#SocialMediaStrike

Il cofondatore di Wikipedia lancia sciopero dei social network il 4 e 5 luglio

Niente post né tweet il 4 e 5 luglio per protestare contro i colossi del web che controllano i nostri dati

di Fr.Mi.


default onloading pic

2' di lettura

Uno dei fondatori di Wikipedia, Larry Sanger, dichiara guerra ai social network e lancia due giorni di sciopero dei social. Niente tweet, post o stories il 4 e il 5 luglio: è questa la proposta che si sta diffondendo attraverso l’hashtag #SocialMediaStrike per protestare contro un sistema in mano a pochi soggetti che hanno il controllo sui nostri dati. «Il 4 e 5 luglio - spiega Sanger - le persone con delle rimostranze da fare nei
confronti dei social media faranno sciopero. Chiediamo che i colossi dei social ci restituiscano il controllo sui nostri dati, sulla privacy e sulle esperienze».

Per partecipare allo sciopero, spiega l’attivista, le persone che hanno un account sui social network dovranno evitare di pubblicare messaggi. Sarà ammessa solo la pubblicazione di post in cui si dichiara di aderire all’iniziativa.

Sul suo sito Sanger ha messo nero su bianco una “dichiarazione di indipendenza digitale” nella quale spiega la sua posizione: Abbiamo diritti digitali inalienabili, diritti che definiscono se le informazioni che possediamo individualmente possono o meno essere trattate da altri. Tra questi diritti ci sono la libertà di parola, la privacy e la sicurezza. Poiché l’architettura proprietaria e centralizzata di internet ha indotto la maggior parte di noi ad abbandonare questi diritti, anche se con riluttanza o cinismo, dovremmo chiedere un nuovo sistema che li rispetti adeguatamente».

Il cofondatore di Wikipedia contesta - tra le varie cose - l’algoritmo dei social che «evidenzia i contenuti più controversi, rendendo la discussione civica più emotiva e irrazionale»; si scaglia poi contro la richiesta di accordo su termini di servizio «che sono impossibili da comprendere per gli utenti comuni, e che sono discutibilmente vaghi in modo da permettere loro di difendere legalmente le loro pratiche di sfruttamento».

Tra le motivazioni che hanno spinto Sanger a lanciare lo sciopero c’è anche la commercializzazione di dati privati agli inserzionisti senza aver raccolto il consenso preventivo degli utenti.

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...