Consumi

Il 62% degli italiani è attento alle informazioni nutrizionali in etichetta

Sondaggio Format Research per Agronetwork (Confagricoltura, Nomisma e Luiss): Nutrinform Battery sistema preferito al Nutriscore

di E.Sg.

Il Nutrinform Battery è la proposta italiana alternativa al Nutriscore

2' di lettura

Oltre l’80% degli italiani la qualità è un elemento di primaria importanza per l’acquisto dei prodotti agroalimentari e per il 62% è molto attento alle informazioni nutrizionali, mentre pesano meno, nella scelta, marca e prezzo (vi danno particolare importanza rispettivamente il 48% e il 56,3 % dei consumatori).

È quanto emerge dalla ricerca demoscopica che Agronetwork, l’associazione di promozione dell’agrindustria costituita da Confagricoltura, Nomisma e Luiss, ha commissionato a Format Research sui sistemi di etichettatura agroalimentari e il loro utilizzo da parte dei consumatori.

Loading...

Quasi un’italiano su tre, rileva l’indagine, «acquisisce i dati nutrizionali attraverso le etichette, mentre il 30,6% si informa tramite i social media e il web». Tra chi si affida alle etichette, il 34% preferisce il Nutrinform Battery e soltanto il 17% predilige il Nutriscore.

Il Nutrinform Battery è il sistema italiano di etichettatura nutrizionale dei prodotti alimentari che il nostro Paese ha proposto alla Commissione europea come alternativa al Nutriscore, meglio conosciuto come “etichetta a semaforo”, proposto da altri Paesi della Ue e che per l’Italia fornisce informazini fuorvianti, in quanto non tiene in considerazioni le dosi assunte.
Il sistema a “batteria” contiene infatti l'indicazione quantitativa del contenuto di energia, grassi, grassi saturi, zuccheri e sale per singola porzione, in rapporto al fabbisogno giornaliero raccomandato al consumatore. Al contrario il Nutriscore fornisce solo un colore al rosso al verde in base alla quantità di calorie, grassi, zuccheri e sodio contenuti in 100 grammi o 100 ml di prodotto.

Per Confagricoltura il risultato del sondaggio è «un dato importante che rivela come anche i consumatori preferiscano il sistema a batteria proposto dall’Italia rispetto al meno esaustivo e fuorviante sistema a semaforo».

Gli italiani risultano essere inoltre molto attenti alla salute: il 76% ritiene che per stare bene occorra seguire una dieta quanto più varia e completa che includa tutti gli alimenti, mentre il 24% sostiene che un regime alimentare salutare debba eliminare del tutto cibi ad alto contenuto di grassi, sale e zucchero.

«È pertanto necessario – ha commentato il segretario generale di Agronetwork Daniele Rossi – che il sistema di etichettatura sia chiaro, non fuorviante e tenga conto delle porzioni».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti