ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCollegio Ghislieri di Pavia

I laureati migliori «in vetrina»: nasce il sito per la ricerca di giovani eccellenze

L'iniziativa dell’istituto che da 450 anni premia il merito. Aziende, realtà culturali e professionali hanno accesso ai CV

di Redazione Scuola

3' di lettura

Non il classico sito di cerco-offro-lavoro, ma una vera e propria vetrina, dove laureati eccellenti incontrano realtà professionali alla ricerca di giovani talenti. Vetrinadelmerito.it – online da pochi giorni – è un'iniziativa che parte dal suo stesso capitale umano: si tratta di uno strumento ideato dall'Associazione alunni del Collegio Ghislieri di Pavia, dove negli ultimi 10 anni il 93% degli allievi si è laureato con lode. Un bacino di eccellenza ora disponibile gratuitamente a tutte le realtà culturali, aziendali e professionali per l'avvio di qualsiasi percorso di cooperazione professionale, imprenditoriale, culturale.

Il sito

Il sito vetrinadelmerito.it è raggiungibile dai comuni motori di ricerca: dalla home page è possibile effettuare la registrazione dell'azienda o ente di appartenenza. Dopo l'accesso si possono visionare i curricula dei laureati del collegio Ghislieri e interagire liberamente con loro per dare vita a diverse attività: la creazione di un rapporto professionale, una collaborazione accademica o scientifica, un'iniziativa imprenditoriale. Si tratta di un nuovo e utile strumento: non costa nulla e vale molto.Attualmente sono quasi 200 i curricula online: il 30% appartengono a laureati in discipline scientifiche e tecnologiche, il 25% in discipline giuridiche, economiche e politiche, seguiti dal 24% di umanisti e dal 21% di laureati in discipline legate al mondo della sanità. «Con Vetrina del Merito intendiamo mettere in risalto due aspetti fondamentali per il Ghislieri - spiega Emilio Girino, presidente dell'Associazione Alunni del Collegio Ghislieri, alla quale si deve la genesi e la gestione del servizio -. Il primo è, l'eccellenza: da sempre chi studia presso il Collegio è spinto a dare il meglio di sé, che sia nel settore scientifico o umanistico, nel mondo accademico o nelle professioni. L'altro è il senso di appartenenza. Essere ghisleriani non significa solo poter laurearsi in un contesto straordinario per tradizione intellettuale e bellezza architettonica. Significa soprattutto aderire a una comunità che, nel rispetto delle libertà e delle inclinazioni individuali, insegna a essere ricettivi nei confronti delle innovazioni, curiosi di scoprire ciò che non si conosce ancora, interessati alla complessità di un mondo in costante evoluzione. Vetrina del Merito è un modo efficace per consentire ai ghislieriani di portare un po' di questo insegnamento nel mondo del lavoro, negli enti e nelle istituzioni che li accolgono e di fornire ad essi un eccezionale vivaio di scelta”.

Loading...

Il Collegio

Il Ghislieri di Pavia, infatti, non è solo un Collegio: è un Collegio di merito, che seleziona i propri studenti garantendo loro forti agevolazioni economiche. Oggi, circa un terzo dei giovani ghisleriani beneficia di un posto completamente gratuito, grazie al proprio rendimento e in base al reddito famigliare. Fondato nel 1567 da papa Pio V e divenuto il primo collegio universitario misto d'Italia nel 1966, gode dell'Alto Patronato del Presidente della Repubblica e opera sotto la supervisione del Ministero dell'Università e della Ricerca, che lo riconosce come Ente di alta qualificazione culturale. L'ingresso al Collegio Ghislieri è regolato da un concorso pubblico di ammissione che si tiene ogni settembre, a opera di una commissione di docenti dell'Università di Pavia. Per conservare il proprio posto in Collegio, gli studenti devono mantenere ogni anno la media dei 27/30 negli esami universitari. Al Collegio Ghislieri, in ogni periodo della sua lunga storia, hanno studiato personaggi di primo piano nella vita economica, culturale, politica. Il più famoso è certamente Carlo Goldoni, che fu alunno negli anni 1723-1725, ma si possono anche ricordare (tra moltissimi altri) Giuseppe Zanardelli (1826-1903), futuro Guardasigilli e Primo ministro nei governi dell'Italia Unita a cui si deve il Codice penale del 1889, il ministro Ezio Vanoni (1903-1956), Guido Rossi (1931-2017), avvocato d'affari, giurista ed ex presidente della Consob negli anni Ottanta, nonché dirigente in importanti gruppi industriali, Marco Vitale, economista di impresa di lungo corso e guru della direzione aziendale, Franco Tatò, il “manager filosofo” recentemente scomparso. Attualmente, poi, centinaia di ghisleriani ricoprono ruoli manageriali, professionali e cattedre universitarie in Italia e all'estero.

Scuola, tutti gli approfondimenti

La newsletter di Scuola+

Professionisti, dirigenti, docenti e non docenti, amministratori pubblici, operatori ma anche studenti e le loro famiglie possono informarsi attraverso Scuola+, la newsletter settimanale de Il Sole 24 Ore che mette al centro del sistema d'istruzione i suoi reali fruitori. La ricevi, ogni lunedì nel tuo inbox. Ecco come abbonarsi

Le guide e i data base

Come scegliere l’Università e i master? Ecco le guide a disposizione degli abbonati a Scuola+ o a 24+. Qui la guida all’università con le lauree del futuro e il database con tutti i corsi di laura

Lo speciale ITS

Il viaggio del Sole 24 Ore negli Its per scoprire come intrecciare al meglio la formazione con le opportunità di lavoro nei distretti produttivi delle eccellenze del made in Italy. Tutti i servizi


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter Scuola+

La newsletter premium dedicata al mondo della scuola con approfondimenti normativi, analisi e guide operative

Abbonati