ServizioContenuto basato su fatti, osservati e verificati dal reporter in modo diretto o riportati da fonti verificate e attendibili.Scopri di piùenergia

Il crollo del petrolio taglia i listini dei carburanti

In vista ribassi di benzina e gasolio. Effetto virus: vendite a picco nei distributori della Lombardia. Il blocco sui giacimenti nazionali spinge l’import

di Jacopo Giliberto

Viva l’auto elettrica, ma il petrolio sarà tra noi ancora a lungo. Ecco perché

In vista ribassi di benzina e gasolio. Effetto virus: vendite a picco nei distributori della Lombardia. Il blocco sui giacimenti nazionali spinge l’import


2' di lettura

Le compagnie petrolifere si preparano a ribassare i listini di benzina e gasolio dopo il crollo delle quotazioni petrolifere. Venerdì 6 il vertice Opec di Vienna è terminato (come atteso) in un nulla di fatto e a fine mese non verranno rafforzati di fronte a una prospettiva di domanda in ribasso.

Anche il contagio virale che sta staventando molte persone, e le cui contromisure stanno paralizzando larghe fette dell’economia e della produzione, sta portando a un ribasso dei prezzi dei carburanti. Un indicatore chiaro viene dalle zone della Lombardia più sottoposte alla profilassi e alle limitazioni sanitarie: l’emergenza riduce gli spostamenti e ne soffre l’attività delle stazioni di servizio carburanti a Milano e nell’area metropolitana, a Monza Brianza, a Lodi.

Crollo di vendite
Le vendite di carburante, afferma il sindacato gestori carburanti aderente a Confcommercio Milano Lodi Monza Brianza, hanno subito negli ultimi dieci giorni flessioni generalizzate di vendite, con perdite fino al -45% nel lodigiano, mentre nel Milanese e in Brianza la riduzione media è del 25-30%.
Da giorni in Italia i listini di prezzo dei carburanti sono in graduale ribasso, indotti da queste tendenze.

L’effetto dell’emotività
È chiaro che l’andamento del greggio non ha un influsso diretto sul mercato dei prodotti raffinati. Sono due mercati diversi che seguono logiche finanziarie e industriali differenti. Inoltre il petrolio estratto oggi arriverà nel serbatoio dei veicoli fra mesi, quando i valori del prodotto fisico saranno diversi. Tuttavia tra il greggio e i carburanti finiti c’è una correlazione legata soprattutto all’emotività dei consumi E i consumi sono molto cauti.
A titolo di confronto, secondo le rilevazioni del ministero dello Sviluppo economico nel mese di gennaio (è il più recente dato disponibile) la domanda petrolifera italiana è scesa del 2,1% rispetto al gennaio 2019, con un calo più accentuato per la benzina (-3,2%) e più graduale per il gasolio (-1,2%).

La moratoria sui giacimenti nazionali
Un cenno sulle provenienze del greggio importato. Secondo l’Unione petrolifera, nel 2019 sono aumentate le importazioni di greggio in Italia (+1,8%) anche per la moratoria che ha rallentato l’estrazione dai giacimenti nazionali. Forti riduzioni per gli arrivi di petrolio dal Medio Oriente e notevole crescita per gli arrivi da Africa, Mare del Nord e soprattutto per i Paesi dell’ex-Urss.
Il primo paese fornitore è l’Iraq (20%), seguito dalla Libia al 12%. In tutto sono 24 i Paesi fornitori di greggio verso l’Italia.
Nel 2019 le lavorazioni delle raffinerie sono state pari a 71,7 milioni di tonnellate, in calo dell’1,7% rispetto al 2018, ma in recupero rispetto alla prima parte del 2019. Le importazioni di prodotti già raffinati (benzina, gasolio e così via) e semilavorati nei primi undici mesi 2019, in base a dati ancora provvisori, sono ammontate a 14,8 milioni di tonnellate (-5,4% rispetto allo stesso periodo del 2018). Un crollo molto più consistente è stato osservato per le importazioni di semilavorati (-23,9%).

Per saperne di più:
Petrolio, sì dell'Opec a maxi tagli. Ma Mosca potrebbe far saltare l'intesa
Venerdì nero per Europa e Wall Street. Fallisce vertice Opec, petrolio a picco

Riproduzione riservata ©
  • default onloading pic

    Jacopo Gilibertogiornalista

    Lingue parlate: italiano, inglese

    Argomenti: ambiente, energia, fonti rinnovabili, ecologia, energia eolica, storia, chimica, trasporti, inquinamento, cambiamenti climatici, imballaggi, riciclo, scienza, medicina, risparmio energetico, industria farmaceutica, alimentazione, sostenibilità, petrolio, venezia, gas

    Premi: premio enea energia e ambiente 1998, premio federchimica 1991 sezione quotidiani, premio assovetro 1993 sezione quotidiani, premio bolsena ambiente 1994, premio federchimica 1995 sezione quotidiani,

Per saperne di più

loading...

Brand connect

Loading...

Newsletter

Notizie e approfondimenti sugli avvenimenti politici, economici e finanziari.

Iscriviti
Loading...