Fisco

I principali chiarimenti

3' di lettura

IL SOFTWARE «EMBEDDED»
Il quesito

Il problema preso in esame riguarda i benefici applicabili
nel caso di acquisto di un bene industria 4.0 a un prezzo unitario che comprende anche il costo del software che è necessario per il suo funzionamento.
La risposta
Secondo l'agenzia delle Entrate se il software è embedded (cioè integrato) deve essere considerato agevolabile con l'iper ammortamento. Va ricordato che nella legge di Bilancio 2017, cioè la 232 dell'11 dicembre 2016, (pubblicata nella Gazzetta ufficiale n. 297 del 21 dicembre 2016, nel supplemento ordinario n. 57), l'allegato B «Beni immateriali (software, sistemi e system integration, piattaforme e applicazioni) connessi a investimenti in beni materiali “Industria 4.0”» comprende i software stand alone, non necessari per il funzionamento del bene.

LE DATE RILEVANTI PER IL BENEFICIO/1
Il quesito

Il problema, in questo caso, riguarda il fatto se un bene rilevante ai fini dell'iperammortamento possa usfruire del maxisconto nel caso in cui sia stato consegnato nell'anno 2016.
La risposta
L'iperammortamento si applica agli investimenti che sono stati effettuati nel periodo che va dal 1° gennaio 2017 al 31 dicembre 2017 (ovvero al 30 giugno 2018 in presenza di determinate condizioni). Per la maggiorazione del 150% l'imputazione degli investimenti al periodo di vigenza dell'agevolazione segue le regole del Tuir. Pertanto, un bene materiale strumentale nuovo, elencato nell'allegato A e consegnato nel 2016, non può usufruire della maggiorazione del 150%, ma può beneficiare solo di quella del 40%.

Loading...

LE DATE RILEVANTI PER IL BENEFICIO/2
Il quesito

Il problema è di quale maggiorazione possa usufruire un bene compreso nell'allegato A, comprato nel 2016 ed entrato in funzione e interconnesso nel 2017.
La risposta
L'investimento effettuato nel 2016 può beneficiare solo del superammortamento (e non dell'iperammortamento). La maggiorazione del 40% può essere fruita dal 2017, che è il periodo d'imposta di entrata in funzione del bene. L'interconnessione, ai fini del superammortamento previsto dalla legge 208/2015 ,non assume rilevanza.

IPERAMMORTAMENTO E PROFESSIONISTI
Il quesito

Il tema sottoposto all'agenzia delle Entrate è se l'iperammortamento sia applicabile anche ai professionisti.
La risposta
Secondo l'agenzia delle Entrate la legge, parlando espressamente di impresa, e la tipologia di beni agevolabili fanno ritenere che la maggiorazione del 150% riguardi soltanto i titolari di reddito d'impresa.


LE REGOLE PER IL BONUS DEL 40%
Il quesito

Il tema sottoposto all'agenzia delle Entrate è definire quando si possa applicare il superammortamento del 40% a un bene immateriale acquistato nel 2017 applicato a un bene (tabella A) non agevolato.
La risposta
La legge di Bilancio 2017 prevede la maggiorazione del 40% del costo di acquisizione dei beni immateriali elencati nell'allegato B. Il beneficio è riconosciuto ai “soggetti” che beneficiano della maggiorazione del 150 per cento. Il software può beneficiare della maggiorazione del 40% se l'impresa usufruisce dell'iperammortamento del 150%, anche per un solo bene che viene utilizzato in azienda, anche non collegato.


QUANDO IL BENE È INTERCONNESSO
Il quesito

Si chiede di indicare quando un bene possa essere considerato interconnesso.
La risposta
Perché un bene possa essere definito “interconnesso” ai fini dell'iperammortamento del 150%, è necessario che scambi informazioni con sistemi interni (sistema gestionale, sistemi di pianificazione, sistemi di progettazione e sviluppo del prodotto) e/o esterni (clienti, fornitori, partner nella progettazione e sviluppo collaborativo) per mezzo di un collegamento basato su specifiche che siano documentate, disponibili pubblicamente e internazionalmente riconosciute e che sia identificato univocamente, al fine di riconoscere l'origine delle informazioni, mediante l'utilizzo di standard di indirizzamento internazionalmente riconosciuti.


LA NECESSITÀ DELLA PERIZIA
Il quesito

Il problema è quello di capire se la perizia giurata per beni di valore superiore a 500mila euro deve essere redatta per un singolo bene o comprendere tutti i beni strumentali acquistati in uno stesso esercizio.
La risposta
L'indicazione dell'agenzia delle Entrate è decisa: la perizia va effettuata per ogni bene acquistato.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti