social network

Il cibo ordinabile su Instagram e non solo: così Facebook si schiera con le Pmi in crisi

Nonostante gli aiuti governativi, veri o potenziali, la pandemia ha messo a dura prova molti comparti produttivi

di Biagio Simonetta

default onloading pic
(AFP)

Nonostante gli aiuti governativi, veri o potenziali, la pandemia ha messo a dura prova molti comparti produttivi


3' di lettura

Delle Pmi e delle loro difficoltà in questi giorni sospesi si sta parlando ampiamente. Nonostante gli aiuti governativi, veri o potenziali, la pandemia ha messo a dura prova molti comparti produttivi. E proprio le Piccole e medie imprese sono quelle che soffrono maggiormente.

Sostenerle è fondamentale per il benessere degli imprenditori, ma anche del sistema Paese. In questi giorni, con molti negozi ancora chiusi, ci siamo resi conto quanto i social network fungano da vetrina, e come il passaggio al business online sia diventato un’urgenza.

Proprio per queste ragioni, Facebook – che da quando il mondo è finito in quarantena ha introdotto nuovi strumenti per sostenere digitalmente le persone – oggi annuncia nuove iniziative per permettere alle persone di sostenere e scoprire le piccole imprese italiane. E per mantenere le aziende informate sugli strumenti a loro disposizione e in contatto con i propri clienti. Vediamole ne dettaglio.

Ordinare cibo su Instagram

La prima e vera grande novità riguarda Instagram. Quelli di Facebook hanno deciso di dare una grande mano a uno dei settori più aggrediti da questa crisi: la ristorazione. Per consentire alle persone di sostenere i ristoratori locali, Facebook Inc lancia per Instagram gli Ordini di cibo a domicilio. L’acquisto può essere effettuato tramite il pulsante “Ordina cibo” nei profili dei ristoranti o l’adesivo “Ordini di cibo” nelle storie e la persona viene poi indirizzata al sito di partner esterni (Deliveroo e UberEats per l’Italia) che si occupano di pagamenti e consegne. Facebook non si è certo inventata un nuovo sistema di food delivery, certo, ma di certo offre una vetrina molto importante ai ristoratori, e un servizio più comodo anche per gli utenti.

Buoni regali e gift card

Arriva anche in Italia la funzione con la quale le persone potranno accedere ai buoni regalo dei commercianti della loro città che partecipano all’iniziativa. Il tutto sarà visibile attraverso l’annuncio “Supporta le imprese locali” che compare nel feed di Facebook. Il pagamento dei buoni regali e dei voucher verrà effettuato attraverso siti partner.

Raccolta fondi per le PMI

Altro strumento pensato per le Pmi è quello relativo alla raccolta fondi, che consente di avviare un fundraising su Facebook - condivisibile anche su Instagram - per sostenere la propria attività e chiedere supporto ai clienti più fedeli in questo periodo particolarmente difficile. In sostanza, dunque, le imprese locali ora possono rivolgersi alle raccolte fondi su Facebook per farsi aiutare a sostenere i costi operativi durante questa crisi.

“Compra a Km 0”, nuovo sticker Instagram

Per quanto concerne Instagram, grazie a un nuovo sticker sarà più semplice per gli utenti mostrare il proprio supporto alle imprese del territorio. Con il nuovo adesivo di supporto alle piccole imprese Instagram vuole dare alle persone la possibilità di esprimere il proprio sostegno alle attività commerciali locali che più amano. Se menzionano un’azienda utilizzando lo sticker, l’azienda può ripostare il contenuto nelle loro storie o inviare un messaggio alle persone che l’hanno taggata. Tutti gli account seguiti da una persona che utilizzano lo sticker “Compara a Km 0” saranno aggiunti a una storia Instagram condivisa, permettendo alle persone di vedere altre aziende che gli utenti Instragram sostengono in questo periodo. Un’iniziativa analoga riguarda anche Facebook, dove però #CompraKm0 diventa un hashtag e non un adesivo.

Sempre nell’ottica del km 0, inoltre, su Facebook vengono ora raccolti in un solo spazio tutti i post delle aziende del territorio. «Facebook vuole dare alle persone un unico spazio per consultare gli ultimi post pubblicati delle aziende per loro rilevanti, comprese quelle più vicine» hanno scritto da Menlo Park. E allora, da un messaggio in cima al proprio NewsFeed le persone verranno indirizzate ad una raccolta dei post delle aziende locali; avranno anche la possibilità di iscriversi e ricevere notifiche settimanali. Il tutto verrà visualizzato anche nell’hub del Covid.

Il negozio vicino

Infine, Facebook Italia ha deciso di dare supporto all’iniziativa “Il negozio vicino”, promossa da Gruppo Giovani di Confcommercio-Imprese per l’Italia. Si tratta di una piattaforma che mette in luce tutti i piccoli esercizi di vicinato e la loro offerta, ordinandoli per tipologia, per località e per zona e offrendo all’acquirente la possibilità di contattarli facilmente e vedersi recapitare gli acquisti a domicilio. Facebook ora sostiene il progetto dal punto di vista della comunicazione e mettendo a disposizione corsi di formazione gratuiti per le piccole imprese italiane, dando la possibilità di sfruttare questo tempo per far crescere le proprie competenze digitali.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti