AnalisiL'analisi si basa sulla cronaca che sfrutta l'esperienza e la competenza specifica dell'autore per spiegare i fatti, a volte interpretando e traendo conclusioni al servizio dei lettori. Può includere previsioni di possibili evoluzioni di eventi sulla base dell'esperienza.Scopri di piùEVENTO IMPONDERABILE

Attacco ai pozzi sauditi, terremoto sui mercati

L’attacco agli impianti sauditi è uno di quegli eventi rari e imprevedibili che creano effetti dirompennti sui mercati

di Sissi Bellomo

Perché l’attacco al petrolio saudita ha sconvolto il mercato

2' di lettura

L’attacco agli impianti di Saudi Aramco è il «cigno nero» dei mercati petroliferi. Un evento raro e imprevisto (benché non imprevedibile), con effetti dirompenti.

Non a caso il petrolio ha avuto una reazione senza precedenti stamattina alla riapertura delle contrattazioni: il prezzo del Brent è balzato di circa il 20%, superando 71 dollari al barile. Mai nella storia – o quanto meno mai da quando esiste il future, quotato nel 1988 – si era visto un simile strappo al rialzo.

La corsa in seguito ha perso un po’ fiato, ma il petrolio ha guadagnato in giornata circa il 14%, chiudendo nel caso del Brent, oltre i 68 dollari e nel caso del Wti oltre i 62 dollari.

Dall’Arabia Saudita sono arrivate rassicurazione parziali, non sufficienti a cancellare l’allarme su una perdita di produzione che per quanto temporanea è già nel Guinness dei primati: sono tuttora fuori gioco 5,7 milioni di barili di greggio al giorno, quasi il 6% dell’intera offerta globale.

I volumi sono superiori a quelli che erano andati perduti nel 1990-91 ai tempi dell’invasione del Kuwait da parte delle truppe irachene di Saddam Hussein e a quelli venuti meno nel 1979 all’epoca della Rivoluzione iraniana.

ANALISI / Perché il greggio si impenna

I tecnici di Saudi Aramco sono al lavoro per ripristinare quanto prima almeno una parte dell’attività: secondo indiscrezioni Riad punta a recuperare un paio di milioni di barili al giorno già in giornata. Inoltre, scrive la Reuters, i clienti sarebbero stati informati che le esportazioni proseguono, presumibilmente con l’aiuto delle scorte che i sauditi hanno accumulato.

In Arabia Saudita, secondo la banca dati Jodi, gli stoccaggi a fine giugno ammontavano a 187,9 milioni di barili: sufficienti per poco più di un mese se si dovesse compensare a lungo l’intera perdita di 5,7 mbg, circa 50 giorni se invece Riad riesce davvero a ripristinare 2 mbg di produzione.

LEGGI ANCHE / Trump minaccia risposte militari contro l’Iran

Per evitare gravi carenze potranno anche essere usate le scorte strategiche: l’Aie sta monitorando la situazione, pronta ad intervenire, e Donald Trump ha messo a disposizione la Strategic Petroleum Reserve degli Usa. Finora però non è stato ordinato nessun rilascio di riserve.

Gli obiettivi colpiti sabato mattina in Arabia Saudita sono Khurais, il secondo giacimento del Paese con 1,5 mbg di capacità produttiva, e Abqaiq, il più grande impianto del mondo per il trattamento del greggio, da cui passano due terzi delle esportazioni saudite. La capacità di quest’ultimo è di circa 7 mbg.

Riproduzione riservata ©
Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...