avanguardia della crescita

I sensori Intercomp per i parcheggi in tutto il mondo

All’ultima tappa del Roadshow Confindustria-Audi, a Verona il 4 febbraio, focus sulle imprese innovative e i mercati globali. Il caso dell’azienda di Verona leader nella digitalizzazione dei servizi per la Pubblica amministrazione

di Natascia Ronchetti


default onloading pic

2' di lettura

Il progetto risale al 2002 ed è stato finanziato anche dal Miur per la sua portata innovativa. La prima installazione, invece, risale al 2005, a Villafranca, in provincia di Verona. Oggi il sistema di smart parking basato su Internet of things e su sensori posizionati sull’asfalto - per segnalare i posti auto liberi nei parcheggi a pagamento, contrastare l’evasione tariffaria e abbattere del 30% il traffico cittadino per la ricerca di un’area di sosta – è diffuso in molte parti del mondo, da Dubai a Singapore per arrivare a Madrid e Lisbona. Un successo per Intercomp, l’impresa veronese che l’ha inventato e commercializzato, mettendo a frutto il know-how acquisito nella digitalizzazione di processi produttivi e servizi.

L’azienda dal 1983, anno di costituzione, produce prodotti hardware e software per l’industria, per il mondo del biomedicale, per il terziario e per la pubblica amministrazione. Con un centinaio di dipendenti e un fatturato che ha superato l’anno scorso i 21 milioni di euro (il 60% del volume d’affari è generato dalla domanda estera) destina ogni anno a ricerca e sviluppo circa il 10% dei ricavi. Un investimento sull’innovazione che l’ha portata a sviluppare un sistema, rivolto principalmente alla pubblica amministrazione, che permette di gestire la sosta accumulando anche dati statistici sull’area di parcheggio e sulle sue condizioni nell’ambito dei piani per la mobilità sostenibile. Un esempio di innovazione di cui si parlerà a Verona il 4 febbraio, all’ultima tappa del Roadshow nazionale promosso da Confindustria e Audi.

L’esempio di Treviso
«I principali vantaggi per gli enti pubblici come i Comuni sono principalmente due – spiega il responsabile marketing di Intercomp, Giordano Ambrosi -. Da un lato c’è quello ambientale, che va dalla riduzione del traffico al risparmio di carburante per la ricerca del parcheggio. Dall’altro c’è il vantaggio economico: la Pa aumenta gli incassi nelle aree a pagamento contrastando l’evasione». Un esempio arriva da Treviso. Il Comune del capoluogo veneto si è affidato alla smart parking nel 2009 per gestire gli stalli blu del centro storico. In quel caso sono stati utilizzati 2.500 sensori (il sistema è collegato a una app che il cittadino installa sul proprio smartphone) che hanno portato a un incremento degli incassi pari a 1,5 milioni di euro – senza ricorrere a sanzioni - consentendo contemporaneamente una più efficace gestione del traffico per ridurre inquinamento acustico e atmosferico. Tra i nuovi progetti dell’azienda veronese per la mobilità sostenibile, ci sono anche le colonnine per la ricarica delle biciclette elettriche. «Vogliamo coprire il mondo dell’e-bike a 360 gradi», conclude Ambrosi.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...