ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùAgricoltura

Il bio-distretto Cilento premiato dalla Ue come migliore d’Europa

Nato in Campania nell’omonimo parco nazionale, riunisce mille aziende biologiche e coinvolge un centinaio di comuni

(AdobeStock)

2' di lettura

Il bio-distretto Cilento, in Campania, è il migliore cluster biologico d’Europa. A dirlo sono il Comitato europeo delle Regioni e la Commissione Ue, che hanno attribuito all’associazione di agricoltori l’Organic awards, un premio destinato alle eccellenze europee nella filiera del biologico. Il bio-distretto campano coinvolge quasi 100 comuni campani grazie ai suoi 40 membri, a cui si sommano 55 comuni che usufruiscono dei suoi servizi, per un totale di 270mila abitanti. Situato all’interno del Parco nazionale del Cilento, Valle di Diano e Alburni, nella provincia di Salerno, il bio-distretto raccoglie oltre mille imprese agricole biologiche certificate, con una superficie agricola utilizzata di quasi 14mila ettari.

Per i giurati, questa iniziativa sostiene «la produzione sostenibile di cibo a favore della biodiversità, della conservazione del suolo e della protezione delle acque, ma anche lo sviluppo di filiere corte, aumentando il consumo di alimenti prodotti localmente. Inoltre, collega tutte queste attività con iniziative turistiche e permette la creazione di posti di lavoro». «Il bio-distretto Cilento - ha ricordato il suo presidente, Emilio Buonomo - è stato il primo in Europa, fondato nel 2004, e insieme alla Rete internazionale dei bio-distretti ha supportato a livello internazionale la costituzione di tante nuove realtà». «

Loading...

I premi europei per l’agricoltura biologica sono organizzati congiuntamente dal Comitato europeo delle regioni, dalla Commissione europea, dal Comitato economico e sociale europeo, dal COPA-COGECA e da Ifoam Organics Europe. Con la strategia From farm to fork la Commissione europea ha stabilito l’obiettivo di destinare il 25% della superficie agricola della Ue all’agricoltura biologica entro il 2030. Per promuoverne il raggiungimento, a marzo 2021 la Commissione ha adottato uno specifico Piano d’azione che prevede anche l’assegnazione di premi annuali che riconoscano l’eccellenza nella catena del valore del biologico. L’obiettivo è premiare gli attori del settore più innovativi, che contribuiscono alla riduzione dell’impatto dell’agricoltura sull’ambiente e sul clima, oltre che all’attuazione delle strategie europee sulla biodiversità e sul sistema alimentare.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti