Opinioni

I populisti sono canaglie (ma i loro seguaci meritano ascolto e rispetto)

La demagogia populista prospera quando grandi gruppi di cittadini sentono che i loro valori e interessi sono ignorati dalla politica

di Michael Lind

(AFP)

6' di lettura

Donald Trump è il primo vero demagogo ad essere stato presidente degli Stati Uniti. Ma i politici che affermano di essere tribuni di quei cittadini che si sentono inermi di fronte agli establishment corrotti sono storicamente cosa ben nota in America sia a livello statale che locale. Come forma politica, la demagogia populista tende a prosperare quando grandi gruppi di cittadini sentono che i loro valori e interessi sono ignorati dalla politica.

Alla fine della fase successiva della guerra civile americana nota come Era della Ricostruzione, i cosiddetti democratici borbonici, i discendenti d'élite dei proprietari di schiavi ante bellum e dei loro alleati, dominarono i governi degli Stati del Sud dalla Virginia al Texas. L'oligarchia borbonica privò del diritto di voto tutti i neri del Sud e molti bianchi poveri con la poll tax (una tassa che gravava sulle persone ammesse al voto), prove di alfabetizzazione e altri mezzi progettati per sopprimere il voto. Di conseguenza, il Partito Repubblicano fu quasi eliminato dal Sud. Il monopolio democratico sul potere politico servì a mantenere una versione oppressiva dell'economia delle piantagioni, basata su forme di lavoro – come la mezzadria e la pratica del convict leasing (prigionieri venduti a datori di lavoro) – che intrappolavano sia i bianchi che i neri.

Loading...

La politica oligarchica meridionale produsse la sua nemesi sotto forma di demagoghi populisti la cui base politica era costituita da piccoli agricoltori e dai bianchi della classe operaia. Nonostante l'estrazione elitaria, molti demagoghi del Sud si distinguevano dalla classe dirigente signorile per il linguaggio rozzo e le campagne di intrattenimento. Nella Carolina del Sud, il governatore Benjamin R. Tillman si guadagnò il soprannome di “Pitchfork Ben” (ossia Ben il forcone) dopo aver attaccato così il presidente Grover Cleveland: “Infilerò il mio forcone nelle sue vecchie e grasse costole!”. In Texas, James Stephen Hogg da 300 libbre (circa 130 chili) fece del maiale il simbolo della sua campagna di successo per diventare governatore.

Molti demagoghi del Sud facevano leva sul razzismo per attirare i bianchi non ricchi preoccupati della concorrenza nera. In Mississippi, il governatore e in seguito senatore degli Stati Uniti James K. Vardaman si autodefinì “the Great White Chief” (il Grande Capo Bianco) e manifestò il suo impegno per la supremazia bianca vestendosi di bianco e girando su un carro trainato da buoi bianchi. Altri invece si mostrarono opportunisti. All'inizio del XX secolo, Tom Watson della Georgia prima accolse il supporto dei neri, poi difese la supremazia bianca. Generazioni dopo, il governatore dell'Alabama George Wallace fece il contrario, associando il proprio nome ai segregazionisti prima di rivolgersi agli elettori neri alla fine della sua carriera, da una sedia a rotelle dopo essere sopravvissuto a un tentato omicidio.

Inoltre, molti demagoghi populisti denunciarono gli istituti commerciali e bancari urbani, così come le grandi società, spesso con sede nel Nord degli Stati Uniti, che dominavano le economie dei loro Stati. Altri demagoghi, come W. Lee “Pappy” O'Daniel del Texas, una star di Hillbilly Radio che divenne governatore del Texas e senatore degli Stati Uniti, erano figure di spicco per le grandi aziende e i ricchi.Una volta conquistato il potere, i demagoghi del Sud in genere abbandonavano i loro seguaci e si univano all'establishment. A volte fondavano dinastie familiari nella politica di Stato. Huey P. Long della Louisiana, “the Kingfish”, il cui slogan era “Every Man a King”, divenne governatore e poi senatore degli Stati Uniti. Assassinato nel 1935, Long fu in seguito succeduto come governatore da suo fratello, Earl, e al Senato degli Stati Uniti da suo figlio, Russell.

Oltre al Sud degli Stati Uniti nel XX secolo, i demagoghi americani erano presenti nelle città del Nord degli Stati Uniti, dove le diaspore di immigrati europei-americani erano tagliate fuori dal potere delle élite locali protestanti anglosassoni bianchi. Rappresentando gli irlandesi-americani a basso reddito, James Michael Curley si definì “mayor of poor” (sindaco dei poveri). Ricoprì quattro mandati come sindaco di Boston e un mandato come governatore del Massachusetts, trascorrendo cinque mesi del suo quarto mandato da sindaco in carcere per corruzione prima di essere graziato dal presidente Harry Truman.

Durante e dopo il movimento per i diritti civili degli anni ‘50 e ‘60, l'“etnia bianca” della classe operaia si sentiva minacciata dal basso, ossia dalla concorrenza dei neri per i posti di lavoro e gli alloggi, e dall'alto dall'élite manageriale e professionale. Questo gruppo fornì gli elettori per il sindaco di Philadelphia Frank Rizzo e il sindaco di New York Rudy Giuliani. Trump è sembrato insolito come presidente americano, ma da arrivista tedesco-scozzese è facile immaginarlo come esuberante sindaco di New York che mobilita altre “etnie bianche” dei sobborghi contro Manhattan.

Paragonare Trump a dittatori fascisti come Hitler e Mussolini dimostra però una profonda ignoranza della storia. Sia Hitler che Mussolini erano sostenuti da élite militari, burocratiche e accademiche che disprezzavano la democrazia e temevano il comunismo. Al contrario, le élite militari, burocratiche e accademiche americane, e gran parte dell'establishment societario e finanziario, hanno fatto fronte comune contro Trump. Inoltre, lo stile goliardico, volgare e da pacche sulla spalla dei classici demagoghi populisti americani come Trump, e degli equivalenti europei come il britannico Nigel Farage e l'italiano Matteo Salvini, non potrebbero essere più diversi dai solenni personaggi pubblici di Mussolini, Hitler e dal dittatore spagnolo di lunga data, Francisco Franco.

Altrettanto inverosimili sono stati i tentativi di ridurre il populismo trumpiano a “nazionalismo bianco”. Nonostante la storia di commenti bigotti di Trump, la sua quota di voti bianchi si è ridotta e il suo sostegno tra gli elettori non bianchi è aumentato nel 2020 rispetto al 2016. Allo stesso modo, nel Regno Unito, tra un quarto e un terzo degli elettori neri, asiatici e di minoranza etnica hanno sostenuto la Brexit nel referendum del 2016, screditando i tentativi di descrivere il populismo britannico come una semplice politica di contraccolpo dei bianchi.

Come stile politico, il populismo emerge quando la politica tradizionale e gli establishment di partito ignorano grandi fasce di popolazione di un paese, ad esempio gli agricoltori bianchi e i lavoratori del Sud degli Stati Uniti ante bellum, gli agricoltori del Midwest alla fine del XIX secolo, le “etnie bianche” euro-americane nel Nord-est del XX secolo e i bianchi della classe operaia nel Midwest industriale e nel nord della Gran Bretagna nel XXI secolo.

A dire il vero, i demagoghi populisti spesso promuovono misure folli per risolvere problemi reali. William Jennings Bryan, tre volte candidato democratico alla presidenza, promosse il bimetallismo monetario (il ritorno del dollaro con l'argento, oltre all'oro) come panacea per gli agricoltori sofferenti. Anche se i pittoreschi paladini degli elettori disperati sono truffatori o ciarlatani, ciò non significa che le rimostranze di questi elettori non siano legittime.

Oggi l'offshoring industriale e l'immigrazione generano perdenti e vincitori. L'incapacità dell'establishment statunitense di riconoscere gli aspetti negativi del libero scambio e dell'immigrazione ha dato a Trump gli argomenti da poter sfruttare, proprio come l'ortodossia bipartisan a favore del gold standard deflazionario per Bryan nel 1890. Ma il muro di Trump lungo il confine tra Stati Uniti e Messico e il suo uso raffazzonato dei dazi, come la promozione della monetazione d'argento da parte di Bryan, sono stati espedienti piuttosto che politiche credibili.

La storia americana dimostra che il modo migliore per eliminare il populismo è incorporare gli elettori alienati nella politica tradizionale e affrontare le loro legittime rimostranze con mezzi sofisticati. Il New Deal del presidente Franklin D. Roosevelt conseguì molti degli obiettivi del movimento populista agrario di Bryan. Ma lo ha fatto portando agricoltori e lavoratori nella politica e nel processo decisionale in modo istituzionalizzato, attraverso organizzazioni agricole e sindacati. Durante la Grande Depressione, Roosevelt raggiunse un obiettivo populista abbandonando il gold standard, un sistema che, secondo la maggior parte degli economisti di oggi, è stato economicamente dannoso. Ma questa e altre legittime rimostranze populiste sono state affrontate dai riformatori del New Deal all'interno del sistema bipartitico e dell'establishment nazionale, non da outsider incendiari.

I populisti sono spesso canaglie, ma i loro seguaci meritano di essere rispettati e ascoltati. La demagogia populista è una malattia della democrazia rappresentativa. Per curarla serve una democrazia realmente rappresentativa.

(Traduzione di Simona Polverino)

Professore della Lyndon B. Johnson School of Public Affairs dell'Università del Texas (Austin) e autore di The New Class War: Saving Democracy from the Managerial Elite.

Copyright: Project Syndicate, 2020.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti