0/0Europa

Il Ceta alla prova del nove


default onloading pic

Il trattato con il Canada entrerà parzialmente in vigore a primavera dopo la difficile firma dei Ventotto, complicata dallo stop imposto dalla Vallonia (una regione di 3,5 milioni di abitanti) e dopo l’approvazione dell’Europarlamento. Per entrare in vigore in tutte le su parti serve ora la ratifica del Senato canadese e dei 38 Parlamenti nazionali e regionali dei 28 Stati membri. Il trattato prevede l’abolizione dei dazi su circa 9mila prodotti industriali e agricoli, vale a dire il 99% delle tariffe esistenti. Secondo le stime dei sostenitori del Ceta (Comprehensive economic trade agreement), l’intesa, raggiunta nel 2014, dovrebbe aumentare l’interscambio tra Canada e Unione europea del 20%. Il Canada riconoscerà 145 indicazioni geografiche tipiche, 41 delle quali italiane, come Grana Padano e Chianti, che otterrebbero una maggior tutela contro le imitazioni.

Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...