TESLA BATTERY DAy

Elon Musk vuole dettare l'agenda delle batterie del futuro. Ecco come saranno fatte

Lo si sapeva che al centro della mobilità elettrificata dei prossimi anni ci sarebbero stati gli accumulatori ma ci voleva un visionario per prospettarne i costi e benefici.

di Corrado Canali

default onloading pic

Lo si sapeva che al centro della mobilità elettrificata dei prossimi anni ci sarebbero stati gli accumulatori ma ci voleva un visionario per prospettarne i costi e benefici.


3' di lettura

I tre scenari per un futuro più energetico della mobilità di massa saranno da un lato la produzione di energia sostenibile, dall'altro lo stoccaggio delle batterie e infine i veicoli elettrici. Così la pensa il ceo di Tesla Elon Musk che nel dare il via all'atteso Battery day ha poi aggiunto: «Naturalmente noi di Tesla intendiamo giocare un ruolo significativo in tutti e tre gli ambiti».

Per centrare l'ambizioso obiettivo, però, il mondo avrebbe bisogno secondo Musk di produrre batterie per 0,15 Terawatt di energia all'anno, 100 volte più dell'attuale livello di produzione di Tesla. Senza contare che per raggiungere i 20 Tw servirebbero 135 fabbriche in più. I tecnici della Tesla hanno allora analizzato nei dettagli i problemi degli accumulatori sviluppando celle da 46 millimetri pensate per essere più facili da produrre, ma anche più affidabili per non rischiare degli spiacevoli problemi di surriscaldamento. Le nuove celle del futuro sulle quali Tesla sta lavorando sono alte 80 mm, hanno un diametro di 46 mm e potranno garantire una potenza di sei volte superiore ad oggi, contenere cinque volte più energia e garantire un'autonomia maggiore del 16% costando il 14% in meno rispetto alle attuali batterie.

Serve un deciso cambio di marce delle batterie

«Le batterie di oggi non possono funzionare più velocemente perché sono troppo piccole» ha spiegato Musk. Ma perché le auto elettriche possano continuare la loro crescita rispetto alle concorrenti alimentate a motori termici, dovranno continuare a diventare più economiche. È qui che entra in gioco il piano di Tesla di dimezzare il costo di produzione di ogni chilowattora con celle cilindriche di tipo continuo rispetto a quelle con le classiche linguette. La nuova architettura della batteria può produrre cinque volte più energia, un aumento della portata del 16%, con sei volte la potenza in uscita rispetto ad oggi. La produzione sta già iniziando in un impianto pilota di Tesla. Allo stesso tempo i costi devono essere ridotti. Ci vorrà circa un anno per raggiungere la capacità di 10 gigawattore. L'obiettivo sarà migliorare i processi di produzione. Entro il 2030, con le innovazioni complete, Tesla potrà produrre tre terrawatt all'anno.

Il silicio entrerà nella produzione di batterie

La Tesla ha inoltre pensato di modificare l'approccio nell'utilizzo del silicio per la produzione di batterie: una volta abbandonati i processi attualmente utilizzati, i tecnici hanno ideato un sistema scalabile che permette di evitare costose lavorazioni delle materie prime. Il risultato è un aumento dell'autonomia del 20% e una riduzione dei costi del 5% che va a sommarsi ai risparmi garantiti dalle altre tecnologie sopracitate. Sul fronte della chimica, Tesla ha affermato di aver acquisito un sito minerario di 10.000 acri per produrre ancora più componenti della batteria. «C'è davvero abbastanza litio nel Nevada per elettrizzare l'intera flotta americana».

L'auto elettrica al prezzo di 25.000 dollari

E quando arriva il momento di mettere le batterie nelle auto, Tesla sarà pronta a produrre vetture con delle batterie integrate con l'auto stessa, proprio come i serbatoi di carburante di un aereo sono integrati nell'ala invece di parti separate. Ciò può ridurre la massa complessiva e il numero di parti migliorando al contempo l'integrità strutturale dell'auto. Quando tutto sarà stato detto e fatto, Tesla afferma che i miglioramenti nella chimica e nella produzione delle batterie aiuteranno a vendere un'auto elettrica al costo di 25.000 dollari. «Tra circa tre anni, siamo fiduciosi di poter realizzare un veicolo elettrico da 25.000 dollari che sia completamente autonomo - ha spiegato Musk - Per anni ho discusso di ridurre il costo dei veicoli elettrici come metodo per ridurre la produzione di carbonio. Se centreremo tutti gli obiettivi le nuove batterie saranno una pietra miliare del brand e un enorme suo risultato».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti