ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùLibri

I testi viscerali e colti di Kae Tempest

Il suo libro “Connessioni” è in libreria per i tipi di edizioni e/o

di Caterina Orsenigo

2' di lettura

Connessioni è il titolo del primo saggio di Kae Tempest, artista e musicista inglese che da anni solca i palchi di tutto il mondo con i suoi testi viscerali e colti insieme: poesie che si possono leggere, tradotte in Italia dalla casa editrice e/o, ma soprattutto ascoltare dalla voce sussurrata, arrabbiata e vitale di Tempest. Sono testi che attingono spesso al mondo classico, al mito greco, alla letteratura moderna e anche alla strada, ai margini, all'underground.

“Questo è un libro sulla connessione. Su come l'immersione nella creatività può avvicinarci di più l'uno l'altro” si legge in apertura. La struttura dei capitoli riflette quella di uno spettacolo: si comincia con Allestimento, poi Sound Check, la Scena e il “Sentirlo accadere”.

Loading...

Diversi momenti di un concerto

Questa sequenza ricalca tanto i diversi momenti di un concerto quanto le tappe sia della vita che della riflessione dell'autore – ma anche di ogni essere umano. Si racconta come la scrittura abbia salvato Tempest da una gioventù intensa e viva ma da cui rischiava di farsi schiacciare, e poi la scoperta delle parole, la Scena e il suo abuso, infine il “sentirlo accadere”. Sentire accadere che cosa? Quel qualcosa di magico che si crea a volte – se si sa ascoltare, se si è abbastanza nudi, veri, disponibili e aperti – fra artista e pubblico. La “connessione”, appunto.

Kae Tempest nota come la parola “connessione” in questi ultimi due anni abbia ristretto la sua sfera di significato al mondo virtuale: ci si “connette” per lavorare o chiacchierare su zoom, magari per seguire un concerto. Ma connessione è tutt'altro: un misterioso incanto e incontro che amplifica il senso delle parole e si tramuta in rito. È un'esperienza prettamente fisica: si sente, non si spiega. E ci avvicina agli altri, ci lega a loro, chiunque siano, proprio perché i nostri corpi respirano la stessa aria e sono impegnati a condividere uno stesso momento, a farsi attraversare dalla stessa musica.In questi anni abbiamo creduto di poter fare a meno del corpo, ma il rito e la magia passano necessariamente attraverso l'esserci: è da lì, racconta Tempest, che arriva quell'energia che ci sveglia dal torpore (”numbness”) dell'esistenza quotidiana.

Il lockdown ce ne ha fatto riscoprire l'importanza, ma già da prima stava succedendo qualcosa. Infatti da anni si diceva che la poesia era morta e non la leggeva più nessuno, quando in realtà si stava solo trasferendo dalla carta stampata ai palchi di scantinati e bar, a volte di teatri: si è riscoperta la poesia dal vivo, detta, sussurrata o gridata. Non bastano più le parole, ci vuole il corpo.

Slam Poetry

Gli incontri di Slam Poetry sono sempre più diffusi e partecipati e il livello è spesso molto alto. Non sempre: il bello è che c'è di tutto. La poesia torna a richiedere quel contatto diretto e concreto col pubblico che richiedeva ai tempi della lirica greca. Proprio Kae Tempest, con la sua poesia-rap, musicata ripetuta e cadenzata come quella di un aedo, è forse fra i capostipiti di questo ritorno della poesia dal vivo.

Kae Tempest, Connessioni, edizioni e/o, traduzione di Riccardo Duranti, pp. 151, 16 euro

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti