il quesito del lunedì

Il conto è cointestato? Passa in successione solo la quota del «de cuius»

di Caterina Valia

1' di lettura

Il quesito. Mio padre ha un conto in banca intestato solo a lui. In caso di decesso, mia madre potrebbe avere accesso immediato a quel conto corrente oppure, pur essendo il coniuge ed erede legittimo del titolare, non l’avrebbe perché non è intestato a lei? L’accesso sarebbe garantito, o quanto meno più facile, nel caso in cui il conto in banca sopra menzionato fosse cointestato? Relativamente alle tasse di successione,invece, quale è la differenza tra avere un conto cointestato tra marito e moglie e non averlo? S.S. - Roma

La risposta. A seguito del decesso dell’intestatario di un conto corrente , le somme depositate spetteranno agli eredi legittimi e/o testamentari. Questi ultimi, tuttavia, potranno prelevare le somme in questione soltanto dopo aver presentato la dichiarazione di successione. Ciò, dunque, vale anche per la madre del lettore.
Se un conto è cointestato, invece, ad essere parte del patrimonio ereditario sarà soltanto la quota spettante all'intestatario deceduto. Di conseguenza, la parte rimanente rimarrà nella titolarità dell’intestatario vivente che può accedervi in ogni momento.

Loading...
Riproduzione riservata ©

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti