proprio obbligo”. Comunque la speranza è che basti un chiarimento per convincere i 6420 operatori che si occupano di 5866 anziani, anche con un confronto fra loro e i vertici delle Asst (ovvero le aziende ospedaliere) per fugare dubbi e timori.

  • Miozzo, vaccino sia obbligatorio in ospedali e Rsa

    “Medici, infermieri, personale sanitario: il vaccino anti Covid deve essere obbligatorio. Lo stesso deve valere per chi lavora nelle Residenze sanitarie, dobbiamo difendere gli anziani”. Così in una intervista a 'Il Messaggero' il coordinatore del Cts Agostino Miozzo. “L'obbligo - dice ancora - deve valere non solo per chi assiste gli ospiti, ma pure per chi entra a fare le pulizie. Io andrei anche oltre. Penso a tutte le strutture pubbliche, alle scuole, a chi lavora a contatto con molte persone. La via maestra è quella del convincimento. Ma in un ospedale non ci devono essere tentennamenti: se vuoi lavorare, devi vaccinarti. Rendere obbligatorio il vaccino per tutti, da subito, può essere controproducente, rischi di alimentare l'irrazionalità no-vax. Devo dire che questi strumenti di sensibilizzazione e informazione ancora non li vedo. Prevale nella narrazione collettiva il dubbio. Va anche detto che nel prossimo futuro sarà obbligatorio essere vaccinati per viaggiare, si va verso il passaporto sanitario. In fondo, già oggi in alcuni Paesi non entri se non hai determinate vaccinazioni, dove sarebbe lo scandalo?”. Come Cts avete consigliato di vaccinare le alte cariche dello Stato? Dovremmo proteggere chi ci governa? “Non ci hanno posto quesiti sulle vaccinazioni. La mia opinione, però, è che bisognerebbe vaccinare e proteggere chi ricopre incarichi di responsabilità”. Impennata dopo le feste? “Gravi violazioni delle misure di contenimento non si sono viste. Certo, potremmo pagare la concomitanza del contagio dell'influenza”.

  • Celltrion chiede a Corea Sud approvazione uso emergenza farmaco per Covid

    L'azienda sudcoreana Celltrion ha presentato richiesta ufficiale alle autorità sanitarie sudcoreane di approvare l'uso di emergenza di un farmaco con anticorpi Covid-19, che è ancora in fase di sperimentazione clinica. La domanda formale per l'autorizzazione all'immissione in commercio condizionale del CT-P59 è stata presentata al Ministero della sicurezza alimentare e dei farmaci della Corea del Sud, ha affermato la società biofarmaceutica. Il potenziale farmaco, se approvato, sarebbe disponibile negli ospedali solo per scopi clinici, ha detto Celltrion. Resta da vedere quanto tempo richiederà la revisione del ministero con i media locali che parlano di solito di circa un mese richiesto nel paese. Celltrion ha fatto sapere che nei prossimi mesi richiederà approvazioni simili per l'uso di emergenza alle autorità sanitarie statunitensi ed europee. Celltrion, che ha completato la sperimentazione clinica di fase 2 del potenziale farmaco, prevede di presentare i dati degli studi clinici di fase 2/3 nella prima metà del 2021. Le azioni Celltrion hanno chiuso in rialzo del 10% a 360,500 won sudcoreani.

    Un bambino con mascherina di fronte a un tempio buddista a Bangkok dove sono fissate con dei quadrati le distanze per chi prega

  • Mega party a Sydney, britannici a rischio espulsione

    Centinaia di giovani britannici ammassati senza mascherina su una spiaggia di Sydney che festeggiano il Natale con canti, balli e birre incuranti delle restrizioni anti-coronavirus. Una festa che potrebbe costare ai partecipanti il visto per l'Australia e causare la loro espulsione immediata. E' stato il ministro per l'immigrazione australiano, Alex Hawke, a minacciare provvedimenti dopo aver visto le immagini del party a Bronte Beach, vicino alla famosa Bondi Beach, che lo hanno lasciato “scioccato”. La città australiana sta combattendo in questi giorni con un nuovo focolaio di Covid-19 partito dalla zona delle “spiagge del nord”, dove sono stati già registrati 129 nuovi casi. “Se qualcuno è considerato un pericolo per la salute o la sicurezza pubblica può essere privato del visto ed espulso”, ha detto il ministro secondo quanto riportato dalla Bbc. Nessuno dei partecipanti alla mega festa, perlopiù turisti britannici, è stato finora fermato o multato, ha riferito la polizia del New South Wales.

  • Gran Bretagna,1.500 militari per i test di massa agli studenti

    Il governo britannico ha deciso di dispiegare 1.500 militari per aiutare scuole e università del Regno Unito ad eseguire test del coronavirus sugli studenti al rientro nelle aule a metà gennaio. Lo riporta Skynews. Per i tamponi di massa nelle scuole Downing Street ha stanziato circa 78 milioni di sterline e ha assicurato che gli istituti saranno dotati dei kit necessari. Il personale dell'esercito aiuterà gli istituti con corsi di formazione, webinar e altre forme di supporto. Al momento in Gran Bretagna sono quasi 3.000 i militari impegnati nella lotta al Covid-19.

    Vaccinazioni a Teheran, Iran

  • Venezia: Caffè Florian compie 300 anni ma è chiuso per crisi

    Lo storico Caffè Florian, in Piazza San Marco a Venezia, compie oggi 300 anni (29 dicembre 1720 - 29 dicembre 2020). Ma è un compleanno amaro segnato dalla chiusura, come tutti i locali della piazza, per la crisi turistica determinata dal Covid. Una festa “nel silenzio e nella desolazione di una Venezia magnifica e spettrale” dice l'Ad del Florian Marco Paolini.

    “La crisi attuale è ovviamente di tutti, ma per il Caffè Florian è come lo specchio di un'intera città, Venezia, vittima del suo stesso successo turistico mondiale - prosegue Paolini - festeggiare i 300 anni di vita di un'attività con le porte sbarrate è l'immagine emblematica di questa crisi di Venezia e delle città d'arte in generale, per questo il Florian è un simbolo, che può essere preso ad esempio dalle molte attività storiche ora in crisi profonda, la cui crisi non ha solo valore economico, ma soprattutto storico, in quanto pezzi della storia d'Italia conosciuti nel mondo”. “Nel contempo - aggiunge - il Demanio richiede il 100% del canone, senza aver avuto ancora un euro di ristoro: è una situazione comune a moltissime attività in questo momento, tuttavia non può essere la cronaca di una morte annunciata nell'indifferenza generale soprattutto delle istituzioni, a fronte di moltissime testimonianze di affetto da parte di privati.

    ● Per approfondire/La notte dei ristoratori e il virus. Chiudono gli storici caffè veneziani

  • Usa: Camera approva richiesta Trump alzare a 2mila $ assegno per americani

    La Camera Usa ha approvato con 275 voti a favore e 134 contrari l'aumento a 2.000 dollari dai 600 previsti per gli aiuti diretti agli americani, nell'ambito del piano di stimoli da 900 miliardi di dollari per affrontare la crisi innescata dal Covid-19. L'aumento era stato richiesto dal presidente Donald Trump. La misura, ora, deve superare l'incerto test del Senato.
    Ma la Camera ha anche sfidato il presidente Trump annullando il suo veto sulla legge sulla Difesa da 740 miliardi. Il provvedimento passa ora al Senato, dove sono necessari due terzi dei voti per approvarlo.

  • Canada, i morti superano quota 15.000

    Il bilancio dei morti provocati dal coronavirus in Canada ha superato quota 15.000: lo ha reso noto l'Agenzia nazionale per la salute pubblica, secondo quanto riporta la Cnn. Nel Paese si contano ad oggi 555.207 contagi, inclusi 15.121 decessi.

  • Studio cinese: i casi di Wuhan dieci volte in più di quelli ufficiali

    I casi a Wuhan, prima città al mondo epicentro del coronavirus, sono stati quasi 10 volte quelli ufficiali, riconosce uno studio cinese. Circa il 4,4 per cento dei testati hanno anticorpi specifici in base a una indagine sierologica condotta su 34,000 persone ad aprile.

  • Superati 7,5 milioni di contagi in Brasile

    Il Brasile supera i 7,5 milioni di casi ufficiali di Covid-19. Con 25.490 contagi nelle ultime 24 ore, i casi sono saliti a 7.506.890, secondo la stampa locale. I decessi sono stati 495, per un totale di 191.641 dall'inizio della pandemia.

  • Corea del Sud, record di 40 morti in 24 ore

    La Corea del Sud ha registrato 40 morti provocati dal coronavirus nelle ultime 24 ore: si tratta di un nuovo record giornaliero, che porta il bilancio complessivo dei decessi nel Paese a quota 859. Lo ha reso noto l'Agenzia nazionale per il controllo e la prevenzione delle malattie, secondo quanto riporta la Cnn. Allo stesso tempo, sono stati registrati 1.046 nuovi contagi, inclusi 802 nell'area metropolitana di Seul: il bilancio dei casi dall'inizio della pandemia sale così a quota 58.725.

  • Scoperta a Brescia una variante simile a quella inglese

    “È stata isolata nei laboratori di Brescia una variante del virus Sars-CoV-2 simile a quella inglese, ma tempo prima rispetto a quanto scoperto in Inghilterra”. Lo spiega all'ANSA il professor Arnaldo Caruso, presidente della Società italiana di virologia, ordinario di Microbiologia all'Università degli Studi di Brescia e direttore del Laboratorio di microbiologia e virologia degli Spedali Civili. “La variante del virus è stata isolata ad agosto su un paziente asintomatico, che non era ricoverato al Civile di Brescia, che era alle prese da mesi con il covid. La situazione ci ha incuriosito e ora possiamo dire che in Italia potrebbe circolare una variante del virus simile a quella inglese. Ma che per tempi può essere considerato un virus antenato di quello inglese”. Il professor Caruso poi aggiunge: “Questa variante ha punti di mutazione nella proteina Spike, in posizione 501”. Il virologo infine annuncia. “Stiamo lavorando per capire se il vaccino sia in grado di neutralizzare anche questa variazione del virus. Personalmente credo di sì, ma dobbiamo ancora verificarlo”.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti