AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca e sfrutta l'esperienza e la competenza dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni. Scopri di piùBorsa Madrid

Iberdrola ed Endesa sotto i riflettori, Madrid potrebbe rivedere piano su bollette

Secondo quanto riporta il quotidiano Cinco Dias, il Governo sta valutando di non rendere esecutivo la riforma, approvata a settembre

di Giuliana Licini

(Knopp-Pictures - stock.adobe.com)

2' di lettura

(Il Sole 24 Ore Radiocor) - Le utility si risollevano alla Borsa di Madrid, sulla spinta delle indiscrezioni di stampa secondo cui il Governo spagnolo intende rivedere il piano «shock» per contenere le bollette elettriche che penalizza duramente le società del settore energetico. In grande spolvero Endesa se Iberdrola, mentre l’indice Ibex è in rialzo. Secondo quanto riporta il quotidiano Cinco Dias, il Governo sta valutando di non rendere esecutivo la riforma, approvata a settembre, che per ridurre l’impatto del caro-energia sulle famiglie e sulle aziende, tra le misure prevede una riduzione temporanea per sei mesi dei «profitti eccessivi» di cui le «centrali non emettitrici di CO2» (nucleari, idroelettriche e alcuni parchi eolici) stanno beneficiando grazie all’aumento dei prezzi elettrici provocato dal rincaro del gas.

La formula prevede un taglio del prezzo ai consumatori che si tradurrebbe per le società in una riduzione dei guadagni di 2,6 miliardi di euro fino al prossimo marzo, quando si spera che le tensioni nel mercato globale del gas saranno superate. Stando alle indiscrezioni, la vice-presidente per la Transizione Ecologica, Teresa Ribera ha convocato a partire da oggi un giro di incontri con i responsabili delle principali utilities spagnole, ovvero il consigliere delegato di Endesa José Bogas, il presidente di Iberdrola Ignacio Galan e il presidente di Naturgy, Francisco Reynes per trattare sulla questione e trovare una soluzione. Le aziende, che avevano duramente protestato quando il pacchetto era stato approvato, presenteranno le loro proposte. Nonostante il rimbalzo odierno, tuttavia, i titoli non colmano il calo accusato quest’anno che è del 20% circa. In ogni caso, osserva Cinco Dias, anche se la norma verrà modificata, l’obiettivo del Governo è quello che le utilities contribuiscano alla soluzione. Secondo fonti del settore, le opzioni sul tavolo sono un differimento della norma o una sua modulazione che non preveda «un esproprio così grave» per le entrate delle aziende.

Loading...

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti