tecnologia

I nuovi iPhone 12 sono in arrivo: cosa sappiamo su design e tecnologia

La casa di Cupertino è al lavoro per il lancio dei nuovi smartphone, ma anche di un nuovo Watch e nuovi iPad

di Biagio Simonetta

Apple record, vola a 2000mld dollari capitalizzazione

La casa di Cupertino è al lavoro per il lancio dei nuovi smartphone, ma anche di un nuovo Watch e nuovi iPad


3' di lettura

Arriva settembre ed è tempo di nuovi iPhone. O almeno questo ci dicono le tradizioni di Apple. La casa di Cupertino è al lavoro per il lancio dei nuovi smartphone, ma anche di un nuovo Watch e nuovi iPad. La data non è ancora certa, ma si sussurra che tutto potrebbe avvenire a ottobre. Un pizzico di ritardo dovuto alla pandemia, che ha rallentato il mondo intero. Ritardo che però non dovrebbe comprometterne i risultati. Almeno secondo Apple.

Stando a quanto scrive Bloomberg, infatti, il gigante californiano ha chiesto ai fornitori di costruire almeno 75 milioni di nuovi iPhone per la fine del 2020, più o meno in linea con il lancio dello scorso anno. Un segno che la domanda per il prodotto più importante dell'azienda sta reggendo nel bel mezzo di una emergenza globale.

Apple, prevede che le spedizioni di questi iPhone di nuova generazione potrebbero raggiungere gli 80 milioni di unità nel 2020.

Come saranno i nuovi iPhone

Arrivati a questo punto, la domanda più battuta non può che essere una: ma come saranno i nuovi iPhone. Le anticipazioni che girano in rete sono tante, e hanno in comune un fatto abbastanza scontato: di certo i nuovi “melafoni” disporranno di tecnologia 5G, e si chiameranno iPhone 12. Apple dovrebbe lanciare quattro nuovi modelli, con design simili e dimensioni dello schermo differenti. I quattro nuovi telefoni saranno suddivisi in due modelli base e due modelli di fascia alta (quindi Pro). Ma per la prima volta tutti saranno dotati di display Oled. I due iPhone “normali” potrebbero essere disponibili nelle dimensioni da 5,4 e 6,1 pollici, mentre le versioni Pro dovrebbero offrire display da 6,1 e 6,7 pollici. Quest'ultima dimensione, se confermata, farà di iPhone 12 Pro Max il più grande iPhone di sempre.

Tutti e quattro i nuovi modelli, inoltre, avranno un design aggiornato con bordi squadrati simili a quelli dell'ultimo iPad Pro. Bordi in acciaio inossidabile per la versione Pro, rispetto a quelli in alluminio delle varianti più economiche. Inoltre, la colorazione Midnight Green che ha caratterizzato la linea iPhone 11 Pro, dovrebbe essere sostituita da una dark blue.

Altre variazioni significative, detto che iOS 14 è già noto fra i fan più incalliti, dovrebbero riguardare display e fotocamera. Col primo dovrebbe arrivare la frequenza a 120Hz (già usata con iPad Pro), mentre nel comparto delle fotocamere posteriori dovrebbe comparire anche il sensore LiDar, uno scanner già presente – anche questo – nell'iPad Pro.

Ad ogni modo, l'attesa sta per scadere. Perché nelle prossime settimane arriverà il lancio ufficiale. Lancio che dovrebbe riguardare anche un nuovo iPad Air con uno schermo simile alla versione Pro (edge-to-edge), ma anche due nuove versioni di Apple Watch: un successore dell'Apple Watch Series 5 (dunque la sesta generazione) e un sostituto della Series 3, che andrà a competere con dispositivi per il fitness a basso costo (come quelli di Fitbit, per capirci).

La borsa già corre

Intanto, l'imminente arrivo dei nuovi iPhone, fa già bene ai fornitori di Apple che iniziano a correre in borsa. Nella giornata di martedì, Taiwan Semiconductor Manufacturing e LG Display hanno chiuso in rialzo del 2%, mentre il fornitore di lenti Largan Precision ha fatto registrare un interessante +4,1%, e l'assemblatore di cuffie Goertek Inc. ha guadagnato il 2,1%. Un risultato dovuto al fatto che i partner di Apple fanno registrare sempre un massiccio aumento della produzione, prima del lancio di nuovi iPhone. È doveroso ricordare che gli smartphone generano ancora quasi la metà delle vendite di Apple, e spesso superano il 60% durante le festività natalizie. Le azioni del colosso di Cupertino, inoltre, sono aumentate del 76% durante il 2020, facendone la prima azienda statunitense a superare i 2 trilioni di dollari di valore di mercato.

iPhone 11 il più venduto

Intanto, Apple conferma il primato nella speciale classifica degli smartphone più venduti. È l'iPhone 11 (il più economico del lancio 2019) a conquistare il primato, secondo i dati del rapporto Smartphone Model Market Tracker di Omdia. Nella prima metà del 2020, infatti, la casa di Cupertino ha venduto 37,7 milioni di unità di iPhone 11. Un primato forte, considerato che al secondo posto c'è il Samsung A51 con 11,4 milioni di pezzi. Va detto che Apple è un po' la regina di questa classifica, perché insieme a Xiaomi piazza ben 4 device nella top ten (iPhone 11, iPhone SE 2020 e i due 11 Pro). E già l'anno scorso la casa di Cupertino si era imposta con iPhone XR. iPhone 11, comunque, ha fatto ancora meglio di XR lo scorso anno, con 10.8 milioni di unità in più.


Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti