lattiero-caseario

I formaggi made in Italy sfidano i big, ma siamo solo quarti per esportazioni

di Emanuele Scarci

3' di lettura

Formaggi italiani più attenti al valore che ai volumi. E questo spiega la crescita del made in Italy in un settore presidiato da tedeschi, olandesi e francesi. Del resto i mercati esteri sono una via obbligata per le nostre imprese che sul mercato nazionale registrano, nel periodo 2011-2016, una veloce erosione dei consumi stimabile nell’11% (a volume). È quanto emerge da uno studio di Agrifood Monitor presentato ieri a Parma in occasione dell’inaugurazione di Cibus Connect (oggi è l’ultima giornata).

Ma, all’estero, come va il braccio di ferro nel lattiero-caseario? Nell'ultimo decennio, il valore dell’export è quasi raddoppiato: +92%, più veloce del +72% delle esportazioni agroalimentari totali.

Loading...
L’EXPORT DEI FORMAGGI

Valori in milioni di euro e var.% (Fonte: elab. Agrifood Monitor su dati Un Comtrade)

Loading...

Protagonisti indiscussi sono i formaggi, che grazie ai 2,4 miliardi di vendite estere, che incidono per l’82% sul valore totale dell’export lattiero-caseario, mostrano tassi di crescita ancor più positivi, sia nel lungo periodo (+96% nel 2006-2016) che nell'ultimo anno.

Il mercato mondiale dei formaggi vale oltre 24 miliardi di euro: il 72% è concentrato nelle mani dei player Top 10. Tra i quali l’Italia che, con una quota del 10%, è dietro al panzer tedesco (14%) e a Olanda e Francia (entrambe al 12%). Tuttavia il nostro paese detiene la leadership di prezzo (6,23 euro/kg), con un netto distacco rispetto ai cugini d’oltralpe (4,42 €/kg) e soprattutto alla Germania (2,81 €/kg). «Tra il 2015 e il 2016 - commenta Denis Pantini, direttore dell’area agroalimentare di Nomisma - l'’export di formaggi italiani è cresciuto del 7%, superiore al totale dell’export agroalimentare nazionale che nello stesso periodo si è fermato al +3,5%. Non solo: la performance è stata realizzata in un mercato mondiale che, dopo anni di crescita, mostra segnali di difficoltà, come dimostra la sostanziale stagnazione nei valori degli scambi internazionali di prodotti caseari registratasi nell'ultimo biennio».

Nel paniere dell’export italiano sono infatti presenti alcuni dei formaggi di punta della produzione italiana, fra cui le grandi Dop. Il nostro paese è il primo fornitore di Francia e Stati Uniti (con quote, rispettivamente , del 30% e del 24%), il terzo di Germania e Regno Unito e il quarto di Giappone e Spagna. Mentre a seguito dell’embargo commerciale Ue verso la Russia, dell’agosto del 2014, L’Italia ha perso quote importanti in Russia, di cui oggi il principale fornitore è la Bielorussia.

La vicinanza geografica e la possibilità di libero scambio fa sì che la principale destinazione estera dei formaggi italiani sia l’Unione Europea (72% del valore dell’export italiano). Ma accanto a mercati più tradizionali, sia europei che extra-europei, se ne stanno affiancando di nuovi, di piccole dimensioni, che mostrano tassi di crescita molto positivi, come Romania e Polonia, Norvegia, Svezia, Cina e Corea.

Emblematico è il caso cinese, che, pur essendo ancora di piccole dimensioni (circa 380 milioni di euro nel 2016), mostra tassi di crescita vertiginosi: +118% nel periodo 2013-2016.

Vi sono paesi come gli Stati Uniti con un valore 2016 del mercato all'importazione di 1,2 miliardi di euro, in vivace crescita (+32% a valore nel periodo 2013-2016), in cui il nostro paese è leader sia per volumi di vendite (17%) che per il prezzo (8,2 euro al kg) con un netto distacco dagli altri competitor.

I mercati europei più tradizionali viceversa stagnano. Come il Regno Unito che ha importato 1,6 miliardi di formaggi nel 2016, -7% rispetto al 2013, nel quale l'Italia ancora una volta riesce a tenere grazie ad un'offerta di qualità (5,7 euro al chilo) e mostra un andamento positivo (+11% a valore tra il 2013 e il 2016).

Come questi trend abbiano impattato sulle performance economiche e finanziarie delle imprese emerge da un'analisi condotta sui bilanci di 256 società di capitali e cooperative, rappresentative del 75% del fatturato del lattiero caseario. Nel periodo 2012-2015 il valore del mercato italiano è calato a una media annua dello 0,8%.

Dalla Vespa al formaggio: l’Europa minacciata dai dazi di Trump

Dalla Vespa al formaggio: l’Europa minacciata dai dazi di Trump

Photogallery10 foto

Visualizza

Dietro questo trend generale si nascondono però dinamiche molto differenti. Per esempio, è rilevante lo spostamento delle vendite tra segmenti merceologici a beneficio di prodotti e referenze che intercettano i nuovi bisogni salutistici del consumatore: per esempio, bevande vegetali, biologico, a ridotto contenuto di grassi, senza lattosio.

«Queste tendenze del mercato - osserva Paolo Bono, associate presso Crif Ratings - hanno consentito di migliorare marginalità e sostenibilità finanziaria anche in un contesto di complessiva riduzione delle vendite. Il margine operativo lordo del settore è passato dal 5,2% del 2012 al 6,2% del 2015, mentre la leva finanziaria (misurata come rapporto tra debito finanziario lordo ed Ebitda) è passata dal 4,6 al 4,2». Lo spostamento delle vendite dall’Italia all’estero e tra categorie di prodotti sembra quindi aver favorito un complessivo miglioramento sul fronte della marginalità e della rischiosità finanziaria.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti