Attualita

I corsi online gratuiti delle università in aiuto ai docenti

di Valentina Reda

(Adobe Stock)

2' di lettura

Un aiuto ai docenti che vogliono formarsi arriva anche dai Mooc delle università. Due le strade proposte: percorsi per formatori sull'uso delle nuove tecnologie didattiche e percorsi per gli studenti, che i prof usano per accompagnarne l’apprendimento. Accanto a prodotti internazionali in lingua inglese cresce anche l'offerta italiana.

I Mooc dal mondo

Loading...

Coursera e edX offrono sia corsi in house – come Learning to Teach Online e How to Learn Online - sia percorsi di atenei partner. Con Connectivism and Learning su edX l'università di Napoli porta Stephen Downes (inventore con George Siemens dei Mooc nel 2008) a presentare i principali approcci della didattica online. Molte le proposte via Coursera, come Learning to Teach Online a cura della University of New South Wales di Sidney, Foundations of Teaching for Learning: Introduction to Student Assessment del Commonwealth Education Trust, e Virtual Teacher Specialization dell'University of California Irvine. Con quasi 3 milioni di iscritti, il corso Learning How to Learn: Powerful mental tools to help you master tough subjects, di Barbara Oakley resta il best-seller di settore. Infine Futurelearn propone focus come How To Teach Online: Providing Continuity for Students, per gestire la discontinuità nella didattica, e Blended Learning Essentials, sull’approccio blended.

L'offerta made in Italy

Sulla piattaforma Pok è possibile trovare due corsi in italiano, Progettare l’Innovazione Didattica, realizzato con Pearson, e Introduzione al Debate, che completano l’offerta “for teachers” del Politecnico di Milano insieme a 8 corsi in lingua inglese. Prodotto dall'università di Perugia, il corso Competenze digitali per lo sviluppo delle abilità socio-emotive per l’inclusione è disponibile su Eduopen insieme a percorsi verticali come Biologia per la scuola dell’infanzia e primaria. E anche Urbino ha un suo spazio sui Mooc per la scuola – tra i più diffusi quelli dedicati al coding - sul sito d’ateneo. La Federico II propone su Federica.eu sia corsi per la formazione continua (Modelli di insegnamento e di apprendimento, pedagogia e ricerca educativa e psicologia dell’apprendimento, dell'Università di Napoli; Tecnologie educative, Storia, teorie, metodi e applicazioni prodotto dall'università di Firenze) sia Mooc rivolti agli studenti per la fruizione autonoma o mediata da parte dei docenti. Realizzato con il Cisia (Consorzio Interuniversitario Sistemi Integrati per l'Accesso) e l'Università di Padova, il corso Matematica di base, primo di una serie dedicata all'orientamento, conta già oltre 60.000 iscritti. Infine I Lincei per la Scuola propone un percorso su Intelligenza artificiale e Scienza dei dati per l’acquisizione di competenze di insegnamento in un settore strategico per il prossimo futuro.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti