Contratti

I notai di Milano lanciano le «Dat» del patrimonio per incapacità futura

Si propone di introdurre l’istituto per programmare la sorte dei propri beni

di Valentina Maglione

(Adobe Stock)

2' di lettura

Permettere a chi dovesse trovarsi in futuro in una condizione di incapacità di programmare in anticipo la sorte del proprio patrimonio, decidendo chi dovrà gestirlo e come. È l’obiettivo del Notariato di Milano, che propone di introdurre nel nostro ordinamento il «mandato in previsione della futura incapacità», con cui un adulto, nel pieno delle proprie capacità mentali conferisce a una persona di sua fiducia il potere di rappresentarlo e di dare istruzioni sulla gestione e amministrazione dei suoi interessi patrimoniali in caso di perdita di capacità: quasi delle disposizioni anticipate di trattamento del patrimonio.

Il «mandato in previsione della futura incapacità»

Uno strumento che esiste all’estero (come in Francia, Germania e nei Paesi di common law) ma non in Italia. «Da noi - spiega Dario Restuccia, componente del Consiglio Notarile di Milano - con il testamento biologico è possibile esprimere le proprie volontà sui trattamenti sanitari in vista di una futura incapacità, ma non c’è il corrispettivo per il patrimonio, che sarebbe più semplice perché al riparo dalle implicazioni etiche».

Loading...

Di fatto, chi vuole decidere sul destino futuro dei propri beni «ha a disposizione soluzioni drastiche, come istituire un trust - osserva - ma non c’è uno strumento per designare una persona di fiducia che gestisca il patrimonio in caso di futura incapacità del titolare. Il mandato a una persona, dato quando si è nel pieno delle proprie capacità cognitive, rischia di perdere efficacia in caso di incapacità del mandante».

L’amministratore di sostegno

È possibile designare un amministratore di sostegno in vista di una futura necessità, ma «si tratta di un incarico - prosegue Restuccia - che coinvolge direttamente il giudice tutelare, chiamato a confermare la nomina e a vigilare sull’operato dell’amministratore di sostegno». Invece, nel mandato in previsione della futura incapacità il giudice dovrebbe intervenire solo in ipotesi “patologiche”, come la morte del mandatario o la sua infedeltà.

Il convegno del 14 maggio per lanciare la proposta

La proposta sarà lanciata durante il convegno online organizzato da Federnotizie il 14 maggio, che affronterà anche il tema della custodia degli account social e delle credenziali usate, ad esempio, per gestire conti bancari e assicurazioni. «Al convegno - spiega Arrigo Roveda, direttore di Federnotizie - prenderanno parte esponenti del Notariato, magistrati e docenti universitari. All’esito si elaborerà una proposta dettagliata da presentare al legislatore. L’ipotesi minima è quella di chiedere la ratifica della Convenzione dell’Aja del 13 gennaio 2000 sulla protezione degli adulti, che consentirebbe di rendere operativo in Italia il mandato in vista della futura incapacità sottoscritto all’estero, in un Paese che lo prevede. La proposta più ambiziosa è prevedere una disciplina per introdurre l’istituto anche nel nostro ordinamento».

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti