innovazione

Il cioccolato ora si stampa in 3D con Mona Lisa

È possibile creare rapidamente forme tridimensionali di cioccolato di pochi millimetri di spessore in centinaia di copie mantenendo un aspetto artigianale

di Maria Teresa Manuelli

default onloading pic
La stampate 3D per il cioccolato Mona Lisa all’opera

È possibile creare rapidamente forme tridimensionali di cioccolato di pochi millimetri di spessore in centinaia di copie mantenendo un aspetto artigianale


2' di lettura

Decine di stampanti 3D al lavoro simultaneamente per realizzare ogni forma che la mente umana possa concepire. Sculture, labirinti, arabeschi, pizzi... purché di cioccolato. È la nuova tecnologia Mona Lisa 3D Studio ideata da Barry Callebaut, leader nella produzione di cioccolato e prodotti a base di cacao.

Un progetto all’avanguardia che ha richiesto tre anni di studio e che consente di stampare rapidamente forme tridimensionali di cioccolato di pochi millimetri di spessore e in migliaia di pezzi alla volta, mantenendo al contempo un aspetto artigianale.

Loading...

Chef e clienti possono così personalizzare le decorazioni con le proprie preferenze in termini di design, forme e dimensioni, prima che un team di designer trasformi il prodotto in un prototipo digitale 3D con relativi campioni fisici. Una volta approvato il prototipo, il prodotto finale è rapidamente riproducibile su vasta scala. «Possiamo stampare 10, 20 e anche fino a centinaia di pezzi alla volta a costi accettabili», spiega Andrew Bufton, Global process technology manager di Barry Callebaut Group.

Grazie a un lavoro di squadra tra ingegneri, designer, chef, ma anche alcuni partner leader del settore in software e hardware, le stampanti sono collegate tra loro e lavorano simultaneamente in modo automatizzato. «Rispetto alle tecniche tradizionali come lo stampaggio o la termoformatura, Mona Lisa 3D Studio salta le fasi di progettazione, realizzazione e collaudo degli stampi - prosegue Bufton - così dalla progettazione al prototipo fino alla produzione finale siamo in grado di ridurre i tempi di consegna a circa 12 settimane o meno». Le creazioni possono essere utilizzate per dolci, cioccolatini, bevande calde e pasticceria.

Mentre per il futuro conta di attivare altre farm di stampanti in nuove aree geografiche - oltre all’attuale in Olanda, a Zundert - come Usa e Asia, con un investimento che supererà i dieci milioni di euro.«Molte aziende ci hanno chiesto di poter riprodurre i loghi, perché consente loro una maggiore personalizzazione», ha aggiunto Pablo Perversi, Chief Innovation, Sustainability & Quality Officer di Barry Callebaut. Il servizio sarà inizialmente riservato a chef, hotel, caffetterie e ristoranti di alcuni paesi europei. Il primo cliente di Mona Lisa 3D Studio è Van der Valk, una catena alberghiera nei Paesi Bassi.

Per l’evento di lancio, Jordi Roca, uno dei pasticceri più creativi del mondo, ha realizzato un pezzo esclusivo in 3D: “Flor de Cacao”. La creazione rappresenta una fava di cacao che, a contatto con la salsa di cioccolato calda, si apre come un fiore. «Questo nuovo modo di lavorare con il cioccolato – ha dichiarato Roca – sorprenderà i consumatori, poiché permette di realizzare forme inimmaginabili e di produrle su larga scala con una precisione impressionante».

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti