ball corporation

Il big dell’alluminio certificato nel mondo

Nella fabbrica di Nogara si producono lattine per i leader di birra e drink

di Barbara Ganz

default onloading pic
Qualità. Grazie agli alti standard Ball Corporation ha ottenuto da ASI la certificazione più riconosciuta

Nella fabbrica di Nogara si producono lattine per i leader di birra e drink


3' di lettura

A Nogara, Verona, hanno sede due multinazionali, una funzionale all’altra: c’è l’impianto Coca Cola, e poco distante l’unico stabilimento italiano di Ball Corporation, primo produttore al mondo di lattine di alluminio a ottenere la certificazione ASI (Aluminium Stewardship Initiative). Nel sito veronese lavorano 137 addetti.

L’alluminio viene considerato la soluzione più sostenibile per sostituire la plastica e rappresenta il tipo di imballaggio per bevande che si sta diffondendo più velocemente in Europa.

Il 75% dell’alluminio prodotto e lavorato dall’uomo è ancora in uso, oggi, a livello globale: un metallo che gioca un ruolo cruciale nella creazione di una vera economia circolare. Ball è in prima linea nel settore per aumentare in modo significativo il tasso di riciclo a livello europeo delle lattine per bevande in alluminio, che oggi si attesta sul 75%. Il riciclo consente di risparmiare il 95% dell’energia rispetto a quella necessaria per la produzione del materiale vergine. E l’Europa è la regione che si sta muovendo più velocemente nel processo di transizione verso imballaggi più sostenibili e meno inquinanti, con il fondamentale supporto di tutti gli attori della filiera produttiva.

È proprio grazie agli alti standard qualitativi dei 23 stabilimenti in area EMEA che Ball Corporation ha ottenuto da ASI (Aluminium Stewardship Initiative) la certificazione più riconosciuta a livello globale nel campo della sostenibilità ambientale, sociale e di governance.

Due nello specifico le certificazioni: l’ASI Performance Standard e l'ASI CoC (Chain of Custody – Catena di Custodia) Standard. La prima misura gli sforzi che Ball sta facendo nei suoi stabilimenti per valutare, gestire e divulgare l’attenzione data all’impatto ambientale, sociale e di governance, in particolare con focus sui temi quali il ciclo di vita dell’alluminio, le emissioni di gas serra, la gestione delle risorse idriche e dei rifiuti, il riciclo, la biodiversità, l’integrità del business e i diritti umani sia dei lavoratori che delle comunità locali.

La seconda certificazione stabilisce i requisiti per la creazione di una catena di custodia che riguardi i materiali prodotti ed elaborati lungo tutta la filiera. Nel caso di Ball, questa patente collega pratiche verificate che riguardano tutte le fasi dall’estrazione e rifusione, alla colatura, alla laminazione, alla produzione e al riempimento delle lattine.

Anche il sito veronese è ora certificato: qui si producono lattine per i leader nella produzione di soft drinks, birra, acqua e acque aromatizzate. «Lo stabilimento di Nogara, come tutti i nostri siti, ha prassi molto elevate in materia di salute e sicurezza ed è certificato secondo lo standard OHSAS 18001 del sistema internazionale di gestione della salute e della sicurezza sul lavoro. Il team si impegna molto nel favorire un comportamento consono del personale per la prevenzione di incidenti, esegue regolarmente valutazioni del rischio H&S (health&safety), come ad esempio nel 2019 sull’energia pericolosa (hazardous energy) e verifica l'efficacia delle misure attraverso audit interni ed esterni - fa sapere l’azienda - Lo stabilimento di Nogara ha anche ricevuto la certificazione ISO 14.001 per la gestione dei sistemi ambientali. Ha implementato un programma di gestione delle risorse idriche per ridurre l’uso di acqua e lo scarico degli scarti nel sistema idrico. Il codice di condotta aziendale Ball Business Ethics Code, progettato per monitorare la conformità all’integrità aziendale, come nei casi avversi di molestie e corruzione, deve essere rispettato da tutti i dipendenti e fa parte del processo di inserimento di ciascun membro del personale».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti