ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùEspansione

Il colosso dell’arte della tavola punta su sostenibilità e digitale

di Filomena Greco

Lo stabilimento di Novara è stato reso autonomo dal punto di vista energetico grazie a un impianto fotovoltaico. Inoltre, sono state introdotte buone pratiche per il recupero dell'acqua

3' di lettura

Alle spalle ha una lunga e solida tradizione industriale intorno alla quale ha costruito un modello di sviluppo realizzato attraverso acquisizione e diversificazione sui mercati esteri. Oggi il Gruppo Arcturus, in capo alla famiglia Coppo, conta 10 brand, a cominciare da Paderno, Sambonet e Rosenthal, e 1.100 addetti, con tre poli produttivi tra Italia, Francia e Germania. «Apriremo a Milano in ottobre uno show room – racconta Giovanni Coppo, a capo delle vendite e dell’Ufficio Marketing di Sambonet Paderno Industrie – e con il nuovo Cda, che ha visto l’ingresso di figure manageriali esterne, vogliamo accelerare sull’integrazione tra le diverse realtà e sulla creazione di una struttura con funzioni comuni e centralizzate da mettere a disposizione dell’intero Gruppo». Si tratta di un passaggio che apre ad un rafforzamento della struttura e a possibili nuove acquisizioni ed espansioni per il Gruppo piemontese.

Il 2021 ha riportato i ricavi alla fase pre-Covid, sui 155 milioni di fatturato, con il 78% realizzato all’estero, mentre il 2022 fa intravedere una crescita a cominciare dai marchi storici – Paderno e Sambonet – del 28% nel primo semestre dell’anno. «Merito del fatto che dopo la pandemia il mercato casa è cresciuto molto – spiega Coppo – e da quest’anno è in netta ripresa anche la ristorazione».

Loading...

Sostenibilità e digitale diventano, in un periodo complesso dal punto di vista dei prezzi di materie prime ed energia, con inevitabili ricadute su costi e margini, fattori strategici. «Abbiamo investito un milione sulla nostra sede produttiva in provincia di Novara, dove lavorano circa 300 addetti, per realizzare – spiega Coppo – un impianto fotovoltaico in grado di soddisfare buona parte del fabbisogno energetico. Abbiamo introdotto buone pratiche per il recupero dell’acqua di falda impiegata e inaugurato una premialità per i dipendenti collegata al minor consumo di carta a favore dell’archiviazione digitale». Il commercio sul canale digitale è uno dei macro trend post pandemia. Anche Arcturus ha colto l’occasione sviluppando una infrastruttura eCommerce unica che raggruppa l’intera gamma di marchi in capo al Gruppo, per migliorare l’esperienza d’acquisto e garantire una navigazione agevole tra diverse referenze. «Vogliamo replicare questo modello anche nel settore BtoB dove stiamo implementando una piattaforma digitale destinata al mercato degli operatori professionali» aggiunge Coppo.

L’inizio della storia industriale di Arcturus è rappresentato dall’Officina del «nonno» Giovanni Coppo, rilevata nel ’68 dai figli. Subito dopo è arrivata l’opportunità di acquisire Paderno, storico brand di pentole, e nel ’97 l’azienda di posate Sambonet. Tappe che hanno segnato la crescita imprenditoriale dei fratelli Pierluigi e Franco Coppo e posto le basi per un allargamento del business, centrato sulle esigenze di chef e operatori professionali. Una tradizione nell’Ho.re.ca che dopo l’acquisizione di Rosenthal e della storica collaborazione con Versace – l’anno prossimo il co-branding Rosenthal meets Versace compie trent’anni – ha visto crescere il comparto casa. L’ultima acquisizione risale al 2015 e riguarda due marchi francesi del lusso, Ercuis (argenteria francese) e Raynaud (porcellana di Limoges), passaggio che ha favorito la penetrazione verticale del mercato nell’Alto di gamma. Gli Usa, dove da poco Arcturus ha raddoppiato l’area di magazzino per logistica e stoccaggio, pesa per il 20% dei ricavi. «Siamo presenti anche in Asia – aggiunge Coppo – con una filiale distributiva su Shanghai. I volumi sono inferiori a quelli degli Usa ma crediamo si tratti di un mercato difficile per i nostri prodotti ma da presidiare».

Riproduzione riservata ©

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti