miliardari

I dieci Paperoni globali perdono 138 miliardi $, solo i Bezos e Musk guadagnano

L’alta volatilità delle Borse pesa sui patrimoni: pesanti hi-tech e beni di lusso. In netto calo anche Ferrero e Del Vecchio

di Pierangelo Soldavini

default onloading pic
(Reuters)

L’alta volatilità delle Borse pesa sui patrimoni: pesanti hi-tech e beni di lusso. In netto calo anche Ferrero e Del Vecchio


2' di lettura

I rovesci di Borsa sotto la spinta dell'emergenza globale dell'epidemia da coronavirus ha avuto effetti ben visibili anche sui patrimoni dei Paperoni globali. Solo Jeff Bezos, l'ormai ex moglie Mackenzie ed Elon Musk

riescono a guadagnare nel primo trimestre di un anno ad altissima volatilità azionaria. Che in questo primo scorcio è “costato” alla top ten dei più ricchi del pianeta ben 138 miliardi di dollari.

A conti fatti, stando al Bloomberg Billionaires Index, il fondatore di Amazon consolida il uso primato con un ulteriore guadagno di 2,75 miliardi di dollari nel 2020 sull'onda del recupero borsistico del colosso globale dell'ecommerce arrivando a 118 miliardi di patrimonio. Riuscendo così a distanziare ulteriormente il secondo, Bill Gates, che ha visto il valore potenziale dei suoi investimenti deteriorarsi di 16,4 miliardi a 96,7 miliardi.

Ancora peggio è andata al re del lusso, il francese Bernard Arnault, che ha registrato una perdita doppia di ben 33,5 miliardi a un totale di 71,7: evidentemente gli effetti del Covid-19 non vanno a premiare i brand del lusso di fronte alla prospettiva di una forte contrazione dell'economia mondiale, che interessa anche i super ricchi.

È andata maluccio anche a Warren Buffett: l'”oracolo di Omaha” denuncia una perdita di 20 miliardi di dollari.

Ma in generale sono i miliardari hi-tech ad accusare il colpo: Mark Zuckerberg vede il suo patrimonio ridotto di oltre 17 miliardi da inizio anni, mentre i due fondatori di Google, Larry Page e Sergey Brin, si fermano a una perdita di 10 miliardi a testa.

Scorrendo la classifica, tra i primi cinquanta Paperoni sono ben pochi quelli in controtendenza. Oltre alla ex moglie di Bezos, Mackenzie, che guadagna poco più di 800 milioni rispetto a inizio anno, spicca Elon Musk, che, a dispetto del calo del titolo Tesla, mantiene un guadagno di 1,5 miliardi. Ultimo in terreno positivo nella top 50 è William Ding, creatore dell'internet provider cinese NetEase, specializzato in gaming.

Peraltro Musk supera il più ricco degli Italiani, Giovanni Ferrero, sceso al 27° posto con una perdita di 5 miliardi di dollari a 26,9 miliardi. Trimestre decisamente pesante anche per il secondo italiano presente tra i primi cento: la flessione del titolo Essilux si è trasformato per Leonardo Del Vecchio in una contrazione del patrimonio di 9,5 miliardi a 15,9.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti