ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùTECNOLOGIA

I data center europei nuova frontiera dei grandi investitori

Il 2018 è stato un anno record per gli investimenti nei data center europei. E con il 2019 si prevede un ulteriore incremento degli investimenti

di Carlo Festa

(Sashkin - stock.adobe.com)

3' di lettura

Gli investitori si aspettano un boom di data center europei nei prossimi due anni. Il valore degli investimenti sarà in grado di aumentare fino a +29% dopo che già nel 2018 c’è stato il record per gli investimenti nei data center europei.

Sono questi i punti chiave di una ricerca dello studio internazionale Dla Piper in collaborazione con Acuris. La grande maggioranza (92%) degli investitori in titoli di debito e azionari intervistati prevede che il valore complessivo degli investimenti nell’infrastruttura dei data center in Europa aumenterà nei prossimi 24 mesi.

Loading...

I data center vengono utilizzati dalle organizzazioni per l'archiviazione, l'elaborazione e la distribuzione remote di grandi quantità di dati, e attualmente si stima che utilizzino il 3-4% dell'energia elettrica prodotta a livello mondiale.

Secondo il rapporto di Dla Piper “European Data Centre Investment Outlook: Opportunities and Risks in the Months Ahead”, gli investitori prevedono un aumento degli investimenti nei data center tra il 10% e il 29% nei prossimi due anni.

Il rapporto mostra che la prima metà del 2019 ha già visto un notevole aumento degli investimenti – 1 miliardo di euro solo nel primo semestre – rispetto a un totale di 1,5 miliardi di euro registrato per l'intero 2018.

Gli investimenti nei data center in Europa sono stati influenzati dall'incertezza portata dalla Brexit. Tutti gli intervistati concordano sull'impatto negativo sul mercato delle infrastrutture dei data center da giugno 2016, con il 56% degli investitori azionari che affermano che l'impatto negativo è stato “significativo”.

D'altro canto, la persistente debolezza della sterlina significa che le attività del Regno Unito potrebbero essere un vero affare per gli investitori dell'Eurozona. In un mondo sempre più interconnesso, caratterizzato da una necessità continua di espansione da parte delle strutture per l'archiviazione dei dati, gli intervistati si aspettano che i canoni di locazione aumentino per i data center, con oltre un terzo che prevede un aumento del 10% o più.

La maggior parte degli intervistati ha scelto la Germania come Paese europeo che vedrà la maggiore crescita degli investimenti nei progetti di data center nei prossimi 24 mesi. Gli investitori si aspettano inoltre che il Regno Unito goda di una delle maggiori crescite di investimenti nel settore, seguita da Paesi Bassi e Francia.

Olaf Schmidt, partner e managing director groups di Dla Piper, commenta: «Gli investimenti nei data center europei sono aumentati di recente, con valori delle transazioni che hanno raggiunto un nuovo massimo. I dati della prima metà del 2019 suggeriscono fortemente che potrebbe essere in vista un altro anno da record. Sebbene non siano privi di rischi, i data center sono interessanti per numerosi investitori in infrastrutture».

Gualtiero Dragotti, partner e capo del dipartimento Intellectual Property & Technology di Dla Piper in Italia, aggiunge: «Cosa rende i data center così interessanti per molti investitori? Le fondamenta solide. Mentre gli investimenti nei data center possono comportare un livello di rischio più elevato rispetto ad altri tipi di risorse infrastrutturali, la domanda di big data, cloud computing, intelligenza artificiale e Internet of Things sta aumentando in modo rilevante. La tendenza macroeconomica è che queste tecnologie determinano un aumento significativo della domanda di dati e servizi digitali e, per estensione, degli edifici e delle attrezzature che li rendono possibili».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti