ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùBig Tech

I dolori di Facebook: Meta taglia il personale per la prima volta in 18 anni

La conferma è arrivata dalle parole di Zuckerberg durante un incontro coi dipendenti: «Il prossimo anno saremo più piccoli»

di Biagio Simonetta

Mark Zuckerberg (AFP)

2' di lettura

La crisi globale e l'arrivo sul mercato di competitor molto agguerriti (si legga alla voce TikTok) si fanno sentire. E chiedono il conto a Meta (già Facebook), che di fatto si appresta al primo taglio di personale della sua storia. La notizia è emersa nelle ultime ore, quando il Ceo Mark Zuckerberg ha delineato un piano di riorganizzazione dei team che include anche una riduzione degli organici. Un fatto che pone fine a quasi un ventennio di crescita ininterrotta per il macrocosmo Facebook.

Fatturato in flessione

Zuckerberg ha dichiarato che l’azienda congelerà le assunzioni e ristrutturerà alcuni team per ridurre le spese e riallineare le priorità. Meta sarà probabilmente più piccola nel 2023 rispetto a quest’anno, ha detto il Ceo, secondo la testimonianza di persone presenti all'incontro settimanale coi dipendenti: «Per i primi 18 anni di vita dell’azienda, siamo cresciuti rapidamente ogni anno, ma di recente il nostro fatturato è stato per la prima volta piatto o leggermente in calo», ha aggiunto.

Loading...

Sempre Zuckerberg ha anche aggiunto che l’azienda ridurrà i budget della maggior parte dei team, anche quelli in crescita, e che i singoli team decideranno come gestire i cambiamenti di organico. Ciò potrebbe significare non occupare i ruoli che i dipendenti lasciano, spostare le persone in altri team o lavorare per “gestire le persone che non hanno successo”.

La strada conservativa

«Speravo che a questo punto l’economia si fosse stabilizzata», ha detto Zuckerberg. «Ma da quello che vediamo non sembra ancora che sia così, quindi vogliamo pianificare in modo un po’ conservativo». La notizia è emersa nella serata di ieri (29 settembre), e il titolo di Meta ha chiuso perdendo circa il 4% a Wall Street, seguendo un anno pessimo per l'azienda, che da gennaio ha già perso il 60% del suo valore.

Gli ulteriori tagli ai costi e il blocco delle assunzioni sono la più chiara ammissione di Meta che la crescita dei ricavi pubblicitari stia rallentando, in un contesto di crescente concorrenza.

Cosa non va

Il core business dell'azienda (la raccolta dati e la pubblicità), ha perso un po’ di smalto a causa delle nuove restrizioni sulla privacy imposte da Apple sul tracciamento degli utenti dell’iPhone. Il tutto mentre TikTok sta attirando gli utenti più giovani, mangiando terreno proprio a Meta. Zuckerberg, intanto, sta facendo una scommessa costosa sul Metaverso. Una scommessa che, almeno per ora, sta portando più danni che utili.


Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti