ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùRicerche da ridere

IgNobel all’Italia: premio allo studio che certifica la pizza «salvavita»

L’Italia nella categoria Medicina vince l’edizione 2019 del riconoscimento alle ricerche «che fanno ridere e riflettere» per «aver fornito l’evidenza che la pizza può proteggere da malattie e morte, purché fatta e mangiata in Italia». Sul podio un team composto anche dall’Istituto Mario Negri di Milano

di Francesco Prisco


La pizza da Guinness, 500 metri con le ricette di tutt'Italia

2' di lettura

Se non vi siete ancora ripresi dallo shock per la notizia del doping da autocitazione che spesso e volentieri altera i risultati del mondo accademico italiano, sappiate che la nostra ricerca continua a mietere importanti riconoscimenti oltre confine. Per dire: l’Italia vince l’IgNobel 2019 per la Medicina per «aver fornito l’evidenza che la pizza può proteggere da malattie e morte, purché fatta e mangiata in Italia». Certo, non sarà il Nobel vero e proprio, questo premio che ogni anno rende lustro alle ricerche che fanno «ridere ma anche riflettere», ma ad assegnarlo resta pur sempre l’Università di Harvard. Assieme alla rivista Annals of Improbable Research (ossia gli «Annali della Ricerca Improbabile») ma vabbé.

GUARDA IL VIDEO. La pizza da guinness

Se la pizza previene tumore e infarto
Tre gli articoli vincitori per la sezione Medicina, pubblicati su riviste internazionali da epidemiologi di primo piano, rappresentati da Silvano Gallus dell’Istituto Mario Negri di Milano e Università di Maastricht. «Una buona pizza racchiude tutte le virtù della dieta mediterranea», ha detto Gallus ritirando il premio. Nel minuto che ogni ricercatore ha a disposizione per esporre i suoi risultati e le motivazioni delle ricerche sulla pizza, Gallus ha detto che la pizza può protegge dall’infarto del miocardio e da alcune forme di tumore.

No alla pizza Made in Usa
Gli ingredienti, ha aggiunto, devono essere tuttavia quelli tipici della dieta mediterranea: no, quindi, ad altre «interpretazioni» come la pizza con l’ananas cara ai fini palati di oltre oceano, sì alla napoletana altrimenti detta marinara, madre di tutte le pizze, o alla margherita, probabilmente l’eredità culturale più importante che gli anni di dominio sabaudo abbiano lasciato nei territori dell’ex regno delle Due Sicilie.

Un minuto per spiegarsi
A consegnare i riconoscimenti in quel di Harvard, tre autentici Nobel: Eric Maskin, Nobel per l’Economia 2007, Rich Roberts, per le Medicina 1993, e Jerome Friedman, per la Fisica 1990. In linea con lo spirito goliardico dell’iniziativa, il compito di bloccare i ricercatori che non rispettavano i 60 secondi rigorosamente previsti per i loro interventi era affidato a una bambina di otto anni che entrava in scena gridando: «Per favore fermati, mi sto annoiando». I vincitori avranno comunque occasione di esporre le loro ricerche con più calma, nel successivo evento organizzato presso il Mit di Boston.

Non è vero ma ci credo
Che dire della pizza «salvavita»? Non sappiamo su quali evidenze scientifiche si basi lo studio, ma ci piace pensare che sia tutto vero, alla faccia del tono canzonatorio degli IgNobel che quest’anno, alla sezione Biologia, hanno premiato per esempio una ricerca che certifica il diverso comportamento degli scarafaggi morti da quelli vivi, dopo che i primi vengono resi magnetici. E nonostate l’esperienza diretta ci racconti che i decessi per patologie cardiovascolari o tumorali non risparmino affatto i territori della dieta mediterranea. Parafrasando il filosofo: non so se è vero, ma ci credo. Sicuro che la pizza, riconosciuta dall’Unesco patrimonio mondiale dell’Umanità nel 2017, è cosa buona e giusta. E, come tutto ciò che è buono e giusto, vuoi che non faccia pure bene?

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Francesco PriscoRedattore

    Luogo: Milano

    Lingue parlate: italiano, inglese

    Argomenti: economia della cultura e dell'entertainment, musica, libri, cinema, cultura, società

    Premi: Premio Giornalistico State Street 2018 - Categoria: Innovation

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...