INAUGURAZIONE IN VIA ROMAGNOSI 3

Identità Golose Milano, lo show room dei migliori chef nel quadrilatero della Moda

di Luisanna Benfatto

3' di lettura

“Qui non verranno serviti licheni in gran voga oggi quando si parla della cucina del Nord, ma il meglio di quella italiana con qualche incursione all'estero. E' la nostra piccola Expo che nasce grazie all'esperienza fatta sul campo con l'Esposizione universale del 2015 che ha dato molto a noi e una spinta incredibile alla città” dice Paolo Marchi alla presentazione di Identità Golose il nuovo hub con il meglio dell’arte gastonomica in via Romagnosi, 3 a due passi dalla Scala e dal famoso Quadrilatero. Sì perchè a Milano, dove nei primi sei mesi dell’anno si sono registrati 5 milioni di turisti (+7% rispetto al 2017), si viene per la moda, per il design, l’arte e l’alta concentrazione di ristoranti, molti dei quali stellati.

Là dove per anni la casa editrice Feltrinelli ha avuto il suo quartier generale prende dunque posto uno spazio poliedrico di 700 mq dove il cibo verrà declinato sia come oggetto di studio, con convegni e show cooking nella sala conferenze, sia come esperienza gustativa nello spazio ristorante. Ad accogliere gli ospiti un ambiente dai toni metropolitani e contemporanei con una sala dehors tutta trasparente che affaccia in un grazioso cortile abbellito da un glicine.

Loading...

Il locale sarà aperto a pranzo da lunedì a venerdì dalle 12 alle 14.30 per una pausa pranzo con formula business a 35 euro con i menu firmati dal resident chef Alessandro Rinaldi e il coordinamento di Andrea Ribaldone, sia la sera con le serate a tema e le cene firmate dagli chef ospiti.

Il calendario del ristorante aperto a tutti, basta prenotare online
Dal mercoledì al sabato dalle 19.30 alle 22.30 si avvicenderanno i maggiori protagonisti della scena gastronomica nostrana ed estera a un prezzo interessante: 75 euro per 4 portate compresi gli abbinamenti con i vini. Le cene del lunedì al martedì saranno dedicate a temi stagionali (si comincia con il fungo e il tartufo)  interpretati da Ribaldone.

La prima “firma” di Identità Golose Milano sarà Moreno Cedroni, l'inventore del susci all'italiana, patron della Madonnina del Pescatore a Senigallia che proporrà un ricciola un po’ cruda con olio al basilicoe una centrifuga di pomodoro, segue poi una lasagnetta sempre di pesce e una rivisitazione -detta proprio da lui- un po’ “fighetta” dello stoccafisso norvegese. Per dessert un fico congelato grattato su gelato di gorgonzola.

Il primo chef non italiano a inaugurare il locale sarà Paco Roncero della Teraza del Casino a Madrid il 21 settembre, a seguire la slovena Ana Ros (migliore chef donna del mondo 2017 per la World's 50 Best). Dopo un intervallo a ottobre si alterneranno Peppe Guida, Alfio Ghezzi, Anthony Genovese, Ciro Scamardella e Alessandro Pipero, Marco Sacco. Poi il 21-24 novembre gli attesissimi fratelli Ivan e Sergey Berezutskiy del Twins Garden di Mosca.

L’11 dicembre ai fornelli ci saranno due star affermate Massimo Bottura (lo chef numero 1 al mondo) e Alain Ducasse per una raccolta fondi a favore di Food for Soul, l'associazione no-profit fondata dallo stesso Bottura e Lara Gilmore per combattere lo spreco alimentare e favorire l'inclusione sociale.

A seguire Rodrigo Oliveira da San Paolo, Alfonso Caputo della Taverna del Capitano di Massa Lubrense e Andrea Ribaldone dell’Osteria Arborina di Cuneo che proporranno un menu natalizio.

Per prenotare un tavolo nel nuovo tempio del cibo bisogna iscriversi a The Fork, partner dell’iniziativa “golosa”.

Un consiglio: prima di degustare i piatti assaggiate il cocktail Identità Milano, a base di vodka, bitter e una spolverata di curcuma e polvere d’oro. Un riuscito omaggio alla città e a un grandissimo maestro della cucina italiana Gualtiero Marchesi.

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti