CONSUMI

I surgelati scaldano la tavola degli italiani

Il 2019 è stato l’anno record con un consumo che supera i 14 chilogrammi pro capite. Best seller pizze, pesce, piatti pronti e verdure

di Enrico Netti

default onloading pic
(Mimmo Frassineti / AGF)

Il 2019 è stato l’anno record con un consumo che supera i 14 chilogrammi pro capite. Best seller pizze, pesce, piatti pronti e verdure


2' di lettura

Sulla tavola delle famiglie si servono sempre più surgelati: un cambio di abitudine che nel 2019 ha spinto il consumo pro capite per la prima volta oltre i 14 chilogrammi. La spesa, secondo il «Rapporto annuale sui Consumi dei prodotti surgelati in Italia» di Iias – Istituto italiano alimenti surgelati, è rimasta sostanzialmente stabile, è aumentata solo di qualche decimo di punto. I volumi invece crescono dell’1,3% e il mercato oscilla tra i 4,4 e i 4,7 miliardi di ricavi al traino dei prodotti venduti nel canale retail, oltre 531mila tonnellate, catering a 318,5 mila tonnellate e il door to door. Sul comparto pesano i mesi del lockdown: certo c’è stato il boom dei consumi domestici ma il segmento Ho.re.ca. accusa una perdita di un quarto del fatturato.

Bene l’export grazie a un accordo commerciale tra Italia e Usa, raggiunto grazie al lavoro delle Istituzioni e di Unione Italiana Food, che ha sbloccato le esportazioni di ingredienti surgelati con carne suina verso gli States e questo permetterà agli americani di mangiare alcuni prodotti, come la “Pepperoni Pizza” made in Italy, di cui c'è grande richiesta.

Loading...

Il 2020 era iniziato bene, con una accelerazione dei consumi dei surgelati, ma l’emergenza legata alla pandemia da Covid -19 ha cambiato la spesa alimentare degli italiani e anche il settore dei surgelati è stato coinvolto. Da una parte, nel primo quadrimestre 2020, le vendite complessive di surgelati nel canale Retail hanno segnato un +13,5% con performance particolarmente positive nel segmento dell'ittico (+16,5%), degli snack salati (+21,5%), delle pizze (+12,5%) e delle patate (+12%). E anche il segmento del porta a porta ha segnato nei primi mesi del 2020 un aumento significativo, fino a un +40% a marzo, rispetto al 2019.

Nel 2019 i best seller sono stati i “vegetali” che da soli valgono metà mercato, con una ripresa dei consumi dei vegetali semplici (piselli, spinaci, fagiolini, patate), sia delle zuppe, minestroni e “piatti” ricettati. Buoni risultati registrati per pizze e snack, con un consumo di circa 78.500 tonnellate (+2,4%). La più richiesta rimane sempre la margherita, cui seguono vegetariana, capricciosa, ai funghi, al prosciutto. In leggero aumento anche il consumo di patate surgelate, con 72.300 tonnellate e una piccola variazione dello +0,7% sul 2018.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti