food online

I ristoratori a Tripadvisor: ora fateci recensire i clienti molesti

Nove proprietari di locali su dieci stufi delle critiche

di Micaela Cappellini

default onloading pic

Nove proprietari di locali su dieci stufi delle critiche


2' di lettura

Chi l’ha detto, che i ristoratori pendono tutti dalle labbra di Tripadvisor e dalle recensioni dei clienti? Dopo anni di risposte gentili anche agli utenti più sfrontati, nove su dieci sono pronti a dire basta: è l’ora di recensirli noi, i clienti, dicono. Per tutelare finalmente i colleghi gestori dagli avventori più sgradevoli.

La richiesta emerge forte e chiara da un sondaggio dell’agenzia RistoratoreTop, che ha intervistato diversi operatori del settore durante il Food Marketing Mastery di Bologna. Ad oggi, infatti, sul portale di viaggi - che in Italia raccoglie oltre 30 milioni di recensioni di 262mila ristoranti - si possono solo segnalare utenti sospetti o valutazioni fake, ma non esiste ancora la possibilità per i ristoratori di recensire i clienti.

Tripadvisor, dicono i ristoratori, resta uno strumento utile per scegliere i migliori locali. Ma è pur sempre uno strumento che nasconde delle insidie: come le recensioni evidentemente false o pilotate, capitate almeno una volta al 78% dei gestori intervistati. Oppure le recensioni di soggetti che non si sono mai presentati nel locale, come sostenuto dal 54% del campione.

La richiesta dei ristoratori nasce come risposta ai frequenti episodi che vedono il personale di sala o di cucina vittima di comportamenti poco civili da parte della clientela: il 48% degli esercenti intervistati dichiara di aver assistito almeno una volta nell’ultimo anno a episodi di aggressività, mentre il 17% ha addirittura avuto a che fare con discriminazioni rispetto a origini, sesso, orientamento sessuale o disabilità.
«La ristorazione si basa su un rapporto reciproco di rispetto e fiducia tra ristoratori e clienti - spiega Lorenzo Ferrari, amministratore delegato di RistoratoreTop - tuttavia, mentre i secondi hanno modo di mettere in guardia, anonimamente, gli altri utenti da eventuali disservizi o episodi spiacevoli, i primi non possono fare la stessa cosa. Sarebbe interessante assistere a un’evoluzione del noto portale in una piattaforma in grado di funzionare come le community di simili, come Airbnb e Uber. Ne risulterebbe un’esperienza più tutelante per i ristoratori e più trasparente e gratificante per tutti».

E il risultato del sondaggio è stato talmente netto che dall’agenzia che se ne sta occupando promettono di dare un seguito concreto al grido di protesta.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti