ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùRavenna Festival

I ragazzi della Cherubini nella Casa Circondariale di Ravenna e a Lugo

I cameristi presentano anche nove concerti aperti al pubblico, in luoghi storici e d’arte

di Angelo Curtolo

2' di lettura

I ragazzi della Cherubini al Quirinale nel 2021 per il G20 della Cultura; al Senato per il Concerto di Natale; al Festival di Salisburgo per Ernani e al Musikverein di Vienna – ma anche nella Casa Circondariale di Ravenna e nelle Case di Riposo di Lugo, Russi, Ravenna.

Riccardo Muti

«La musica non è solo un atto estetico ma anche etico»: nel farne uno dei principi su cui si fonda il lavoro dell’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini da lui creata nel 2004, Riccardo Muti ha tracciato la strada. La quinta edizione di Musica senza barriere mette in pratica quella lezione, varcando la soglia di luoghi dove si rischia altrimenti di essere sopraffatti dal silenzio ed esclusi dall’esperienza della cultura e della bellezza. Così le formazioni da camera della Cherubini - in quartetto o sestetto d’archi, trio, duo, ensemble di fiati o d’ottoni - riscrivono il concetto di pubblico, per un’idea più inclusiva dove la musica è un diritto universale e inalienabile. Oltre al percorso attraverso i luoghi destinati al volontariato, alla cura e al recupero delle persone, i cameristi della Cherubini presentano anche nove concerti aperti al pubblico, in luoghi storici e d’arte: quattro appuntamenti al Museo Nazionale di Ravenna, tre all’Abbazia di Pomposa, e due in ospedali storici della Romagna.

Loading...

Il giovane direttore Hossein Pishkar

L’Orchestra al completo è in residenza al Ravenna Festival, presentando cinque concerti: il 18 giugno, con il giovane direttore Hossein Pishkar, che proviene dall’Accademia dell’Opera Italiana, guidata da Muti; il 24 giugno, con Julian Rachlin sul podio e Yefim Bronfman al piano; poi il 27 unitamente alla Sinfonia Varsovia e il 7 luglio con Muti per Le Vie dell’Amicizia; conclusione il 20 luglio, sempre con Muti, che giustamente apre il concerto con la musica di Nino Rota.

La formazione ha assunto il nome di uno dei massimi compositori italiani, molto attivo Oltralpe, per sottolineare una visione europea della musica e della cultura, con stretto collegamento alla professione. I ragazzi ci studiano per tre anni: e poi via, nel mondo musicale. Vogliamo incontrarli? Il sito orchestracherubini.it ci svela come sono numerose le orchestre che hanno chiamato i Cherubini.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti