0/0Business

I più ricchi dell’hi-tech/Gli altri super ricchi

default onloading pic
(REUTERS)

Nei primi venti posti della classifica dei miliardari mondiali, almeno otto sono legati a personaggi del mondo del digitale e dell'hi-tech. Mentre stentano i settori tradizionali, industriale, retail, il food, il farmaceutico. I nomi degli altri paperoni corrispondono ad altrettanti marchi globali, di uso quotidiano o comunque molto noti. Heinz, Coca Cola, Zara, Ikea, Mars, L'Oréal, TAG HEUER, Dom Perignon, Luis Vuitton, Walmart. I nomi sono noti ai frequentatori delle cronache finanziarie e agli appassionati del genere: Warren Buffett, l'oracolo di Omaha grande vecchio della finanza,. Eppoi: Carlos Slim, Amancio Ortega, Bernard Arnault, Carlos Slim, Ingavar Kamprad, Liliane Bettencourt, John e Jacqueline Mars. La costante che emerge dalla comparazione delle loro fortune è che di anno in anno i loro patrimoni crescono, così come le loro attività legate ai settori tradizionali della manifattura o del retail, del petrolio e delle tlc. Crescono sì, ma in misura minore rispetto ai tycoon dell'hi-tech. A parte Buffett che fa eccezione, sorta di re Mida dei tempi moderni capace di trasformare in oro tutto ciò che tocca

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti