brevi

I tre casi italiani


2' di lettura

IL PREMIO

Lumson si aggiudica il Best packaging 2020
L’Oscar dell’imballaggio
Si chiama Ecompact, l’innovativo contenitore per make-up realizzato dall’italiana Lumson in collaborazione con la Marino Belotti (società recentemente acquisita dall’azienda produttrice di packaging perla cosmesi) che ha vinto il premio speciale nella sezione Ambiente al Best packaging 2020 - Oscar dell’imballaggio promosso da Istituto italiano imballaggio. Fil rouge dell’edizione 2020 è stata la sostenibilità ambientale ed economica.
Ecompact coniuga tre concetti innovativi dell’economia circolare: recycle, reuse e reduce, in un packaging dal design classico ed ergonomico. Prevede, infatti, la possibilità di separare dal contenitore principale sia il fondello sia lo specchio per una corretta differenziazione dei componenti nella catena di riciclo. Ancora, il materiale plastico con cui è realizzato il packaging può essere riciclabile, bio-based o in materiale compostabile.
La separazione dei materiali, inoltre, permette di sostituire facilmente il fondello e riutilizzare il contenitore.

IL PRODOTTO

Da Comfort Zone linea bio-rigenerativa
Eco-progettata
Si chiama Sacred Nature la nuova linea di skincare per viso e corpo eco-progettata dal gruppo Davines per il suo marchio Comfort Zone. È stata concepita per diventare il manifesto dell’impegno del brand sul fronte della sostenibilità. La nuova linea è infatti bio-rigenerativa, parte cioè dalla consapevolezza che non è più sufficiente ridurre al minimo l’impatto ambientale ma è necessario contribuire attivamente a rigenerare il pianeta per mitigare la crisi climatica. Lo sviluppo delle formulazioni, per esempio, ha seguito un approccio orientato a favorire la biodiversità e il principio di circolarità; per l’approvvigionamento delle materie prime sono state selezionate piccole aziende agricole italiane che attuano tecniche di agricoltura rigenerativa. Ancora, il packaging è in vetro trasparente, metalli e carta riciclata. Infine aderisce a 1% for the Planet.: l’1% del fatturato viene destinato a progetti di sostenibilità ambientale e sociale

Loading...

IL PACKAGING

Oway sostituisce la plastica con il vetro
Economia circolare

Dal 2013 il marchio italiano di agricosmetica circolare ha scelto di sostituire la plastica con il vetro per i suoi flaconi e vasi. Grazie alla raccolta differenziata, il vetro può essere recuperato e reimmesso nel ciclo produttivo infinite volte e al 100%. Progettato per resistere al calore elevato, inoltre, può proteggere il contenuto dalla luce e azzerare la possibilità di interazione con il prodotto garantendo protezione e sicurezza dalle contaminazioni esterne.
Non solo pack. L’azienda quest’anno festeggia i dieci anni della sua ortofficina nella tenuta agricola sulle colline bolognesi dove, applicando il metodo biodinamico, coltiva e raccoglie piante officinali - come il rosmarino, la salvia, la lavanda, la malva, l’achillea, il timo, l’elicriso e la menta piperita - poi distillate a km zero e trasformate negli ingredienti Organic Way. Oway ha conseguito la certificazione biodinamica di prodotto divenendo a sua volta soggetto certificatore. Nella sua Ortofficina coltiva anche alberi da frutto “dimenticati”.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti