ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùL’intervista

I mille progetti di Ron Dennis, dal design alla filantropia, a caccia di eccellenze italiane

Per i progetti immobiliari della sua Livendo Developments, l’imprenditore ha scelto Margraf (marmi) e Marrone (cucine) - Con l’università di Oxford finanzia ricerche per ridurre gli infortuni sportivi nei giovani

di Giulia Crivelli

Ron Dennis

8' di lettura

Ron Dennis ha vissuto tante vite, anche se, fuori dal suo Paese, il Regno Unito, è conosciuto soprattutto per aver fondato la scuderia McLaren Racing (poi McLaren Formula One Team): da presidente, tra il 1981 e il 2009, vinse dieci campionati piloti e sette campionati costruttori. Ma per Dennis c’era vita – tanta – prima della Formula Uno e c’è vita – forse persino di più – dopo la Formula Uno.

L’imprenditore britannico è a Milano per l’evento “Design for performance” al quale parteciperanno architetti, designer, esperti di tecnologia e influencer. Promosso dalla sua società Lavendo Developments, è organizzato con due eccellenze italiane scelte da Dennis per i progetti immobiliari, la vicentina Margraf (specializzata in marmi e pietre dure) e la friulana Marrone, famosa per le cucine professionali su misura. Il viaggio in Italia sarà anche l’occasione per valutare o concretizzare altre partnership, sulle quali Dennis mantiene il riserbo. Parla invece apertamente dei motivi per i quali ha scelto Margraf tra una rosa di produttori d’eccellenza per il segmento dell’immobiliare di lusso: «Precisione e attenzione ai dettagli sono l’obiettivo in tutto ciò che faccio, è naturale cercare partner che abbiano gli stessi valori», dice parlando dell’azienda vicentina, leader nello stoccaggio e nella produzione di marmi preziosi. Simili le basi per la scelta di Marrone: «Fa parte della mia natura tendere alla perfezione e per questo sono stato colpito dalla meticolosità di questa azienda, che si traduce in cucine eccezionali per design, prestazioni e affidabilità: prima di conoscere e visitare Marrone avevo passato dieci anni a cercare, invano, il partner giusto per le cucine nei miei progetti immobiliari».

Loading...

Come ha conosciuto queste due eccellenze italiane?

Ho visitato Margraf per la prima volta nel settembre 2019, dopo una lunga ricerca a livello europeo. È subito risultato evidente che Margraf aveva accesso ai tipi di pietra con i quali desideravamo lavorare. La mia rappresentante italiana, Raffaella Paoletti, che lavora con me da molti anni, ha contattato il presidente dell’azienda, Silvio Xompero, e durante una prima visita in Margraf sono rimasto impressionato dall’attenzione ai dettagli e dalla capacità di realizzare cose che non sognavo neanche fossero possibili. Diverso il percorso per Marrone: erano dieci anni che cercavo un produttore di cucine, poi all’Oswalds (un club privato di Londra) ho visto qualcosa che mi ha fortemente impressionato. Ancora una volta, con l’aiuto di Raffaella, sono entrato in contatto con l’amministratore delegato di Marrone, Armando Pujatti, e successivamente ho visitato la sede centrale nell’ottobre 2019. Sono stato felice di poter spiegare esattamente cosa stavo cercando e ho iniziato a vedere le mie idee di cucine prendere vita. In genere, mi piace molto il tempo che trascorro in Italia e come perfezionista, sono molto attento alle aziende con cui scelgo di lavorare e sono nella posizione fortunata di poter investire il mio tempo per scegliere e trovare la soluzione ideale.

La sua società di investimenti, Lavendo, è nata prima del Covid. Che impatto ha avuto la pandemia sui vostri piani e progetti?

Il Covid ha influenzato così tanto la nostra vita quotidiana e naturalmente ha influenzato anche l’attività commerciale. Le tempistiche sono state influenzate, compresi i processi di progettazione, fornitura e produzione. Ovviamente ci siamo dovuti adattare ai ritardi, ma nel complesso siamo stati in grado di mantenere i piani che avevamo inizialmente stabilito.

Sembra molto impegnato a creare nuove connessioni tra persone e aziende usando la tecnologia. Ritiene però che ci siano anche lati negati della rivoluzione digitale?

La tecnologia e il mondo digitale sono innovazioni estremamente vantaggiose; in molti modi hanno avvicinato il mondo, il che è un fatto incredibilmente positivo. Tuttavia, ovviamente, ci sono aspetti negativi nel vivere in un mondo in qualche modo digitale, poiché gli esseri umani hanno bisogno dell’interazione personale e la mia preoccupazione è che la comunicazione e la connessione “face to face” diminuiranno. In termini di aspettative, purtroppo è stato dimostrato che il mondo digitale ha un impatto significativamente negativo sulla vita dei giovani, con le sue aspettative “irreali”. È chiaro che i nostri giovani hanno bisogno di una maggiore consapevolezza in questo campo e della massima protezione possibile della loro salute mentale.

Cosa pensa del dibattito in corso sul tema Esg e sostenibilità?

Siamo custodi della terra mentre siamo qui e proprio mentre investiamo nel futuro dei nostri figli e delle generazioni future, penso che dovremmo essere consapevoli delle nostre responsabilità ambientali, sociali e di governo. Ci sono molti pericoli nel “greenwashing” e nel “diversity washing”, invece sento che dobbiamo creare vera trasparenza, vera fiducia e allontanarci da nozioni e pretese percepite o false, che si tratti di una multinazionale o di un individuo. Ogni paese contribuisce al riscaldamento globale e coloro che contribuiscono di più tendono anche ad avere le economie più deboli, ma stanno comunque compiendo sforzi per un cambiamento positivo. Si stanno facendo progressi, anche se lenti. Molte persone che hanno vissuto la seconda guerra mondiale sono ancora vive oggi e sono in grado di comunicare attraverso la propria esperienza gli effetti negativi a lungo termine della guerra, eppure ci sono ancora conflitti in tutto il mondo, in particolare in Ucraina, dove si è verificata una fenomenale perdita di vite umane. Le nostre strutture politiche differiscono, ma stanno tutte deludendo noi e le nostre comunità perché nulla giustifica una perdita di vite umane come questa, o l’impatto che l’uomo sta avendo sull’ambiente. Questi problemi (così come la sfida del Covid) devono essere affrontati su base globale.

Se Elon Musk le offrisse un viaggetto sulla Luna o su Marte lo farebbe?

Alla mia età attuale, rifiuterei. Ma se fosse stato possibile una realtà quando ero più giovane, probabilmente avrei accettato. Ritengo che il vero vantaggio dell’esplorazione spaziale siano le tecnologie derivate che sono state sviluppate e sono ora così accettate, come nuovi materiali, sistemi complessi, potenza di elaborazione dei computer. Gli sviluppi della corsa allo spazio sono ora diventati la “corsa allo spazio economico” che, in modo importante, sta spingendo verso il basso il prezzo della tecnologia. Nel Regno Unito abbiamo risorse naturali limitate e non abbastanza terra per la produzione alimentare, quindi è necessario che ci sia ancora più tecnologia e cervello. La tecnologia è il futuro e le imprese traggono grandi benefici dall’attenzione al settore spaziale.

Lei parla spesso agli studenti delle università, dove serpeggia la cancel culture e un atteggiamento molto critico verso il passato. Lei cosa ne pensa?

Non possiamo avere diversità e inclusività e tuttavia censurare e cancellare le voci con cui non siamo d’accordo; questa è una contraddizione e una giustapposizione completa. Bisogna imparare dal passato e non sono d’accordo con l’idea di “cancellare la cultura” che è diffusa in questo momento, specialmente nei college e nelle università. Sento che dovremmo permettere ai nostri studenti di vedere le lezioni apprese dalla storia; sono la realtà di quel momento, ma non la realtà di adesso. Poiché il mondo continua a diversificarsi a ritmi diversi e in culture diverse, c’è un senso di lotta per l’integrazione e la conseguenza è una reazione eccessiva, in cui improvvisamente non siamo in grado di imparare semplicemente dalla storia. Stiamo tornando indietro e ci vergogniamo, ma non è così; non possiamo riscrivere ciò che è già stato, altrimenti le più grandi atrocità accadute in passato saranno dimenticate e la conseguenza di ciò saranno maggiori problemi nei diritti umani e maggiori tensioni tra le generazioni del futuro. Dobbiamo comprendere il contesto e le differenze culturali ed è fondamentale mantenere il dialogo per comprendere e trovare soluzioni.

Cosa ama di più del suo Paese e del nostro?

Quello che amo dell’Inghilterra è la sua ricca storia; di costumi e tradizioni, è sfaccettata ed ha un’eredità radicata, la sua monarchia è amata e ha una popolazione multiculturale in rapida evoluzione. Anche se l’Inghilterra ha impiegato un po’ di tempo per recuperare il ritardo, ora ha ristoranti così diversi e ristoratori di fama mondiale. Il che ovviamente mi porta in Italia; con la sua deliziosa cucina e gastronomia regionale, ristoranti incredibili, la sua sana dieta mediterranea. C’è così tanto che amo dell’Italia; ha una tale bellezza nelle sue eredità culturali: stile, arte, romanticismo, moda e architettura e una passione che si diffonde attraverso tutto ed è evidente nelle persone che incontro lì. Per me l’Italia è il principale stilista del mondo, tanti marchi di lusso sono italiani. È un paese che ho sempre amato visitare e apprezzare.

Ha dei rimpianti o altri sogni?

Se morissi oggi, potrei dire di aver avuto una vita incredibile. Ho ottenuto molte cose e in questo momento la mia “lista dei desideri” è a cifre singole basse. Ho soddisfatto molti desideri e ora sono in una fase in cui è raro aggiungere un altro pezzo... Quando ho venduto tutte le mie azioni nelle società che compongono il McLaren Technology Group, nel 2017, all’età di 70 anni, non c’era niente di più lontano dalla mia mente che l’idea di pensione. È altamente improbabile che parteciperò ancora ad un altro Gran Premio e non farò mai ritorno in McLaren, non è un’affermazione negativa, ma quando mi sono allontanato dal mondo automotive, quel capitolo in particolare si è chiuso e ora sono in grado di concentrarmi su altre cose e altri interessi. Mi piace fare cose belle e sono competitivo, che è probabilmente il modo in cui ho trovato la mia strada in Formula Uno in giovane età! Sono pienamente attivo, con attività commerciali, familiari e filantropiche e inizio la mia giornata alle 6.30 e la maggior parte dei giorni lavoro fino alle 18. Tutto quello che faccio, mi diverte. Dico spesso agli amici che vorrei che la mia lapide riportasse: “Qui giace un imprenditore di successo, morto ambizioso”. Capisco perfettamente le persone che mi mettono in relazione prettamente con la Formula Uno, tuttavia ho sempre avuto un approccio estremamente imprenditoriale, avendo investito in molte attività nel corso degli anni e finora con molti successi. I risultati del successo mi hanno dato la capacità di dedicarmi alla filantropia e di avere un’influenza positiva sui giovani. Nel 2007 ho fondato la Dreamchasing Foundation per aiutare i giovani a realizzare i loro sogni e aspirazioni e rimango impegnato in questo obiettivo.

Cosa pensa dell’attuale Formula Uno e della Formula E?

È estremamente difficile per me dare una breve risposta alla domanda sul futuro della Formula Uno, ma posso elencare quelli che secondo me sono alcuni punti chiave. Primo, le corse attualmente sono abbastanza buone e i titolari dei diritti commerciali e l’organo direttivo adottano costantemente misure per mantenere lo spettacolo di questo sport. Secondo, la sfida di un calendario-gare con 22 eventi e un limite di budget renderanno estremamente difficile per i membri del team mantenere un ragionevole equilibrio tra lavoro e vita privata e causeranno affaticamento e stress nelle relazioni personali.Terzo: la questione del porpoising (saltellamento, gli sbalzi ai quali sono sottoposti le vetture, ndr). Non è un fenomeno nuovo e chiaramente alcune squadre l’hanno capito e altre no e diventerà un problema minore man mano che le squadre colmeranno i loro ritardi. Quarto, la purezza delle corse è compromessa man mano che si insinua più commercializzazione. Per quanto riguarda la Formula E, mi sembra semplicemente una moda, ma indipendentemente dal messaggio ecologico, la realtà è che sfortunatamente è incredibilmente noiosa da guardare e questo è il motivo per cui scelgo di non farlo.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti