ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùCatene di ristorazione

I Love Poke cresce con le acquisizioni di Pokescuse e Poke Kal e la partnership con Giappo Italia

La strategia di espansione della catena italiana che punta a 230 punti vendita nel 2023 contro i 140 di oggi

di Manuela Soressi

Uno store di I Love Poke

2' di lettura

È l'ultimo grande fenomeno del mondo del food: nell’arco di pochi anni, da sconosciuto qual era, il poke si è trasformato in un caso di successo a livello mondiale e in uno dei business a maggior potenziale di crescita, con l’8,4% di tasso di crescita annuale composto (Cagr) previsto nel quadriennio 2022-2026 (fonte Growth Capital). Il poke è rapidamente diventato anche uno dei piatti preferiti dagli italiani, in particolare dai giovani.
Oggi muove 328 milioni di euro di giro d'affari (+117% nell'ultimo anno), che si prevede saliranno a 689 milioni nell'arco di un triennio.

Anche il numero delle insegne e delle pokerie è in continua crescita: solo dal 2021 a oggi sono stati aperti 140 punti vendita, per una rete nazionale che oggi conta ben 820 locali. Tanti. Probabilmente troppi per i player poco consolidati o non focalizzati, ma probabilmente anche pochi per chi vuole conquistare la leadership e sviluppare ulteriormente questo mercato. Come I Love Poke, che ha portato per prima in Italia questo piatto hawaiano nel 2017: oggi conta oltre 140 punti vendita ma a metà del prossimo anno saranno 230. E così quest'insegna 2023 diventerà il leader del poke in Italia, raggiungendo il 30% di market share e i 130 milioni di euro di giro d'affari, con 30 milioni di euro di Ebitda previsti per fine 2023.

Loading...

Per raggiungere questi traguardi, l'azienda fondata da Rana Edwards e Michael Lewis ha scelto di puntare sia sulle acquisizioni che sugli accordi di franchising. Sul primo fronte ha appena annunciato di aver rilevato le insegne Pokescuse e Poke Kal. Un passaggio di proprietà che sarà formalizzato a febbraio 2023 e che porterà, entro l'estate, a una riconversione e a un cambio di insegna per 66 punti vendita situati nell'Italia settentrionale e centrale.

Per espandersi invece nelle regioni meridionali, I Love Poke ha siglato una partnership con Giappo Italia, leader nel Sud Italia per la cucina etnica e titolare del brand Giappoke. L'azienda di Enrico Schettino diventa da subito master franchisee di I Love Poke per il Sud Italia. Il piano di sviluppo messo a punto dai rispettivi management prevede, già nei primi mesi di attività, la conversione dei 12 store Giappoke e l'apertura di dieci nuovi punti vendita, che daranno lavoro a una cinquantina di addetti.


Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti