Infortuni e danni in condominio: come mettersi al riparo dai risarcimenti

2/11danni in condominio

I primi custodi dello stabile? I condòmini


default onloading pic
(endostock - stock.adobe.com)

«Ciascuno è responsabile del danno cagionato dalle cose che in custodia, salvo che provi il caso fortuito», cosi dice l’articolo 2051 del Codice civile. Il custode degli stabili abitativi è il condominio stesso, cioè i proprietari delle singole unità immobiliari, obbligati a vigilare e a mantenere in buono stato i beni comuni, così da non recare danni ad altri condòmini o a soggetti terzi. Quest’obbligo di custodia vale anche durante gli appalti per lavori di ristrutturazione. In caso di incidente causato dalla cattiva conservazione delle strutture e degli spazi comuni, il condominio può rivalersi sull’amministratore (se c’è), che è tenuto a mantenere efficienti gli impianti (articolo 1130 del Codice civile), in forza del vincolo di mandato che deve eseguire con diligenza.

Riproduzione riservata ©

    Brand connect

    Loading...

    Newsletter

    Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

    Iscriviti
    Loading...